Proseguono i lavori e gli incontri sull’emendamento che contiene la riforma fiscale. Per il taglio delle tasse la manovra 2022 mette a disposizione 8 miliardi di euro ma non indica come. L’emendamento tradurrà in concreto questo e il ministro Franco sta cercando un’intesa nella maggioranza. Gran parte delle risorse sarà dedicata alla riduzione dell’Irpef, con una rimodulazione di aliquote e scaglioni che passerebbero da 5 a 4, un aumento delle detrazioni e un incremento della no tax area per i pensionati e per gli autonomi, ma non per i lavoratori dipendenti. Le nuove quattro aliquote sarebbero: 23% per i redditi fino a 15 mila euro, 25% tra 15 e 35 mila, 34% fra 35 e 55 mila, 43% oltre. L’attuale aliquota del 27% che si applica ai redditi tra 15 e 28 mila euro verrebbe ridotta di due punti e di quattro quella del 38% per i redditi 28-55 mila euro. Proprio il nuovo scaglione del 34% (per i redditi tra 35 mila e 55 mila euro) farebbe ottenere risparmi consistenti, in alcuni casi superiori a 800 euro l’anno. Questa revisione dell’Irpef costerebbe 6 miliardi e lascerebbe solo due miliardi al taglio dell’Irap.

L’articolo Quattro aliquote per la nuova Irpef Più detrazioni, sale la no tax area proviene da Metaping.

CategoryRassegna stampa