Oggi la Commissione europea pubblicherà i suoi tradizionali giudizi sulle finanze pubbliche dei Paesi membri. Nonostante il Patto di stabilità sia di fatto sospeso, l’esecutivo comunitario certamente esprimerà cautela sull’andamento dei conti pubblici per i Paesi con alto debito, come l’Italia. Secondo rumors Bruxelles ritiene che la Finanziaria 2022 rispetti gli obiettivi legati al Pnrr ma evidenzierà l’aumento della spesa pubblica corrente finanziata a livello nazionale, invitando il governo ad adottare misure durante la messa a punto del bilancio per limitarne l’incremento. La presa di posizione non deve sorprendere. Già a metà mese, pubblicando le proprie previsioni economiche, la Commissione europea aveva lasciato trasparire il suo disagio, notando la presenza di nuove misure di spesa pari all’1,2% del Pil ‘tali da pesare sul disavanzo’. La crescita economica consentirà un calo del debito pubblico in percentuale dal 155,6% del 2020 al 151,0% nel 2023.

L’articolo Ue: manovra in linea con il Pnrr ma l’Italia freni le spese correnti proviene da Metaping.

CategoryRassegna stampa