L’impianto della legge di bilancio è definitivo, con misure per 32 miliardi di euro. Gli interventi caratterizzanti sono rappresentati dal taglio delle tasse per 8 miliardi di euro, dal superamento di Quota 100 con Quota 102, il rifinanziamento del Reddito di cittadinanza, un fondo da 3,8 miliardi per contrastare il caro-bollette e un corposo pacchetto di bonus per la casa. Naturalmente la misura principe è costituita dal Superbonus al 110% confermato per tutto il 2022. Per ridurre Irpef e Irap è stato necessario un lungo confronto tra Governo e partiti di maggioranza. Lo conferma il ministro dell’Economia, Daniele Franco. Oltre alle tasse l’altro elemento di discussione è stato il Superbonus. I paletti originariamente previsti dall’Esecutivo sono stati eliminati su pressione dei partiti. Il premier Draghi e il ministro Franco avevano molti dubbi sull’opportunità di mantenere inalterata la maxi detrazione in quanto ha creato distorsioni, a cominciare da un forte aumento dei prezzi delle materie prime per le ristrutturazioni. Inoltre il sistema ha incentivato moltissime frodi.

L’articolo Il premier attacca il Superbonus. Gelo M5S proviene da Metaping.

CategoryRassegna stampa