La riserva di rivalutazione nata dall’articolo 110 del decreto Agosto può originare un ammortamento agevolabile già a partire dal 2021, in relazione all’importo degli ammortamenti stanziati sui maggiori valori iscritti, con il non trascurabile particolare che, grazie alla Super-Ace, per il 2021 l’effetto è amplificato dall’applicazione del coefficiente di rendimento del 15% sino a 5 milioni di incremento del capitale proprio. Per rivalutazioni operate tra il 2011 e il 2019 si apre anche la possibilità di presentare dichiarazioni integrative per fruire del maggior beneficio Ace non fruito a suo tempo, oltre a un maggior effetto sugli ammortamenti operati nel 2021 sui beni a suo tempo rivalutati. Il realizzo che consente di incrementare la base Ace non incide in alcun modo sul regime fiscale della riserva, nel senso che non ne determina l’affrancamento nel caso essa fosse in sospensione d’imposta.

L’articolo Ace, la riserva di rivalutazione non si libera dal vincolo fiscale proviene da Metaping.

CategoryRassegna stampa