Il decreto legge Sostegni-bis, all’articolo 67-bis, ha previsto il riconoscimento di un credito d’imposta in favore dei titolari di impianti pubblicitari privati o concessi a soggetti privati, destinati all’affissione di manifesti e ad analoghe installazioni pubblicitarie di natura commerciale, anche attraverso pannelli luminosi o proiezioni di immagini.

I soggetti in possesso dei requisiti per accedere al credito d’imposta in parola sono tenuti a comunicare all’Agenzia delle Entrate l’importo dovuto per l’anno 2021 a titolo di canone patrimoniale di concessione, autorizzazione o esposizione tributaria, per la diffusione di messaggi pubblicitari per un periodo non superiore a sei mesi. A tal fine deve essere preso in considerazione il canone in concreto versato dal contribuente.

L’ammontare massimo del credito d’imposta fruibile è pari all’importo del canone risultante dall’ultima comunicazione presentata, in assenza di successiva rinuncia, moltiplicato per la percentuale resa nota dall’Agenzia delle Entrate.

Il credito d’imposta è utilizzabile esclusivamente in compensazione a partire dal giorno lavorativo successivo alla pubblicazione del provvedimento che rende nota la percentuale.

Ai fini dell’utilizzo in compensazione, il mod. F24 è presentato esclusivamente attraverso i servizi telematici delle Entrate, pena il rifiuto dell’operazione di versamento. Il credito d’imposta utilizzato in compensazione non può eccedere l’importo disponibile, tenuto conto delle fruizioni già avvenute o in corso, pena lo scarto del mod. F24.

Con il provvedimento del 18 marzo 2022 il Direttore dell’Agenzia delle Entrate, Ernesto Maria Ruffini, ha determinato la percentuale di fruizione del credito d’imposta che è pari al 100%.

Ciascun beneficiario può visualizzare l’ammontare del credito d’imposta fruibile tramite il proprio cassetto fiscale.

L’Agenzia delle Entrate, con la risoluzione n. 15/E del 22 marzo 2022, ha istituito il codice tributo per consentire ai beneficiari di utilizzare in compensazione il credito d’imposta in parola. Il nuovo codice tributo è il seguente: ‘6973’ denominato ‘CREDITO D’IMPOSTA IMPIANTI PUBBLICITARI – art. 67-bis Dl n. 73/2021’.

L’articolo Istituzione del codice tributo per l’utilizzo del credito d’imposta in favore dei titolari di impianti pubblicitari destinati all’affissione di manifesti e ad analoghe installazioni pubblicitarie commerciali proviene da Metaping.

CategoryNovità