L’Arera, nella delibera 15/2022, ha stilato un lungo elenco di doveri affinché il servizio di raccolta rifiuti abbia analoghe caratteristiche di efficienza in tutto il territorio nazionale. Oggi, invece, ci sono città in cui si raggiungono picchi di efficienza, altre, invece, caratterizzate da vere e proprie situazioni di emergenza. Nello specifico le amministrazioni comunali e le aziende di igiene urbana dovranno indicare per ogni via il giorno e la fascia oraria della raccolta rifiuti, dello spazzamento e pulizia delle strade. Dovranno garantire almeno una modalità senza costi aggiuntivi per il pagamento della Tari, e assicurare rateizzazioni in particolare alle famiglie in difficoltà; dovranno anche attivare un numero verde gratuito per i contribuenti, come gratuito dovrà essere il servizio di raccolta dei rifiuti ingombranti. Tempi certi e celeri per i rimborsi degli importi non dovuti e per gli interventi su segnalazione degli utenti.

L’articolo La rivoluzione della Tari: rate obbligate se aumenta e rimborsi entro sei mesi proviene da Metaping.

CategoryRassegna stampa