Adeguamento alle risultanze degli studi di settore e/o agli “Indici Sintetici di Affidabilità fiscale” (ISA): : versamento 6a rata

chi: Soggetti che si adeguano alle risultanze degli Indici Sintetici di Affidabilità fiscale (ISA) nella dichiarazione dei redditi, nella dichiarazione Irap e nella dichiarazione IVA che hanno scelto il pagamento rateale ed hanno effettuato il primo versamento entro il 30 giugno 2021 e nonostante la proroga prevista dall’art. 9-ter, D.L. 25 maggio 2021, n. 73, hanno scelto di proseguire i versamenti secondo le scadenze del piano di rateazione originario.

cosa:

Versamento della 6a rata dell’Irpef relativa ai maggiori ricavi o compensi indicati nella dichiarazione dei redditi. Sulle rate aventi scadenza successiva al 15 settembre 2021 sono dovuti gli interessi al tasso del 4 per cento annuo, a decorrere dal 16 settembre 2021. Gli interessi di rateazione eventualmente già versati, non più dovuti per effetto della proroga, possono essere scomputati dagli interessi dovuti sulle rate successive.

modalità:

Modello F24 con modalità telematiche, direttamente (utilizzando i servizi “F24 web” o “F24 online” dell’Agenzia delle Entrate, attraverso i canali telematici Fisconline o Entratel oppure ricorrendo, tranne nel caso di modello F24 a saldo zero, ai servizi di internet banking messi a disposizione da banche, Poste Italiane e Agenti della riscossione convenzionati con l’Agenzia delle Entrate) oppure tramite intermediario abilitato

codice tributo: 4001 – Irpef Saldo

Adeguamento alle risultanze degli studi di settore e/o agli “Indici Sintetici di Affidabilità fiscale” (ISA): : versamento 6a rata

chi: Soggetti che si adeguano alle risultanze degli Indici Sintetici di Affidabilità fiscale (ISA) nella dichiarazione dei redditi, nella dichiarazione Irap e nella dichiarazione IVA che hanno scelto il pagamento rateale ed hanno effettuato il primo versamento entro il 30 giugno 2021 e nonostante la proroga prevista dall’art. 9-ter, D.L. 25 maggio 2021, n. 73, hanno scelto di proseguire i versamenti secondo le scadenze del piano di rateazione originario.

cosa:

Versamento della 6a rata dell’Irpef relativa ai maggiori ricavi o compensi indicati nella dichiarazione dei redditi. Sulle rate aventi scadenza successiva al 15 settembre 2021 sono dovuti gli interessi al tasso del 4 per cento annuo, a decorrere dal 16 settembre 2021. Gli interessi di rateazione eventualmente già versati, non più dovuti per effetto della proroga, possono essere scomputati dagli interessi dovuti sulle rate successive.

modalità:

Modello F24 con modalità telematiche, direttamente (utilizzando i servizi “F24 web” o “F24 online” dell’Agenzia delle Entrate, attraverso i canali telematici Fisconline o Entratel oppure ricorrendo, tranne nel caso di modello F24 a saldo zero, ai servizi di internet banking messi a disposizione da banche, Poste Italiane e Agenti della riscossione convenzionati con l’Agenzia delle Entrate) oppure tramite intermediario abilitato

codice tributo: 4001 – Irpef Saldo

Adeguamento alle risultanze degli studi di settore e/o agli “Indici Sintetici di Affidabilità fiscale” (ISA): : versamento 6a rata

chi: Soggetti che si adeguano alle risultanze degli Indici Sintetici di Affidabilità fiscale (ISA) nella dichiarazione dei redditi, nella dichiarazione Irap e nella dichiarazione IVA che hanno scelto il pagamento rateale ed hanno effettuato il primo versamento entro il 30 giugno 2021 e nonostante la proroga prevista dall’art. 9-ter, D.L. 25 maggio 2021, n. 73, hanno scelto di proseguire i versamenti secondo le scadenze del piano di rateazione originario.

cosa:

Versamento della 6a rata dell’Irpef relativa ai maggiori ricavi o compensi indicati nella dichiarazione dei redditi. Sulle rate aventi scadenza successiva al 15 settembre 2021 sono dovuti gli interessi al tasso del 4 per cento annuo, a decorrere dal 16 settembre 2021. Gli interessi di rateazione eventualmente già versati, non più dovuti per effetto della proroga, possono essere scomputati dagli interessi dovuti sulle rate successive.

modalità:

Modello F24 con modalità telematiche, direttamente (utilizzando i servizi “F24 web” o “F24 online” dell’Agenzia delle Entrate, attraverso i canali telematici Fisconline o Entratel oppure ricorrendo, tranne nel caso di modello F24 a saldo zero, ai servizi di internet banking messi a disposizione da banche, Poste Italiane e Agenti della riscossione convenzionati con l’Agenzia delle Entrate) oppure tramite intermediario abilitato

codice tributo: 4001 – Irpef Saldo

Adeguamento alle risultanze degli studi di settore e/o agli “Indici Sintetici di Affidabilità fiscale” (ISA): : versamento 6a rata

chi: Soggetti che si adeguano alle risultanze degli Indici Sintetici di Affidabilità fiscale (ISA) nella dichiarazione dei redditi, nella dichiarazione Irap e nella dichiarazione IVA che hanno scelto il pagamento rateale ed hanno effettuato il primo versamento entro il 30 giugno 2021 e nonostante la proroga prevista dall’art. 9-ter, D.L. 25 maggio 2021, n. 73, hanno scelto di proseguire i versamenti secondo le scadenze del piano di rateazione originario.

cosa:

Versamento della 6a rata dell’Irpef relativa ai maggiori ricavi o compensi indicati nella dichiarazione dei redditi. Sulle rate aventi scadenza successiva al 15 settembre 2021 sono dovuti gli interessi al tasso del 4 per cento annuo, a decorrere dal 16 settembre 2021. Gli interessi di rateazione eventualmente già versati, non più dovuti per effetto della proroga, possono essere scomputati dagli interessi dovuti sulle rate successive.

modalità:

Modello F24 con modalità telematiche, direttamente (utilizzando i servizi “F24 web” o “F24 online” dell’Agenzia delle Entrate, attraverso i canali telematici Fisconline o Entratel oppure ricorrendo, tranne nel caso di modello F24 a saldo zero, ai servizi di internet banking messi a disposizione da banche, Poste Italiane e Agenti della riscossione convenzionati con l’Agenzia delle Entrate) oppure tramite intermediario abilitato

codice tributo: 4001 – Irpef Saldo

Adeguamento alle risultanze degli studi di settore e/o agli “Indici Sintetici di Affidabilità fiscale” (ISA): : versamento 6a rata

chi: Soggetti che si adeguano alle risultanze degli Indici Sintetici di Affidabilità fiscale (ISA) nella dichiarazione dei redditi, nella dichiarazione Irap e nella dichiarazione IVA che hanno scelto il pagamento rateale ed hanno effettuato il primo versamento entro il 30 giugno 2021 e nonostante la proroga prevista dall’art. 9-ter, D.L. 25 maggio 2021, n. 73, hanno scelto di proseguire i versamenti secondo le scadenze del piano di rateazione originario.

cosa:

Versamento della 6a rata dell’Irpef relativa ai maggiori ricavi o compensi indicati nella dichiarazione dei redditi. Sulle rate aventi scadenza successiva al 15 settembre 2021 sono dovuti gli interessi al tasso del 4 per cento annuo, a decorrere dal 16 settembre 2021. Gli interessi di rateazione eventualmente già versati, non più dovuti per effetto della proroga, possono essere scomputati dagli interessi dovuti sulle rate successive.

modalità:

Modello F24 con modalità telematiche, direttamente (utilizzando i servizi “F24 web” o “F24 online” dell’Agenzia delle Entrate, attraverso i canali telematici Fisconline o Entratel oppure ricorrendo, tranne nel caso di modello F24 a saldo zero, ai servizi di internet banking messi a disposizione da banche, Poste Italiane e Agenti della riscossione convenzionati con l’Agenzia delle Entrate) oppure tramite intermediario abilitato

codice tributo: 4001 – Irpef Saldo

Adeguamento alle risultanze degli studi di settore e/o agli “Indici Sintetici di Affidabilità fiscale” (ISA): : versamento 6a rata

chi: Soggetti che si adeguano alle risultanze degli Indici Sintetici di Affidabilità fiscale (ISA) nella dichiarazione dei redditi, nella dichiarazione Irap e nella dichiarazione IVA che hanno scelto il pagamento rateale ed hanno effettuato il primo versamento entro il 30 giugno 2021 e nonostante la proroga prevista dall’art. 9-ter, D.L. 25 maggio 2021, n. 73, hanno scelto di proseguire i versamenti secondo le scadenze del piano di rateazione originario.

cosa:

Versamento della 6a rata dell’Irpef relativa ai maggiori ricavi o compensi indicati nella dichiarazione dei redditi. Sulle rate aventi scadenza successiva al 15 settembre 2021 sono dovuti gli interessi al tasso del 4 per cento annuo, a decorrere dal 16 settembre 2021. Gli interessi di rateazione eventualmente già versati, non più dovuti per effetto della proroga, possono essere scomputati dagli interessi dovuti sulle rate successive.

modalità:

Modello F24 con modalità telematiche, direttamente (utilizzando i servizi “F24 web” o “F24 online” dell’Agenzia delle Entrate, attraverso i canali telematici Fisconline o Entratel oppure ricorrendo, tranne nel caso di modello F24 a saldo zero, ai servizi di internet banking messi a disposizione da banche, Poste Italiane e Agenti della riscossione convenzionati con l’Agenzia delle Entrate) oppure tramite intermediario abilitato

codice tributo: 4001 – Irpef Saldo

Adeguamento alle risultanze degli studi di settore e/o agli “Indici Sintetici di Affidabilità fiscale” (ISA): : versamento 6a rata

chi: Soggetti che si adeguano alle risultanze degli Indici Sintetici di Affidabilità fiscale (ISA) nella dichiarazione dei redditi, nella dichiarazione Irap e nella dichiarazione IVA che hanno scelto il pagamento rateale ed hanno effettuato il primo versamento entro il 30 giugno 2021 e nonostante la proroga prevista dall’art. 9-ter, D.L. 25 maggio 2021, n. 73, hanno scelto di proseguire i versamenti secondo le scadenze del piano di rateazione originario.

cosa:

Versamento della 6a rata dell’Irpef relativa ai maggiori ricavi o compensi indicati nella dichiarazione dei redditi. Sulle rate aventi scadenza successiva al 15 settembre 2021 sono dovuti gli interessi al tasso del 4 per cento annuo, a decorrere dal 16 settembre 2021. Gli interessi di rateazione eventualmente già versati, non più dovuti per effetto della proroga, possono essere scomputati dagli interessi dovuti sulle rate successive.

modalità:

Modello F24 con modalità telematiche, direttamente (utilizzando i servizi “F24 web” o “F24 online” dell’Agenzia delle Entrate, attraverso i canali telematici Fisconline o Entratel oppure ricorrendo, tranne nel caso di modello F24 a saldo zero, ai servizi di internet banking messi a disposizione da banche, Poste Italiane e Agenti della riscossione convenzionati con l’Agenzia delle Entrate) oppure tramite intermediario abilitato

codice tributo: 4001 – Irpef Saldo

Adeguamento alle risultanze degli studi di settore e/o agli “Indici Sintetici di Affidabilità fiscale” (ISA): : versamento 6a rata

chi: Soggetti che si adeguano alle risultanze degli Indici Sintetici di Affidabilità fiscale (ISA) nella dichiarazione dei redditi, nella dichiarazione Irap e nella dichiarazione IVA che hanno scelto il pagamento rateale ed hanno effettuato il primo versamento entro il 30 giugno 2021 e nonostante la proroga prevista dall’art. 9-ter, D.L. 25 maggio 2021, n. 73, hanno scelto di proseguire i versamenti secondo le scadenze del piano di rateazione originario.

cosa:

Versamento della 6a rata dell’Irpef relativa ai maggiori ricavi o compensi indicati nella dichiarazione dei redditi. Sulle rate aventi scadenza successiva al 15 settembre 2021 sono dovuti gli interessi al tasso del 4 per cento annuo, a decorrere dal 16 settembre 2021. Gli interessi di rateazione eventualmente già versati, non più dovuti per effetto della proroga, possono essere scomputati dagli interessi dovuti sulle rate successive.

modalità:

Modello F24 con modalità telematiche, direttamente (utilizzando i servizi “F24 web” o “F24 online” dell’Agenzia delle Entrate, attraverso i canali telematici Fisconline o Entratel oppure ricorrendo, tranne nel caso di modello F24 a saldo zero, ai servizi di internet banking messi a disposizione da banche, Poste Italiane e Agenti della riscossione convenzionati con l’Agenzia delle Entrate) oppure tramite intermediario abilitato

codice tributo: 4001 – Irpef Saldo

Adeguamento alle risultanze degli studi di settore e/o agli “Indici Sintetici di Affidabilità fiscale” (ISA): : versamento 6a rata

chi: Soggetti che si adeguano alle risultanze degli Indici Sintetici di Affidabilità fiscale (ISA) nella dichiarazione dei redditi, nella dichiarazione Irap e nella dichiarazione IVA che hanno scelto il pagamento rateale ed hanno effettuato il primo versamento entro il 30 giugno 2021 e nonostante la proroga prevista dall’art. 9-ter, D.L. 25 maggio 2021, n. 73, hanno scelto di proseguire i versamenti secondo le scadenze del piano di rateazione originario.

cosa:

Versamento della 6a rata dell’Irpef relativa ai maggiori ricavi o compensi indicati nella dichiarazione dei redditi. Sulle rate aventi scadenza successiva al 15 settembre 2021 sono dovuti gli interessi al tasso del 4 per cento annuo, a decorrere dal 16 settembre 2021. Gli interessi di rateazione eventualmente già versati, non più dovuti per effetto della proroga, possono essere scomputati dagli interessi dovuti sulle rate successive.

modalità:

Modello F24 con modalità telematiche, direttamente (utilizzando i servizi “F24 web” o “F24 online” dell’Agenzia delle Entrate, attraverso i canali telematici Fisconline o Entratel oppure ricorrendo, tranne nel caso di modello F24 a saldo zero, ai servizi di internet banking messi a disposizione da banche, Poste Italiane e Agenti della riscossione convenzionati con l’Agenzia delle Entrate) oppure tramite intermediario abilitato

codice tributo: 4001 – Irpef Saldo

Adeguamento alle risultanze degli studi di settore e/o agli “Indici Sintetici di Affidabilità fiscale” (ISA): : versamento 6a rata

chi: Soggetti che si adeguano alle risultanze degli Indici Sintetici di Affidabilità fiscale (ISA) nella dichiarazione dei redditi, nella dichiarazione Irap e nella dichiarazione IVA che hanno scelto il pagamento rateale ed hanno effettuato il primo versamento entro il 30 giugno 2021 e nonostante la proroga prevista dall’art. 9-ter, D.L. 25 maggio 2021, n. 73, hanno scelto di proseguire i versamenti secondo le scadenze del piano di rateazione originario.

cosa:

Versamento della 6a rata dell’Irpef relativa ai maggiori ricavi o compensi indicati nella dichiarazione dei redditi. Sulle rate aventi scadenza successiva al 15 settembre 2021 sono dovuti gli interessi al tasso del 4 per cento annuo, a decorrere dal 16 settembre 2021. Gli interessi di rateazione eventualmente già versati, non più dovuti per effetto della proroga, possono essere scomputati dagli interessi dovuti sulle rate successive.

modalità:

Modello F24 con modalità telematiche, direttamente (utilizzando i servizi “F24 web” o “F24 online” dell’Agenzia delle Entrate, attraverso i canali telematici Fisconline o Entratel oppure ricorrendo, tranne nel caso di modello F24 a saldo zero, ai servizi di internet banking messi a disposizione da banche, Poste Italiane e Agenti della riscossione convenzionati con l’Agenzia delle Entrate) oppure tramite intermediario abilitato

codice tributo: 4001 – Irpef Saldo

Adeguamento alle risultanze degli studi di settore e/o agli “Indici Sintetici di Affidabilità fiscale” (ISA): : versamento 6a rata

chi: Soggetti che si adeguano alle risultanze degli Indici Sintetici di Affidabilità fiscale (ISA) nella dichiarazione dei redditi, nella dichiarazione Irap e nella dichiarazione IVA che hanno scelto il pagamento rateale ed hanno effettuato il primo versamento entro il 30 giugno 2021 e nonostante la proroga prevista dall’art. 9-ter, D.L. 25 maggio 2021, n. 73, hanno scelto di proseguire i versamenti secondo le scadenze del piano di rateazione originario.

cosa:

Versamento della 6a rata dell’Irpef relativa ai maggiori ricavi o compensi indicati nella dichiarazione dei redditi. Sulle rate aventi scadenza successiva al 15 settembre 2021 sono dovuti gli interessi al tasso del 4 per cento annuo, a decorrere dal 16 settembre 2021. Gli interessi di rateazione eventualmente già versati, non più dovuti per effetto della proroga, possono essere scomputati dagli interessi dovuti sulle rate successive.

modalità:

Modello F24 con modalità telematiche, direttamente (utilizzando i servizi “F24 web” o “F24 online” dell’Agenzia delle Entrate, attraverso i canali telematici Fisconline o Entratel oppure ricorrendo, tranne nel caso di modello F24 a saldo zero, ai servizi di internet banking messi a disposizione da banche, Poste Italiane e Agenti della riscossione convenzionati con l’Agenzia delle Entrate) oppure tramite intermediario abilitato

codice tributo: 4001 – Irpef Saldo

Adeguamento alle risultanze degli studi di settore e/o agli “Indici Sintetici di Affidabilità fiscale” (ISA): : versamento 6a rata

chi: Soggetti che si adeguano alle risultanze degli Indici Sintetici di Affidabilità fiscale (ISA) nella dichiarazione dei redditi, nella dichiarazione Irap e nella dichiarazione IVA che hanno scelto il pagamento rateale ed hanno effettuato il primo versamento entro il 30 giugno 2021 e nonostante la proroga prevista dall’art. 9-ter, D.L. 25 maggio 2021, n. 73, hanno scelto di proseguire i versamenti secondo le scadenze del piano di rateazione originario.

cosa:

Versamento della 6a rata dell’Irpef relativa ai maggiori ricavi o compensi indicati nella dichiarazione dei redditi. Sulle rate aventi scadenza successiva al 15 settembre 2021 sono dovuti gli interessi al tasso del 4 per cento annuo, a decorrere dal 16 settembre 2021. Gli interessi di rateazione eventualmente già versati, non più dovuti per effetto della proroga, possono essere scomputati dagli interessi dovuti sulle rate successive.

modalità:

Modello F24 con modalità telematiche, direttamente (utilizzando i servizi “F24 web” o “F24 online” dell’Agenzia delle Entrate, attraverso i canali telematici Fisconline o Entratel oppure ricorrendo, tranne nel caso di modello F24 a saldo zero, ai servizi di internet banking messi a disposizione da banche, Poste Italiane e Agenti della riscossione convenzionati con l’Agenzia delle Entrate) oppure tramite intermediario abilitato

codice tributo: 4001 – Irpef Saldo

Adeguamento alle risultanze degli studi di settore e/o agli “Indici Sintetici di Affidabilità fiscale” (ISA): : versamento 6a rata

chi: Soggetti che si adeguano alle risultanze degli Indici Sintetici di Affidabilità fiscale (ISA) nella dichiarazione dei redditi, nella dichiarazione Irap e nella dichiarazione IVA che hanno scelto il pagamento rateale ed hanno effettuato il primo versamento entro il 30 giugno 2021 e nonostante la proroga prevista dall’art. 9-ter, D.L. 25 maggio 2021, n. 73, hanno scelto di proseguire i versamenti secondo le scadenze del piano di rateazione originario.

cosa:

Versamento della 6a rata dell’Irpef relativa ai maggiori ricavi o compensi indicati nella dichiarazione dei redditi. Sulle rate aventi scadenza successiva al 15 settembre 2021 sono dovuti gli interessi al tasso del 4 per cento annuo, a decorrere dal 16 settembre 2021. Gli interessi di rateazione eventualmente già versati, non più dovuti per effetto della proroga, possono essere scomputati dagli interessi dovuti sulle rate successive.

modalità:

Modello F24 con modalità telematiche, direttamente (utilizzando i servizi “F24 web” o “F24 online” dell’Agenzia delle Entrate, attraverso i canali telematici Fisconline o Entratel oppure ricorrendo, tranne nel caso di modello F24 a saldo zero, ai servizi di internet banking messi a disposizione da banche, Poste Italiane e Agenti della riscossione convenzionati con l’Agenzia delle Entrate) oppure tramite intermediario abilitato

codice tributo: 4001 – Irpef Saldo

Adeguamento alle risultanze degli studi di settore e/o agli “Indici Sintetici di Affidabilità fiscale” (ISA): : versamento 6a rata

chi: Soggetti che si adeguano alle risultanze degli Indici Sintetici di Affidabilità fiscale (ISA) nella dichiarazione dei redditi, nella dichiarazione Irap e nella dichiarazione IVA che hanno scelto il pagamento rateale ed hanno effettuato il primo versamento entro il 30 giugno 2021 e nonostante la proroga prevista dall’art. 9-ter, D.L. 25 maggio 2021, n. 73, hanno scelto di proseguire i versamenti secondo le scadenze del piano di rateazione originario.

cosa:

Versamento della 6a rata dell’Irpef relativa ai maggiori ricavi o compensi indicati nella dichiarazione dei redditi. Sulle rate aventi scadenza successiva al 15 settembre 2021 sono dovuti gli interessi al tasso del 4 per cento annuo, a decorrere dal 16 settembre 2021. Gli interessi di rateazione eventualmente già versati, non più dovuti per effetto della proroga, possono essere scomputati dagli interessi dovuti sulle rate successive.

modalità:

Modello F24 con modalità telematiche, direttamente (utilizzando i servizi “F24 web” o “F24 online” dell’Agenzia delle Entrate, attraverso i canali telematici Fisconline o Entratel oppure ricorrendo, tranne nel caso di modello F24 a saldo zero, ai servizi di internet banking messi a disposizione da banche, Poste Italiane e Agenti della riscossione convenzionati con l’Agenzia delle Entrate) oppure tramite intermediario abilitato

codice tributo: 4001 – Irpef Saldo

Adeguamento alle risultanze degli studi di settore e/o agli “Indici Sintetici di Affidabilità fiscale” (ISA): : versamento 6a rata

chi: Soggetti che si adeguano alle risultanze degli Indici Sintetici di Affidabilità fiscale (ISA) nella dichiarazione dei redditi, nella dichiarazione Irap e nella dichiarazione IVA che hanno scelto il pagamento rateale ed hanno effettuato il primo versamento entro il 30 giugno 2021 e nonostante la proroga prevista dall’art. 9-ter, D.L. 25 maggio 2021, n. 73, hanno scelto di proseguire i versamenti secondo le scadenze del piano di rateazione originario.

cosa:

Versamento della 6a rata dell’Irpef relativa ai maggiori ricavi o compensi indicati nella dichiarazione dei redditi. Sulle rate aventi scadenza successiva al 15 settembre 2021 sono dovuti gli interessi al tasso del 4 per cento annuo, a decorrere dal 16 settembre 2021. Gli interessi di rateazione eventualmente già versati, non più dovuti per effetto della proroga, possono essere scomputati dagli interessi dovuti sulle rate successive.

modalità:

Modello F24 con modalità telematiche, direttamente (utilizzando i servizi “F24 web” o “F24 online” dell’Agenzia delle Entrate, attraverso i canali telematici Fisconline o Entratel oppure ricorrendo, tranne nel caso di modello F24 a saldo zero, ai servizi di internet banking messi a disposizione da banche, Poste Italiane e Agenti della riscossione convenzionati con l’Agenzia delle Entrate) oppure tramite intermediario abilitato

codice tributo: 4001 – Irpef Saldo

Adeguamento alle risultanze degli studi di settore e/o agli “Indici Sintetici di Affidabilità fiscale” (ISA): : versamento 6a rata

chi: Soggetti che si adeguano alle risultanze degli Indici Sintetici di Affidabilità fiscale (ISA) nella dichiarazione dei redditi, nella dichiarazione Irap e nella dichiarazione IVA che hanno scelto il pagamento rateale ed hanno effettuato il primo versamento entro il 30 giugno 2021 e nonostante la proroga prevista dall’art. 9-ter, D.L. 25 maggio 2021, n. 73, hanno scelto di proseguire i versamenti secondo le scadenze del piano di rateazione originario.

cosa:

Versamento della 6a rata dell’Irpef relativa ai maggiori ricavi o compensi indicati nella dichiarazione dei redditi. Sulle rate aventi scadenza successiva al 15 settembre 2021 sono dovuti gli interessi al tasso del 4 per cento annuo, a decorrere dal 16 settembre 2021. Gli interessi di rateazione eventualmente già versati, non più dovuti per effetto della proroga, possono essere scomputati dagli interessi dovuti sulle rate successive.

modalità:

Modello F24 con modalità telematiche, direttamente (utilizzando i servizi “F24 web” o “F24 online” dell’Agenzia delle Entrate, attraverso i canali telematici Fisconline o Entratel oppure ricorrendo, tranne nel caso di modello F24 a saldo zero, ai servizi di internet banking messi a disposizione da banche, Poste Italiane e Agenti della riscossione convenzionati con l’Agenzia delle Entrate) oppure tramite intermediario abilitato

codice tributo: 4001 – Irpef Saldo

Adeguamento alle risultanze degli studi di settore e/o agli “Indici Sintetici di Affidabilità fiscale” (ISA): : versamento 6a rata

chi: Soggetti che si adeguano alle risultanze degli Indici Sintetici di Affidabilità fiscale (ISA) nella dichiarazione dei redditi, nella dichiarazione Irap e nella dichiarazione IVA che hanno scelto il pagamento rateale ed hanno effettuato il primo versamento entro il 30 giugno 2021 e nonostante la proroga prevista dall’art. 9-ter, D.L. 25 maggio 2021, n. 73, hanno scelto di proseguire i versamenti secondo le scadenze del piano di rateazione originario.

cosa:

Versamento della 6a rata dell’Irpef relativa ai maggiori ricavi o compensi indicati nella dichiarazione dei redditi. Sulle rate aventi scadenza successiva al 15 settembre 2021 sono dovuti gli interessi al tasso del 4 per cento annuo, a decorrere dal 16 settembre 2021. Gli interessi di rateazione eventualmente già versati, non più dovuti per effetto della proroga, possono essere scomputati dagli interessi dovuti sulle rate successive.

modalità:

Modello F24 con modalità telematiche, direttamente (utilizzando i servizi “F24 web” o “F24 online” dell’Agenzia delle Entrate, attraverso i canali telematici Fisconline o Entratel oppure ricorrendo, tranne nel caso di modello F24 a saldo zero, ai servizi di internet banking messi a disposizione da banche, Poste Italiane e Agenti della riscossione convenzionati con l’Agenzia delle Entrate) oppure tramite intermediario abilitato

codice tributo: 4001 – Irpef Saldo

Adeguamento alle risultanze degli studi di settore e/o agli “Indici Sintetici di Affidabilità fiscale” (ISA): : versamento 6a rata

chi: Soggetti che si adeguano alle risultanze degli Indici Sintetici di Affidabilità fiscale (ISA) nella dichiarazione dei redditi, nella dichiarazione Irap e nella dichiarazione IVA che hanno scelto il pagamento rateale ed hanno effettuato il primo versamento entro il 30 giugno 2021 e nonostante la proroga prevista dall’art. 9-ter, D.L. 25 maggio 2021, n. 73, hanno scelto di proseguire i versamenti secondo le scadenze del piano di rateazione originario.

cosa:

Versamento della 6a rata dell’Irpef relativa ai maggiori ricavi o compensi indicati nella dichiarazione dei redditi. Sulle rate aventi scadenza successiva al 15 settembre 2021 sono dovuti gli interessi al tasso del 4 per cento annuo, a decorrere dal 16 settembre 2021. Gli interessi di rateazione eventualmente già versati, non più dovuti per effetto della proroga, possono essere scomputati dagli interessi dovuti sulle rate successive.

modalità:

Modello F24 con modalità telematiche, direttamente (utilizzando i servizi “F24 web” o “F24 online” dell’Agenzia delle Entrate, attraverso i canali telematici Fisconline o Entratel oppure ricorrendo, tranne nel caso di modello F24 a saldo zero, ai servizi di internet banking messi a disposizione da banche, Poste Italiane e Agenti della riscossione convenzionati con l’Agenzia delle Entrate) oppure tramite intermediario abilitato

codice tributo: 4001 – Irpef Saldo

Adeguamento alle risultanze degli studi di settore e/o agli “Indici Sintetici di Affidabilità fiscale” (ISA): : versamento 6a rata

chi: Soggetti che si adeguano alle risultanze degli Indici Sintetici di Affidabilità fiscale (ISA) nella dichiarazione dei redditi, nella dichiarazione Irap e nella dichiarazione IVA che hanno scelto il pagamento rateale ed hanno effettuato il primo versamento entro il 30 giugno 2021 e nonostante la proroga prevista dall’art. 9-ter, D.L. 25 maggio 2021, n. 73, hanno scelto di proseguire i versamenti secondo le scadenze del piano di rateazione originario.

cosa:

Versamento della 6a rata dell’Irpef relativa ai maggiori ricavi o compensi indicati nella dichiarazione dei redditi. Sulle rate aventi scadenza successiva al 15 settembre 2021 sono dovuti gli interessi al tasso del 4 per cento annuo, a decorrere dal 16 settembre 2021. Gli interessi di rateazione eventualmente già versati, non più dovuti per effetto della proroga, possono essere scomputati dagli interessi dovuti sulle rate successive.

modalità:

Modello F24 con modalità telematiche, direttamente (utilizzando i servizi “F24 web” o “F24 online” dell’Agenzia delle Entrate, attraverso i canali telematici Fisconline o Entratel oppure ricorrendo, tranne nel caso di modello F24 a saldo zero, ai servizi di internet banking messi a disposizione da banche, Poste Italiane e Agenti della riscossione convenzionati con l’Agenzia delle Entrate) oppure tramite intermediario abilitato

codice tributo: 4001 – Irpef Saldo

Adeguamento alle risultanze degli studi di settore e/o agli “Indici Sintetici di Affidabilità fiscale” (ISA): : versamento 6a rata

chi: Soggetti che si adeguano alle risultanze degli Indici Sintetici di Affidabilità fiscale (ISA) nella dichiarazione dei redditi, nella dichiarazione Irap e nella dichiarazione IVA che hanno scelto il pagamento rateale ed hanno effettuato il primo versamento entro il 30 giugno 2021 e nonostante la proroga prevista dall’art. 9-ter, D.L. 25 maggio 2021, n. 73, hanno scelto di proseguire i versamenti secondo le scadenze del piano di rateazione originario.

cosa:

Versamento della 6a rata dell’Irpef relativa ai maggiori ricavi o compensi indicati nella dichiarazione dei redditi. Sulle rate aventi scadenza successiva al 15 settembre 2021 sono dovuti gli interessi al tasso del 4 per cento annuo, a decorrere dal 16 settembre 2021. Gli interessi di rateazione eventualmente già versati, non più dovuti per effetto della proroga, possono essere scomputati dagli interessi dovuti sulle rate successive.

modalità:

Modello F24 con modalità telematiche, direttamente (utilizzando i servizi “F24 web” o “F24 online” dell’Agenzia delle Entrate, attraverso i canali telematici Fisconline o Entratel oppure ricorrendo, tranne nel caso di modello F24 a saldo zero, ai servizi di internet banking messi a disposizione da banche, Poste Italiane e Agenti della riscossione convenzionati con l’Agenzia delle Entrate) oppure tramite intermediario abilitato

codice tributo: 4001 – Irpef Saldo

Adeguamento alle risultanze degli studi di settore e/o agli “Indici Sintetici di Affidabilità fiscale” (ISA): : versamento 6a rata

chi: Soggetti che si adeguano alle risultanze degli Indici Sintetici di Affidabilità fiscale (ISA) nella dichiarazione dei redditi, nella dichiarazione Irap e nella dichiarazione IVA che hanno scelto il pagamento rateale ed hanno effettuato il primo versamento entro il 30 giugno 2021 e nonostante la proroga prevista dall’art. 9-ter, D.L. 25 maggio 2021, n. 73, hanno scelto di proseguire i versamenti secondo le scadenze del piano di rateazione originario.

cosa:

Versamento della 6a rata dell’Irpef relativa ai maggiori ricavi o compensi indicati nella dichiarazione dei redditi. Sulle rate aventi scadenza successiva al 15 settembre 2021 sono dovuti gli interessi al tasso del 4 per cento annuo, a decorrere dal 16 settembre 2021. Gli interessi di rateazione eventualmente già versati, non più dovuti per effetto della proroga, possono essere scomputati dagli interessi dovuti sulle rate successive.

modalità:

Modello F24 con modalità telematiche, direttamente (utilizzando i servizi “F24 web” o “F24 online” dell’Agenzia delle Entrate, attraverso i canali telematici Fisconline o Entratel oppure ricorrendo, tranne nel caso di modello F24 a saldo zero, ai servizi di internet banking messi a disposizione da banche, Poste Italiane e Agenti della riscossione convenzionati con l’Agenzia delle Entrate) oppure tramite intermediario abilitato

codice tributo: 4001 – Irpef Saldo

Adeguamento alle risultanze degli studi di settore e/o agli “Indici Sintetici di Affidabilità fiscale” (ISA): : versamento 6a rata

chi: Soggetti che si adeguano alle risultanze degli Indici Sintetici di Affidabilità fiscale (ISA) nella dichiarazione dei redditi, nella dichiarazione Irap e nella dichiarazione IVA che hanno scelto il pagamento rateale ed hanno effettuato il primo versamento entro il 30 giugno 2021 e nonostante la proroga prevista dall’art. 9-ter, D.L. 25 maggio 2021, n. 73, hanno scelto di proseguire i versamenti secondo le scadenze del piano di rateazione originario.

cosa:

Versamento della 6a rata dell’Irpef relativa ai maggiori ricavi o compensi indicati nella dichiarazione dei redditi. Sulle rate aventi scadenza successiva al 15 settembre 2021 sono dovuti gli interessi al tasso del 4 per cento annuo, a decorrere dal 16 settembre 2021. Gli interessi di rateazione eventualmente già versati, non più dovuti per effetto della proroga, possono essere scomputati dagli interessi dovuti sulle rate successive.

modalità:

Modello F24 con modalità telematiche, direttamente (utilizzando i servizi “F24 web” o “F24 online” dell’Agenzia delle Entrate, attraverso i canali telematici Fisconline o Entratel oppure ricorrendo, tranne nel caso di modello F24 a saldo zero, ai servizi di internet banking messi a disposizione da banche, Poste Italiane e Agenti della riscossione convenzionati con l’Agenzia delle Entrate) oppure tramite intermediario abilitato

codice tributo: 4001 – Irpef Saldo

Adeguamento alle risultanze degli studi di settore e/o agli “Indici Sintetici di Affidabilità fiscale” (ISA): : versamento 6a rata

chi: Soggetti che si adeguano alle risultanze degli Indici Sintetici di Affidabilità fiscale (ISA) nella dichiarazione dei redditi, nella dichiarazione Irap e nella dichiarazione IVA che hanno scelto il pagamento rateale ed hanno effettuato il primo versamento entro il 30 giugno 2021 e nonostante la proroga prevista dall’art. 9-ter, D.L. 25 maggio 2021, n. 73, hanno scelto di proseguire i versamenti secondo le scadenze del piano di rateazione originario.

cosa:

Versamento della 6a rata dell’Irpef relativa ai maggiori ricavi o compensi indicati nella dichiarazione dei redditi. Sulle rate aventi scadenza successiva al 15 settembre 2021 sono dovuti gli interessi al tasso del 4 per cento annuo, a decorrere dal 16 settembre 2021. Gli interessi di rateazione eventualmente già versati, non più dovuti per effetto della proroga, possono essere scomputati dagli interessi dovuti sulle rate successive.

modalità:

Modello F24 con modalità telematiche, direttamente (utilizzando i servizi “F24 web” o “F24 online” dell’Agenzia delle Entrate, attraverso i canali telematici Fisconline o Entratel oppure ricorrendo, tranne nel caso di modello F24 a saldo zero, ai servizi di internet banking messi a disposizione da banche, Poste Italiane e Agenti della riscossione convenzionati con l’Agenzia delle Entrate) oppure tramite intermediario abilitato

codice tributo: 4001 – Irpef Saldo

Adeguamento alle risultanze degli studi di settore e/o agli “Indici Sintetici di Affidabilità fiscale” (ISA): : versamento 6a rata

chi: Soggetti che si adeguano alle risultanze degli Indici Sintetici di Affidabilità fiscale (ISA) nella dichiarazione dei redditi, nella dichiarazione Irap e nella dichiarazione IVA che hanno scelto il pagamento rateale ed hanno effettuato il primo versamento entro il 30 giugno 2021 e nonostante la proroga prevista dall’art. 9-ter, D.L. 25 maggio 2021, n. 73, hanno scelto di proseguire i versamenti secondo le scadenze del piano di rateazione originario.

cosa:

Versamento della 6a rata dell’Irpef relativa ai maggiori ricavi o compensi indicati nella dichiarazione dei redditi. Sulle rate aventi scadenza successiva al 15 settembre 2021 sono dovuti gli interessi al tasso del 4 per cento annuo, a decorrere dal 16 settembre 2021. Gli interessi di rateazione eventualmente già versati, non più dovuti per effetto della proroga, possono essere scomputati dagli interessi dovuti sulle rate successive.

modalità:

Modello F24 con modalità telematiche, direttamente (utilizzando i servizi “F24 web” o “F24 online” dell’Agenzia delle Entrate, attraverso i canali telematici Fisconline o Entratel oppure ricorrendo, tranne nel caso di modello F24 a saldo zero, ai servizi di internet banking messi a disposizione da banche, Poste Italiane e Agenti della riscossione convenzionati con l’Agenzia delle Entrate) oppure tramite intermediario abilitato

codice tributo: 4001 – Irpef Saldo

Adeguamento alle risultanze degli studi di settore e/o agli “Indici Sintetici di Affidabilità fiscale” (ISA): : versamento 6a rata

chi: Soggetti che si adeguano alle risultanze degli Indici Sintetici di Affidabilità fiscale (ISA) nella dichiarazione dei redditi, nella dichiarazione Irap e nella dichiarazione IVA che hanno scelto il pagamento rateale ed hanno effettuato il primo versamento entro il 30 giugno 2021 e nonostante la proroga prevista dall’art. 9-ter, D.L. 25 maggio 2021, n. 73, hanno scelto di proseguire i versamenti secondo le scadenze del piano di rateazione originario.

cosa:

Versamento della 6a rata dell’Irpef relativa ai maggiori ricavi o compensi indicati nella dichiarazione dei redditi. Sulle rate aventi scadenza successiva al 15 settembre 2021 sono dovuti gli interessi al tasso del 4 per cento annuo, a decorrere dal 16 settembre 2021. Gli interessi di rateazione eventualmente già versati, non più dovuti per effetto della proroga, possono essere scomputati dagli interessi dovuti sulle rate successive.

modalità:

Modello F24 con modalità telematiche, direttamente (utilizzando i servizi “F24 web” o “F24 online” dell’Agenzia delle Entrate, attraverso i canali telematici Fisconline o Entratel oppure ricorrendo, tranne nel caso di modello F24 a saldo zero, ai servizi di internet banking messi a disposizione da banche, Poste Italiane e Agenti della riscossione convenzionati con l’Agenzia delle Entrate) oppure tramite intermediario abilitato

codice tributo: 4001 – Irpef Saldo

Adeguamento alle risultanze degli studi di settore e/o agli “Indici Sintetici di Affidabilità fiscale” (ISA): : versamento 6a rata

chi: Soggetti che si adeguano alle risultanze degli Indici Sintetici di Affidabilità fiscale (ISA) nella dichiarazione dei redditi, nella dichiarazione Irap e nella dichiarazione IVA che hanno scelto il pagamento rateale ed hanno effettuato il primo versamento entro il 30 giugno 2021 e nonostante la proroga prevista dall’art. 9-ter, D.L. 25 maggio 2021, n. 73, hanno scelto di proseguire i versamenti secondo le scadenze del piano di rateazione originario.

cosa:

Versamento della 6a rata dell’Irpef relativa ai maggiori ricavi o compensi indicati nella dichiarazione dei redditi. Sulle rate aventi scadenza successiva al 15 settembre 2021 sono dovuti gli interessi al tasso del 4 per cento annuo, a decorrere dal 16 settembre 2021. Gli interessi di rateazione eventualmente già versati, non più dovuti per effetto della proroga, possono essere scomputati dagli interessi dovuti sulle rate successive.

modalità:

Modello F24 con modalità telematiche, direttamente (utilizzando i servizi “F24 web” o “F24 online” dell’Agenzia delle Entrate, attraverso i canali telematici Fisconline o Entratel oppure ricorrendo, tranne nel caso di modello F24 a saldo zero, ai servizi di internet banking messi a disposizione da banche, Poste Italiane e Agenti della riscossione convenzionati con l’Agenzia delle Entrate) oppure tramite intermediario abilitato

codice tributo: 4001 – Irpef Saldo

Adeguamento alle risultanze degli studi di settore e/o agli “Indici Sintetici di Affidabilità fiscale” (ISA): : versamento 6a rata

chi: Soggetti che si adeguano alle risultanze degli Indici Sintetici di Affidabilità fiscale (ISA) nella dichiarazione dei redditi, nella dichiarazione Irap e nella dichiarazione IVA che hanno scelto il pagamento rateale ed hanno effettuato il primo versamento entro il 30 giugno 2021 e nonostante la proroga prevista dall’art. 9-ter, D.L. 25 maggio 2021, n. 73, hanno scelto di proseguire i versamenti secondo le scadenze del piano di rateazione originario.

cosa:

Versamento della 6a rata dell’Irpef relativa ai maggiori ricavi o compensi indicati nella dichiarazione dei redditi. Sulle rate aventi scadenza successiva al 15 settembre 2021 sono dovuti gli interessi al tasso del 4 per cento annuo, a decorrere dal 16 settembre 2021. Gli interessi di rateazione eventualmente già versati, non più dovuti per effetto della proroga, possono essere scomputati dagli interessi dovuti sulle rate successive.

modalità:

Modello F24 con modalità telematiche, direttamente (utilizzando i servizi “F24 web” o “F24 online” dell’Agenzia delle Entrate, attraverso i canali telematici Fisconline o Entratel oppure ricorrendo, tranne nel caso di modello F24 a saldo zero, ai servizi di internet banking messi a disposizione da banche, Poste Italiane e Agenti della riscossione convenzionati con l’Agenzia delle Entrate) oppure tramite intermediario abilitato

codice tributo: 4001 – Irpef Saldo

Adeguamento alle risultanze degli studi di settore e/o agli “Indici Sintetici di Affidabilità fiscale” (ISA): : versamento 6a rata

chi: Soggetti che si adeguano alle risultanze degli Indici Sintetici di Affidabilità fiscale (ISA) nella dichiarazione dei redditi, nella dichiarazione Irap e nella dichiarazione IVA che hanno scelto il pagamento rateale ed hanno effettuato il primo versamento entro il 30 giugno 2021 e nonostante la proroga prevista dall’art. 9-ter, D.L. 25 maggio 2021, n. 73, hanno scelto di proseguire i versamenti secondo le scadenze del piano di rateazione originario.

cosa:

Versamento della 6a rata dell’Irpef relativa ai maggiori ricavi o compensi indicati nella dichiarazione dei redditi. Sulle rate aventi scadenza successiva al 15 settembre 2021 sono dovuti gli interessi al tasso del 4 per cento annuo, a decorrere dal 16 settembre 2021. Gli interessi di rateazione eventualmente già versati, non più dovuti per effetto della proroga, possono essere scomputati dagli interessi dovuti sulle rate successive.

modalità:

Modello F24 con modalità telematiche, direttamente (utilizzando i servizi “F24 web” o “F24 online” dell’Agenzia delle Entrate, attraverso i canali telematici Fisconline o Entratel oppure ricorrendo, tranne nel caso di modello F24 a saldo zero, ai servizi di internet banking messi a disposizione da banche, Poste Italiane e Agenti della riscossione convenzionati con l’Agenzia delle Entrate) oppure tramite intermediario abilitato

codice tributo: 4001 – Irpef Saldo

Adeguamento alle risultanze degli studi di settore e/o agli “Indici Sintetici di Affidabilità fiscale” (ISA): : versamento 6a rata

chi: Soggetti che si adeguano alle risultanze degli Indici Sintetici di Affidabilità fiscale (ISA) nella dichiarazione dei redditi, nella dichiarazione Irap e nella dichiarazione IVA che hanno scelto il pagamento rateale ed hanno effettuato il primo versamento entro il 30 giugno 2021 e nonostante la proroga prevista dall’art. 9-ter, D.L. 25 maggio 2021, n. 73, hanno scelto di proseguire i versamenti secondo le scadenze del piano di rateazione originario.

cosa:

Versamento della 6a rata dell’Irpef relativa ai maggiori ricavi o compensi indicati nella dichiarazione dei redditi. Sulle rate aventi scadenza successiva al 15 settembre 2021 sono dovuti gli interessi al tasso del 4 per cento annuo, a decorrere dal 16 settembre 2021. Gli interessi di rateazione eventualmente già versati, non più dovuti per effetto della proroga, possono essere scomputati dagli interessi dovuti sulle rate successive.

modalità:

Modello F24 con modalità telematiche, direttamente (utilizzando i servizi “F24 web” o “F24 online” dell’Agenzia delle Entrate, attraverso i canali telematici Fisconline o Entratel oppure ricorrendo, tranne nel caso di modello F24 a saldo zero, ai servizi di internet banking messi a disposizione da banche, Poste Italiane e Agenti della riscossione convenzionati con l’Agenzia delle Entrate) oppure tramite intermediario abilitato

codice tributo: 4001 – Irpef Saldo

Adeguamento alle risultanze degli studi di settore e/o agli “Indici Sintetici di Affidabilità fiscale” (ISA): : versamento 6a rata

chi: Soggetti che si adeguano alle risultanze degli Indici Sintetici di Affidabilità fiscale (ISA) nella dichiarazione dei redditi, nella dichiarazione Irap e nella dichiarazione IVA che hanno scelto il pagamento rateale ed hanno effettuato il primo versamento entro il 30 giugno 2021 e nonostante la proroga prevista dall’art. 9-ter, D.L. 25 maggio 2021, n. 73, hanno scelto di proseguire i versamenti secondo le scadenze del piano di rateazione originario.

cosa:

Versamento della 6a rata dell’Irpef relativa ai maggiori ricavi o compensi indicati nella dichiarazione dei redditi. Sulle rate aventi scadenza successiva al 15 settembre 2021 sono dovuti gli interessi al tasso del 4 per cento annuo, a decorrere dal 16 settembre 2021. Gli interessi di rateazione eventualmente già versati, non più dovuti per effetto della proroga, possono essere scomputati dagli interessi dovuti sulle rate successive.

modalità:

Modello F24 con modalità telematiche, direttamente (utilizzando i servizi “F24 web” o “F24 online” dell’Agenzia delle Entrate, attraverso i canali telematici Fisconline o Entratel oppure ricorrendo, tranne nel caso di modello F24 a saldo zero, ai servizi di internet banking messi a disposizione da banche, Poste Italiane e Agenti della riscossione convenzionati con l’Agenzia delle Entrate) oppure tramite intermediario abilitato

codice tributo: 4001 – Irpef Saldo

Adeguamento alle risultanze degli studi di settore e/o agli “Indici Sintetici di Affidabilità fiscale” (ISA): : versamento 6a rata

chi: Soggetti che si adeguano alle risultanze degli Indici Sintetici di Affidabilità fiscale (ISA) nella dichiarazione dei redditi, nella dichiarazione Irap e nella dichiarazione IVA che hanno scelto il pagamento rateale ed hanno effettuato il primo versamento entro il 30 giugno 2021 e nonostante la proroga prevista dall’art. 9-ter, D.L. 25 maggio 2021, n. 73, hanno scelto di proseguire i versamenti secondo le scadenze del piano di rateazione originario.

cosa:

Versamento della 6a rata dell’Irpef relativa ai maggiori ricavi o compensi indicati nella dichiarazione dei redditi. Sulle rate aventi scadenza successiva al 15 settembre 2021 sono dovuti gli interessi al tasso del 4 per cento annuo, a decorrere dal 16 settembre 2021. Gli interessi di rateazione eventualmente già versati, non più dovuti per effetto della proroga, possono essere scomputati dagli interessi dovuti sulle rate successive.

modalità:

Modello F24 con modalità telematiche, direttamente (utilizzando i servizi “F24 web” o “F24 online” dell’Agenzia delle Entrate, attraverso i canali telematici Fisconline o Entratel oppure ricorrendo, tranne nel caso di modello F24 a saldo zero, ai servizi di internet banking messi a disposizione da banche, Poste Italiane e Agenti della riscossione convenzionati con l’Agenzia delle Entrate) oppure tramite intermediario abilitato

codice tributo: 4001 – Irpef Saldo

Adeguamento alle risultanze degli studi di settore e/o agli “Indici Sintetici di Affidabilità fiscale” (ISA): : versamento 6a rata

chi: Soggetti che si adeguano alle risultanze degli Indici Sintetici di Affidabilità fiscale (ISA) nella dichiarazione dei redditi, nella dichiarazione Irap e nella dichiarazione IVA che hanno scelto il pagamento rateale ed hanno effettuato il primo versamento entro il 30 giugno 2021 e nonostante la proroga prevista dall’art. 9-ter, D.L. 25 maggio 2021, n. 73, hanno scelto di proseguire i versamenti secondo le scadenze del piano di rateazione originario.

cosa:

Versamento della 6a rata dell’Irpef relativa ai maggiori ricavi o compensi indicati nella dichiarazione dei redditi. Sulle rate aventi scadenza successiva al 15 settembre 2021 sono dovuti gli interessi al tasso del 4 per cento annuo, a decorrere dal 16 settembre 2021. Gli interessi di rateazione eventualmente già versati, non più dovuti per effetto della proroga, possono essere scomputati dagli interessi dovuti sulle rate successive.

modalità:

Modello F24 con modalità telematiche, direttamente (utilizzando i servizi “F24 web” o “F24 online” dell’Agenzia delle Entrate, attraverso i canali telematici Fisconline o Entratel oppure ricorrendo, tranne nel caso di modello F24 a saldo zero, ai servizi di internet banking messi a disposizione da banche, Poste Italiane e Agenti della riscossione convenzionati con l’Agenzia delle Entrate) oppure tramite intermediario abilitato

codice tributo: 4001 – Irpef Saldo

Adeguamento alle risultanze degli studi di settore e/o agli “Indici Sintetici di Affidabilità fiscale” (ISA): : versamento 6a rata

chi: Soggetti che si adeguano alle risultanze degli Indici Sintetici di Affidabilità fiscale (ISA) nella dichiarazione dei redditi, nella dichiarazione Irap e nella dichiarazione IVA che hanno scelto il pagamento rateale ed hanno effettuato il primo versamento entro il 30 giugno 2021 e nonostante la proroga prevista dall’art. 9-ter, D.L. 25 maggio 2021, n. 73, hanno scelto di proseguire i versamenti secondo le scadenze del piano di rateazione originario.

cosa:

Versamento della 6a rata dell’Irpef relativa ai maggiori ricavi o compensi indicati nella dichiarazione dei redditi. Sulle rate aventi scadenza successiva al 15 settembre 2021 sono dovuti gli interessi al tasso del 4 per cento annuo, a decorrere dal 16 settembre 2021. Gli interessi di rateazione eventualmente già versati, non più dovuti per effetto della proroga, possono essere scomputati dagli interessi dovuti sulle rate successive.

modalità:

Modello F24 con modalità telematiche, direttamente (utilizzando i servizi “F24 web” o “F24 online” dell’Agenzia delle Entrate, attraverso i canali telematici Fisconline o Entratel oppure ricorrendo, tranne nel caso di modello F24 a saldo zero, ai servizi di internet banking messi a disposizione da banche, Poste Italiane e Agenti della riscossione convenzionati con l’Agenzia delle Entrate) oppure tramite intermediario abilitato

codice tributo: 4001 – Irpef Saldo

Adeguamento alle risultanze degli studi di settore e/o agli “Indici Sintetici di Affidabilità fiscale” (ISA): : versamento 6a rata

chi: Soggetti che si adeguano alle risultanze degli Indici Sintetici di Affidabilità fiscale (ISA) nella dichiarazione dei redditi, nella dichiarazione Irap e nella dichiarazione IVA che hanno scelto il pagamento rateale ed hanno effettuato il primo versamento entro il 30 giugno 2021 e nonostante la proroga prevista dall’art. 9-ter, D.L. 25 maggio 2021, n. 73, hanno scelto di proseguire i versamenti secondo le scadenze del piano di rateazione originario.

cosa:

Versamento della 6a rata dell’Irpef relativa ai maggiori ricavi o compensi indicati nella dichiarazione dei redditi. Sulle rate aventi scadenza successiva al 15 settembre 2021 sono dovuti gli interessi al tasso del 4 per cento annuo, a decorrere dal 16 settembre 2021. Gli interessi di rateazione eventualmente già versati, non più dovuti per effetto della proroga, possono essere scomputati dagli interessi dovuti sulle rate successive.

modalità:

Modello F24 con modalità telematiche, direttamente (utilizzando i servizi “F24 web” o “F24 online” dell’Agenzia delle Entrate, attraverso i canali telematici Fisconline o Entratel oppure ricorrendo, tranne nel caso di modello F24 a saldo zero, ai servizi di internet banking messi a disposizione da banche, Poste Italiane e Agenti della riscossione convenzionati con l’Agenzia delle Entrate) oppure tramite intermediario abilitato

codice tributo: 4001 – Irpef Saldo

Adeguamento alle risultanze degli studi di settore e/o agli “Indici Sintetici di Affidabilità fiscale” (ISA): : versamento 6a rata

chi: Soggetti che si adeguano alle risultanze degli Indici Sintetici di Affidabilità fiscale (ISA) nella dichiarazione dei redditi, nella dichiarazione Irap e nella dichiarazione IVA che hanno scelto il pagamento rateale ed hanno effettuato il primo versamento entro il 30 giugno 2021 e nonostante la proroga prevista dall’art. 9-ter, D.L. 25 maggio 2021, n. 73, hanno scelto di proseguire i versamenti secondo le scadenze del piano di rateazione originario.

cosa:

Versamento della 6a rata dell’Irpef relativa ai maggiori ricavi o compensi indicati nella dichiarazione dei redditi. Sulle rate aventi scadenza successiva al 15 settembre 2021 sono dovuti gli interessi al tasso del 4 per cento annuo, a decorrere dal 16 settembre 2021. Gli interessi di rateazione eventualmente già versati, non più dovuti per effetto della proroga, possono essere scomputati dagli interessi dovuti sulle rate successive.

modalità:

Modello F24 con modalità telematiche, direttamente (utilizzando i servizi “F24 web” o “F24 online” dell’Agenzia delle Entrate, attraverso i canali telematici Fisconline o Entratel oppure ricorrendo, tranne nel caso di modello F24 a saldo zero, ai servizi di internet banking messi a disposizione da banche, Poste Italiane e Agenti della riscossione convenzionati con l’Agenzia delle Entrate) oppure tramite intermediario abilitato

codice tributo: 4001 – Irpef Saldo

Adeguamento alle risultanze degli studi di settore e/o agli “Indici Sintetici di Affidabilità fiscale” (ISA): : versamento 6a rata

chi: Soggetti che si adeguano alle risultanze degli Indici Sintetici di Affidabilità fiscale (ISA) nella dichiarazione dei redditi, nella dichiarazione Irap e nella dichiarazione IVA che hanno scelto il pagamento rateale ed hanno effettuato il primo versamento entro il 30 giugno 2021 e nonostante la proroga prevista dall’art. 9-ter, D.L. 25 maggio 2021, n. 73, hanno scelto di proseguire i versamenti secondo le scadenze del piano di rateazione originario.

cosa:

Versamento della 6a rata dell’Irpef relativa ai maggiori ricavi o compensi indicati nella dichiarazione dei redditi. Sulle rate aventi scadenza successiva al 15 settembre 2021 sono dovuti gli interessi al tasso del 4 per cento annuo, a decorrere dal 16 settembre 2021. Gli interessi di rateazione eventualmente già versati, non più dovuti per effetto della proroga, possono essere scomputati dagli interessi dovuti sulle rate successive.

modalità:

Modello F24 con modalità telematiche, direttamente (utilizzando i servizi “F24 web” o “F24 online” dell’Agenzia delle Entrate, attraverso i canali telematici Fisconline o Entratel oppure ricorrendo, tranne nel caso di modello F24 a saldo zero, ai servizi di internet banking messi a disposizione da banche, Poste Italiane e Agenti della riscossione convenzionati con l’Agenzia delle Entrate) oppure tramite intermediario abilitato

codice tributo: 4001 – Irpef Saldo

Adeguamento alle risultanze degli studi di settore e/o agli “Indici Sintetici di Affidabilità fiscale” (ISA): : versamento 6a rata

chi: Soggetti che si adeguano alle risultanze degli Indici Sintetici di Affidabilità fiscale (ISA) nella dichiarazione dei redditi, nella dichiarazione Irap e nella dichiarazione IVA che hanno scelto il pagamento rateale ed hanno effettuato il primo versamento entro il 30 giugno 2021 e nonostante la proroga prevista dall’art. 9-ter, D.L. 25 maggio 2021, n. 73, hanno scelto di proseguire i versamenti secondo le scadenze del piano di rateazione originario.

cosa:

Versamento della 6a rata dell’Irpef relativa ai maggiori ricavi o compensi indicati nella dichiarazione dei redditi. Sulle rate aventi scadenza successiva al 15 settembre 2021 sono dovuti gli interessi al tasso del 4 per cento annuo, a decorrere dal 16 settembre 2021. Gli interessi di rateazione eventualmente già versati, non più dovuti per effetto della proroga, possono essere scomputati dagli interessi dovuti sulle rate successive.

modalità:

Modello F24 con modalità telematiche, direttamente (utilizzando i servizi “F24 web” o “F24 online” dell’Agenzia delle Entrate, attraverso i canali telematici Fisconline o Entratel oppure ricorrendo, tranne nel caso di modello F24 a saldo zero, ai servizi di internet banking messi a disposizione da banche, Poste Italiane e Agenti della riscossione convenzionati con l’Agenzia delle Entrate) oppure tramite intermediario abilitato

codice tributo: 4001 – Irpef Saldo

Adeguamento alle risultanze degli studi di settore e/o agli “Indici Sintetici di Affidabilità fiscale” (ISA): : versamento 6a rata

chi: Soggetti che si adeguano alle risultanze degli Indici Sintetici di Affidabilità fiscale (ISA) nella dichiarazione dei redditi, nella dichiarazione Irap e nella dichiarazione IVA che hanno scelto il pagamento rateale ed hanno effettuato il primo versamento entro il 30 giugno 2021 e nonostante la proroga prevista dall’art. 9-ter, D.L. 25 maggio 2021, n. 73, hanno scelto di proseguire i versamenti secondo le scadenze del piano di rateazione originario.

cosa:

Versamento della 6a rata dell’Irpef relativa ai maggiori ricavi o compensi indicati nella dichiarazione dei redditi. Sulle rate aventi scadenza successiva al 15 settembre 2021 sono dovuti gli interessi al tasso del 4 per cento annuo, a decorrere dal 16 settembre 2021. Gli interessi di rateazione eventualmente già versati, non più dovuti per effetto della proroga, possono essere scomputati dagli interessi dovuti sulle rate successive.

modalità:

Modello F24 con modalità telematiche, direttamente (utilizzando i servizi “F24 web” o “F24 online” dell’Agenzia delle Entrate, attraverso i canali telematici Fisconline o Entratel oppure ricorrendo, tranne nel caso di modello F24 a saldo zero, ai servizi di internet banking messi a disposizione da banche, Poste Italiane e Agenti della riscossione convenzionati con l’Agenzia delle Entrate) oppure tramite intermediario abilitato

codice tributo: 4001 – Irpef Saldo

Adeguamento alle risultanze degli studi di settore e/o agli “Indici Sintetici di Affidabilità fiscale” (ISA): : versamento 6a rata

chi: Soggetti che si adeguano alle risultanze degli Indici Sintetici di Affidabilità fiscale (ISA) nella dichiarazione dei redditi, nella dichiarazione Irap e nella dichiarazione IVA che hanno scelto il pagamento rateale ed hanno effettuato il primo versamento entro il 30 giugno 2021 e nonostante la proroga prevista dall’art. 9-ter, D.L. 25 maggio 2021, n. 73, hanno scelto di proseguire i versamenti secondo le scadenze del piano di rateazione originario.

cosa:

Versamento della 6a rata dell’Irpef relativa ai maggiori ricavi o compensi indicati nella dichiarazione dei redditi. Sulle rate aventi scadenza successiva al 15 settembre 2021 sono dovuti gli interessi al tasso del 4 per cento annuo, a decorrere dal 16 settembre 2021. Gli interessi di rateazione eventualmente già versati, non più dovuti per effetto della proroga, possono essere scomputati dagli interessi dovuti sulle rate successive.

modalità:

Modello F24 con modalità telematiche, direttamente (utilizzando i servizi “F24 web” o “F24 online” dell’Agenzia delle Entrate, attraverso i canali telematici Fisconline o Entratel oppure ricorrendo, tranne nel caso di modello F24 a saldo zero, ai servizi di internet banking messi a disposizione da banche, Poste Italiane e Agenti della riscossione convenzionati con l’Agenzia delle Entrate) oppure tramite intermediario abilitato

codice tributo: 4001 – Irpef Saldo

Adeguamento alle risultanze degli studi di settore e/o agli “Indici Sintetici di Affidabilità fiscale” (ISA): : versamento 6a rata

chi: Soggetti che si adeguano alle risultanze degli Indici Sintetici di Affidabilità fiscale (ISA) nella dichiarazione dei redditi, nella dichiarazione Irap e nella dichiarazione IVA che hanno scelto il pagamento rateale ed hanno effettuato il primo versamento entro il 30 giugno 2021 e nonostante la proroga prevista dall’art. 9-ter, D.L. 25 maggio 2021, n. 73, hanno scelto di proseguire i versamenti secondo le scadenze del piano di rateazione originario.

cosa:

Versamento della 6a rata dell’Irpef relativa ai maggiori ricavi o compensi indicati nella dichiarazione dei redditi. Sulle rate aventi scadenza successiva al 15 settembre 2021 sono dovuti gli interessi al tasso del 4 per cento annuo, a decorrere dal 16 settembre 2021. Gli interessi di rateazione eventualmente già versati, non più dovuti per effetto della proroga, possono essere scomputati dagli interessi dovuti sulle rate successive.

modalità:

Modello F24 con modalità telematiche, direttamente (utilizzando i servizi “F24 web” o “F24 online” dell’Agenzia delle Entrate, attraverso i canali telematici Fisconline o Entratel oppure ricorrendo, tranne nel caso di modello F24 a saldo zero, ai servizi di internet banking messi a disposizione da banche, Poste Italiane e Agenti della riscossione convenzionati con l’Agenzia delle Entrate) oppure tramite intermediario abilitato

codice tributo: 4001 – Irpef Saldo

Adeguamento alle risultanze degli studi di settore e/o agli “Indici Sintetici di Affidabilità fiscale” (ISA): : versamento 6a rata

chi: Soggetti che si adeguano alle risultanze degli Indici Sintetici di Affidabilità fiscale (ISA) nella dichiarazione dei redditi, nella dichiarazione Irap e nella dichiarazione IVA che hanno scelto il pagamento rateale ed hanno effettuato il primo versamento entro il 30 giugno 2021 e nonostante la proroga prevista dall’art. 9-ter, D.L. 25 maggio 2021, n. 73, hanno scelto di proseguire i versamenti secondo le scadenze del piano di rateazione originario.

cosa:

Versamento della 6a rata dell’Irpef relativa ai maggiori ricavi o compensi indicati nella dichiarazione dei redditi. Sulle rate aventi scadenza successiva al 15 settembre 2021 sono dovuti gli interessi al tasso del 4 per cento annuo, a decorrere dal 16 settembre 2021. Gli interessi di rateazione eventualmente già versati, non più dovuti per effetto della proroga, possono essere scomputati dagli interessi dovuti sulle rate successive.

modalità:

Modello F24 con modalità telematiche, direttamente (utilizzando i servizi “F24 web” o “F24 online” dell’Agenzia delle Entrate, attraverso i canali telematici Fisconline o Entratel oppure ricorrendo, tranne nel caso di modello F24 a saldo zero, ai servizi di internet banking messi a disposizione da banche, Poste Italiane e Agenti della riscossione convenzionati con l’Agenzia delle Entrate) oppure tramite intermediario abilitato

codice tributo: 4001 – Irpef Saldo

Adeguamento alle risultanze degli studi di settore e/o agli “Indici Sintetici di Affidabilità fiscale” (ISA): : versamento 6a rata

chi: Soggetti che si adeguano alle risultanze degli Indici Sintetici di Affidabilità fiscale (ISA) nella dichiarazione dei redditi, nella dichiarazione Irap e nella dichiarazione IVA che hanno scelto il pagamento rateale ed hanno effettuato il primo versamento entro il 30 giugno 2021 e nonostante la proroga prevista dall’art. 9-ter, D.L. 25 maggio 2021, n. 73, hanno scelto di proseguire i versamenti secondo le scadenze del piano di rateazione originario.

cosa:

Versamento della 6a rata dell’Irpef relativa ai maggiori ricavi o compensi indicati nella dichiarazione dei redditi. Sulle rate aventi scadenza successiva al 15 settembre 2021 sono dovuti gli interessi al tasso del 4 per cento annuo, a decorrere dal 16 settembre 2021. Gli interessi di rateazione eventualmente già versati, non più dovuti per effetto della proroga, possono essere scomputati dagli interessi dovuti sulle rate successive.

modalità:

Modello F24 con modalità telematiche, direttamente (utilizzando i servizi “F24 web” o “F24 online” dell’Agenzia delle Entrate, attraverso i canali telematici Fisconline o Entratel oppure ricorrendo, tranne nel caso di modello F24 a saldo zero, ai servizi di internet banking messi a disposizione da banche, Poste Italiane e Agenti della riscossione convenzionati con l’Agenzia delle Entrate) oppure tramite intermediario abilitato

codice tributo: 4001 – Irpef Saldo

Adeguamento alle risultanze degli studi di settore e/o agli “Indici Sintetici di Affidabilità fiscale” (ISA): : versamento 6a rata

chi: Soggetti che si adeguano alle risultanze degli Indici Sintetici di Affidabilità fiscale (ISA) nella dichiarazione dei redditi, nella dichiarazione Irap e nella dichiarazione IVA che hanno scelto il pagamento rateale ed hanno effettuato il primo versamento entro il 30 giugno 2021 e nonostante la proroga prevista dall’art. 9-ter, D.L. 25 maggio 2021, n. 73, hanno scelto di proseguire i versamenti secondo le scadenze del piano di rateazione originario.

cosa:

Versamento della 6a rata dell’Irpef relativa ai maggiori ricavi o compensi indicati nella dichiarazione dei redditi. Sulle rate aventi scadenza successiva al 15 settembre 2021 sono dovuti gli interessi al tasso del 4 per cento annuo, a decorrere dal 16 settembre 2021. Gli interessi di rateazione eventualmente già versati, non più dovuti per effetto della proroga, possono essere scomputati dagli interessi dovuti sulle rate successive.

modalità:

Modello F24 con modalità telematiche, direttamente (utilizzando i servizi “F24 web” o “F24 online” dell’Agenzia delle Entrate, attraverso i canali telematici Fisconline o Entratel oppure ricorrendo, tranne nel caso di modello F24 a saldo zero, ai servizi di internet banking messi a disposizione da banche, Poste Italiane e Agenti della riscossione convenzionati con l’Agenzia delle Entrate) oppure tramite intermediario abilitato

codice tributo: 4001 – Irpef Saldo

Adeguamento alle risultanze degli studi di settore e/o agli “Indici Sintetici di Affidabilità fiscale” (ISA): : versamento 6a rata

chi: Soggetti che si adeguano alle risultanze degli Indici Sintetici di Affidabilità fiscale (ISA) nella dichiarazione dei redditi, nella dichiarazione Irap e nella dichiarazione IVA che hanno scelto il pagamento rateale ed hanno effettuato il primo versamento entro il 30 giugno 2021 e nonostante la proroga prevista dall’art. 9-ter, D.L. 25 maggio 2021, n. 73, hanno scelto di proseguire i versamenti secondo le scadenze del piano di rateazione originario.

cosa:

Versamento della 6a rata dell’Irpef relativa ai maggiori ricavi o compensi indicati nella dichiarazione dei redditi. Sulle rate aventi scadenza successiva al 15 settembre 2021 sono dovuti gli interessi al tasso del 4 per cento annuo, a decorrere dal 16 settembre 2021. Gli interessi di rateazione eventualmente già versati, non più dovuti per effetto della proroga, possono essere scomputati dagli interessi dovuti sulle rate successive.

modalità:

Modello F24 con modalità telematiche, direttamente (utilizzando i servizi “F24 web” o “F24 online” dell’Agenzia delle Entrate, attraverso i canali telematici Fisconline o Entratel oppure ricorrendo, tranne nel caso di modello F24 a saldo zero, ai servizi di internet banking messi a disposizione da banche, Poste Italiane e Agenti della riscossione convenzionati con l’Agenzia delle Entrate) oppure tramite intermediario abilitato

codice tributo: 4001 – Irpef Saldo

Adeguamento alle risultanze degli studi di settore e/o agli “Indici Sintetici di Affidabilità fiscale” (ISA): : versamento 6a rata

chi: Soggetti che si adeguano alle risultanze degli Indici Sintetici di Affidabilità fiscale (ISA) nella dichiarazione dei redditi, nella dichiarazione Irap e nella dichiarazione IVA che hanno scelto il pagamento rateale ed hanno effettuato il primo versamento entro il 30 giugno 2021 e nonostante la proroga prevista dall’art. 9-ter, D.L. 25 maggio 2021, n. 73, hanno scelto di proseguire i versamenti secondo le scadenze del piano di rateazione originario.

cosa:

Versamento della 6a rata dell’Irpef relativa ai maggiori ricavi o compensi indicati nella dichiarazione dei redditi. Sulle rate aventi scadenza successiva al 15 settembre 2021 sono dovuti gli interessi al tasso del 4 per cento annuo, a decorrere dal 16 settembre 2021. Gli interessi di rateazione eventualmente già versati, non più dovuti per effetto della proroga, possono essere scomputati dagli interessi dovuti sulle rate successive.

modalità:

Modello F24 con modalità telematiche, direttamente (utilizzando i servizi “F24 web” o “F24 online” dell’Agenzia delle Entrate, attraverso i canali telematici Fisconline o Entratel oppure ricorrendo, tranne nel caso di modello F24 a saldo zero, ai servizi di internet banking messi a disposizione da banche, Poste Italiane e Agenti della riscossione convenzionati con l’Agenzia delle Entrate) oppure tramite intermediario abilitato

codice tributo: 4001 – Irpef Saldo

Adeguamento alle risultanze degli studi di settore e/o agli “Indici Sintetici di Affidabilità fiscale” (ISA): : versamento 6a rata

chi: Soggetti che si adeguano alle risultanze degli Indici Sintetici di Affidabilità fiscale (ISA) nella dichiarazione dei redditi, nella dichiarazione Irap e nella dichiarazione IVA che hanno scelto il pagamento rateale ed hanno effettuato il primo versamento entro il 30 giugno 2021 e nonostante la proroga prevista dall’art. 9-ter, D.L. 25 maggio 2021, n. 73, hanno scelto di proseguire i versamenti secondo le scadenze del piano di rateazione originario.

cosa:

Versamento della 6a rata dell’Irpef relativa ai maggiori ricavi o compensi indicati nella dichiarazione dei redditi. Sulle rate aventi scadenza successiva al 15 settembre 2021 sono dovuti gli interessi al tasso del 4 per cento annuo, a decorrere dal 16 settembre 2021. Gli interessi di rateazione eventualmente già versati, non più dovuti per effetto della proroga, possono essere scomputati dagli interessi dovuti sulle rate successive.

modalità:

Modello F24 con modalità telematiche, direttamente (utilizzando i servizi “F24 web” o “F24 online” dell’Agenzia delle Entrate, attraverso i canali telematici Fisconline o Entratel oppure ricorrendo, tranne nel caso di modello F24 a saldo zero, ai servizi di internet banking messi a disposizione da banche, Poste Italiane e Agenti della riscossione convenzionati con l’Agenzia delle Entrate) oppure tramite intermediario abilitato

codice tributo: 4001 – Irpef Saldo

Adeguamento alle risultanze degli studi di settore e/o agli “Indici Sintetici di Affidabilità fiscale” (ISA): : versamento 6a rata

chi: Soggetti che si adeguano alle risultanze degli Indici Sintetici di Affidabilità fiscale (ISA) nella dichiarazione dei redditi, nella dichiarazione Irap e nella dichiarazione IVA che hanno scelto il pagamento rateale ed hanno effettuato il primo versamento entro il 30 giugno 2021 e nonostante la proroga prevista dall’art. 9-ter, D.L. 25 maggio 2021, n. 73, hanno scelto di proseguire i versamenti secondo le scadenze del piano di rateazione originario.

cosa:

Versamento della 6a rata dell’Irpef relativa ai maggiori ricavi o compensi indicati nella dichiarazione dei redditi. Sulle rate aventi scadenza successiva al 15 settembre 2021 sono dovuti gli interessi al tasso del 4 per cento annuo, a decorrere dal 16 settembre 2021. Gli interessi di rateazione eventualmente già versati, non più dovuti per effetto della proroga, possono essere scomputati dagli interessi dovuti sulle rate successive.

modalità:

Modello F24 con modalità telematiche, direttamente (utilizzando i servizi “F24 web” o “F24 online” dell’Agenzia delle Entrate, attraverso i canali telematici Fisconline o Entratel oppure ricorrendo, tranne nel caso di modello F24 a saldo zero, ai servizi di internet banking messi a disposizione da banche, Poste Italiane e Agenti della riscossione convenzionati con l’Agenzia delle Entrate) oppure tramite intermediario abilitato

codice tributo: 4001 – Irpef Saldo

Adeguamento alle risultanze degli studi di settore e/o agli “Indici Sintetici di Affidabilità fiscale” (ISA): : versamento 6a rata

chi: Soggetti che si adeguano alle risultanze degli Indici Sintetici di Affidabilità fiscale (ISA) nella dichiarazione dei redditi, nella dichiarazione Irap e nella dichiarazione IVA che hanno scelto il pagamento rateale ed hanno effettuato il primo versamento entro il 30 giugno 2021 e nonostante la proroga prevista dall’art. 9-ter, D.L. 25 maggio 2021, n. 73, hanno scelto di proseguire i versamenti secondo le scadenze del piano di rateazione originario.

cosa:

Versamento della 6a rata dell’Irpef relativa ai maggiori ricavi o compensi indicati nella dichiarazione dei redditi. Sulle rate aventi scadenza successiva al 15 settembre 2021 sono dovuti gli interessi al tasso del 4 per cento annuo, a decorrere dal 16 settembre 2021. Gli interessi di rateazione eventualmente già versati, non più dovuti per effetto della proroga, possono essere scomputati dagli interessi dovuti sulle rate successive.

modalità:

Modello F24 con modalità telematiche, direttamente (utilizzando i servizi “F24 web” o “F24 online” dell’Agenzia delle Entrate, attraverso i canali telematici Fisconline o Entratel oppure ricorrendo, tranne nel caso di modello F24 a saldo zero, ai servizi di internet banking messi a disposizione da banche, Poste Italiane e Agenti della riscossione convenzionati con l’Agenzia delle Entrate) oppure tramite intermediario abilitato

codice tributo: 4001 – Irpef Saldo

Adeguamento alle risultanze degli studi di settore e/o agli “Indici Sintetici di Affidabilità fiscale” (ISA): : versamento 6a rata

chi: Soggetti che si adeguano alle risultanze degli Indici Sintetici di Affidabilità fiscale (ISA) nella dichiarazione dei redditi, nella dichiarazione Irap e nella dichiarazione IVA che hanno scelto il pagamento rateale ed hanno effettuato il primo versamento entro il 30 giugno 2021 e nonostante la proroga prevista dall’art. 9-ter, D.L. 25 maggio 2021, n. 73, hanno scelto di proseguire i versamenti secondo le scadenze del piano di rateazione originario.

cosa:

Versamento della 6a rata dell’Irpef relativa ai maggiori ricavi o compensi indicati nella dichiarazione dei redditi. Sulle rate aventi scadenza successiva al 15 settembre 2021 sono dovuti gli interessi al tasso del 4 per cento annuo, a decorrere dal 16 settembre 2021. Gli interessi di rateazione eventualmente già versati, non più dovuti per effetto della proroga, possono essere scomputati dagli interessi dovuti sulle rate successive.

modalità:

Modello F24 con modalità telematiche, direttamente (utilizzando i servizi “F24 web” o “F24 online” dell’Agenzia delle Entrate, attraverso i canali telematici Fisconline o Entratel oppure ricorrendo, tranne nel caso di modello F24 a saldo zero, ai servizi di internet banking messi a disposizione da banche, Poste Italiane e Agenti della riscossione convenzionati con l’Agenzia delle Entrate) oppure tramite intermediario abilitato

codice tributo: 4001 – Irpef Saldo

Adeguamento alle risultanze degli studi di settore e/o agli “Indici Sintetici di Affidabilità fiscale” (ISA): : versamento 6a rata

chi: Soggetti che si adeguano alle risultanze degli Indici Sintetici di Affidabilità fiscale (ISA) nella dichiarazione dei redditi, nella dichiarazione Irap e nella dichiarazione IVA che hanno scelto il pagamento rateale ed hanno effettuato il primo versamento entro il 30 giugno 2021 e nonostante la proroga prevista dall’art. 9-ter, D.L. 25 maggio 2021, n. 73, hanno scelto di proseguire i versamenti secondo le scadenze del piano di rateazione originario.

cosa:

Versamento della 6a rata dell’Irpef relativa ai maggiori ricavi o compensi indicati nella dichiarazione dei redditi. Sulle rate aventi scadenza successiva al 15 settembre 2021 sono dovuti gli interessi al tasso del 4 per cento annuo, a decorrere dal 16 settembre 2021. Gli interessi di rateazione eventualmente già versati, non più dovuti per effetto della proroga, possono essere scomputati dagli interessi dovuti sulle rate successive.

modalità:

Modello F24 con modalità telematiche, direttamente (utilizzando i servizi “F24 web” o “F24 online” dell’Agenzia delle Entrate, attraverso i canali telematici Fisconline o Entratel oppure ricorrendo, tranne nel caso di modello F24 a saldo zero, ai servizi di internet banking messi a disposizione da banche, Poste Italiane e Agenti della riscossione convenzionati con l’Agenzia delle Entrate) oppure tramite intermediario abilitato

codice tributo: 4001 – Irpef Saldo

Adeguamento alle risultanze degli studi di settore e/o agli “Indici Sintetici di Affidabilità fiscale” (ISA): : versamento 6a rata

chi: Soggetti che si adeguano alle risultanze degli Indici Sintetici di Affidabilità fiscale (ISA) nella dichiarazione dei redditi, nella dichiarazione Irap e nella dichiarazione IVA che hanno scelto il pagamento rateale ed hanno effettuato il primo versamento entro il 30 giugno 2021 e nonostante la proroga prevista dall’art. 9-ter, D.L. 25 maggio 2021, n. 73, hanno scelto di proseguire i versamenti secondo le scadenze del piano di rateazione originario.

cosa:

Versamento della 6a rata dell’Irpef relativa ai maggiori ricavi o compensi indicati nella dichiarazione dei redditi. Sulle rate aventi scadenza successiva al 15 settembre 2021 sono dovuti gli interessi al tasso del 4 per cento annuo, a decorrere dal 16 settembre 2021. Gli interessi di rateazione eventualmente già versati, non più dovuti per effetto della proroga, possono essere scomputati dagli interessi dovuti sulle rate successive.

modalità:

Modello F24 con modalità telematiche, direttamente (utilizzando i servizi “F24 web” o “F24 online” dell’Agenzia delle Entrate, attraverso i canali telematici Fisconline o Entratel oppure ricorrendo, tranne nel caso di modello F24 a saldo zero, ai servizi di internet banking messi a disposizione da banche, Poste Italiane e Agenti della riscossione convenzionati con l’Agenzia delle Entrate) oppure tramite intermediario abilitato

codice tributo: 4001 – Irpef Saldo

Adeguamento alle risultanze degli studi di settore e/o agli “Indici Sintetici di Affidabilità fiscale” (ISA): : versamento 6a rata

chi: Soggetti che si adeguano alle risultanze degli Indici Sintetici di Affidabilità fiscale (ISA) nella dichiarazione dei redditi, nella dichiarazione Irap e nella dichiarazione IVA che hanno scelto il pagamento rateale ed hanno effettuato il primo versamento entro il 30 giugno 2021 e nonostante la proroga prevista dall’art. 9-ter, D.L. 25 maggio 2021, n. 73, hanno scelto di proseguire i versamenti secondo le scadenze del piano di rateazione originario.

cosa:

Versamento della 6a rata dell’Irpef relativa ai maggiori ricavi o compensi indicati nella dichiarazione dei redditi. Sulle rate aventi scadenza successiva al 15 settembre 2021 sono dovuti gli interessi al tasso del 4 per cento annuo, a decorrere dal 16 settembre 2021. Gli interessi di rateazione eventualmente già versati, non più dovuti per effetto della proroga, possono essere scomputati dagli interessi dovuti sulle rate successive.

modalità:

Modello F24 con modalità telematiche, direttamente (utilizzando i servizi “F24 web” o “F24 online” dell’Agenzia delle Entrate, attraverso i canali telematici Fisconline o Entratel oppure ricorrendo, tranne nel caso di modello F24 a saldo zero, ai servizi di internet banking messi a disposizione da banche, Poste Italiane e Agenti della riscossione convenzionati con l’Agenzia delle Entrate) oppure tramite intermediario abilitato

codice tributo: 4001 – Irpef Saldo

Adeguamento alle risultanze degli studi di settore e/o agli “Indici Sintetici di Affidabilità fiscale” (ISA): : versamento 6a rata

chi: Soggetti che si adeguano alle risultanze degli Indici Sintetici di Affidabilità fiscale (ISA) nella dichiarazione dei redditi, nella dichiarazione Irap e nella dichiarazione IVA che hanno scelto il pagamento rateale ed hanno effettuato il primo versamento entro il 30 giugno 2021 e nonostante la proroga prevista dall’art. 9-ter, D.L. 25 maggio 2021, n. 73, hanno scelto di proseguire i versamenti secondo le scadenze del piano di rateazione originario.

cosa:

Versamento della 6a rata dell’Irpef relativa ai maggiori ricavi o compensi indicati nella dichiarazione dei redditi. Sulle rate aventi scadenza successiva al 15 settembre 2021 sono dovuti gli interessi al tasso del 4 per cento annuo, a decorrere dal 16 settembre 2021. Gli interessi di rateazione eventualmente già versati, non più dovuti per effetto della proroga, possono essere scomputati dagli interessi dovuti sulle rate successive.

modalità:

Modello F24 con modalità telematiche, direttamente (utilizzando i servizi “F24 web” o “F24 online” dell’Agenzia delle Entrate, attraverso i canali telematici Fisconline o Entratel oppure ricorrendo, tranne nel caso di modello F24 a saldo zero, ai servizi di internet banking messi a disposizione da banche, Poste Italiane e Agenti della riscossione convenzionati con l’Agenzia delle Entrate) oppure tramite intermediario abilitato

codice tributo: 4001 – Irpef Saldo

Adeguamento alle risultanze degli studi di settore e/o agli “Indici Sintetici di Affidabilità fiscale” (ISA): : versamento 6a rata

chi: Soggetti che si adeguano alle risultanze degli Indici Sintetici di Affidabilità fiscale (ISA) nella dichiarazione dei redditi, nella dichiarazione Irap e nella dichiarazione IVA che hanno scelto il pagamento rateale ed hanno effettuato il primo versamento entro il 30 giugno 2021 e nonostante la proroga prevista dall’art. 9-ter, D.L. 25 maggio 2021, n. 73, hanno scelto di proseguire i versamenti secondo le scadenze del piano di rateazione originario.

cosa:

Versamento della 6a rata dell’Irpef relativa ai maggiori ricavi o compensi indicati nella dichiarazione dei redditi. Sulle rate aventi scadenza successiva al 15 settembre 2021 sono dovuti gli interessi al tasso del 4 per cento annuo, a decorrere dal 16 settembre 2021. Gli interessi di rateazione eventualmente già versati, non più dovuti per effetto della proroga, possono essere scomputati dagli interessi dovuti sulle rate successive.

modalità:

Modello F24 con modalità telematiche, direttamente (utilizzando i servizi “F24 web” o “F24 online” dell’Agenzia delle Entrate, attraverso i canali telematici Fisconline o Entratel oppure ricorrendo, tranne nel caso di modello F24 a saldo zero, ai servizi di internet banking messi a disposizione da banche, Poste Italiane e Agenti della riscossione convenzionati con l’Agenzia delle Entrate) oppure tramite intermediario abilitato

codice tributo: 4001 – Irpef Saldo

Adeguamento alle risultanze degli studi di settore e/o agli “Indici Sintetici di Affidabilità fiscale” (ISA): : versamento 6a rata

chi: Soggetti che si adeguano alle risultanze degli Indici Sintetici di Affidabilità fiscale (ISA) nella dichiarazione dei redditi, nella dichiarazione Irap e nella dichiarazione IVA che hanno scelto il pagamento rateale ed hanno effettuato il primo versamento entro il 30 giugno 2021 e nonostante la proroga prevista dall’art. 9-ter, D.L. 25 maggio 2021, n. 73, hanno scelto di proseguire i versamenti secondo le scadenze del piano di rateazione originario.

cosa:

Versamento della 6a rata dell’Irpef relativa ai maggiori ricavi o compensi indicati nella dichiarazione dei redditi. Sulle rate aventi scadenza successiva al 15 settembre 2021 sono dovuti gli interessi al tasso del 4 per cento annuo, a decorrere dal 16 settembre 2021. Gli interessi di rateazione eventualmente già versati, non più dovuti per effetto della proroga, possono essere scomputati dagli interessi dovuti sulle rate successive.

modalità:

Modello F24 con modalità telematiche, direttamente (utilizzando i servizi “F24 web” o “F24 online” dell’Agenzia delle Entrate, attraverso i canali telematici Fisconline o Entratel oppure ricorrendo, tranne nel caso di modello F24 a saldo zero, ai servizi di internet banking messi a disposizione da banche, Poste Italiane e Agenti della riscossione convenzionati con l’Agenzia delle Entrate) oppure tramite intermediario abilitato

codice tributo: 4001 – Irpef Saldo

Adeguamento alle risultanze degli studi di settore e/o agli “Indici Sintetici di Affidabilità fiscale” (ISA): : versamento 6a rata

chi: Soggetti che si adeguano alle risultanze degli Indici Sintetici di Affidabilità fiscale (ISA) nella dichiarazione dei redditi, nella dichiarazione Irap e nella dichiarazione IVA che hanno scelto il pagamento rateale ed hanno effettuato il primo versamento entro il 30 giugno 2021 e nonostante la proroga prevista dall’art. 9-ter, D.L. 25 maggio 2021, n. 73, hanno scelto di proseguire i versamenti secondo le scadenze del piano di rateazione originario.

cosa:

Versamento della 6a rata dell’Irpef relativa ai maggiori ricavi o compensi indicati nella dichiarazione dei redditi. Sulle rate aventi scadenza successiva al 15 settembre 2021 sono dovuti gli interessi al tasso del 4 per cento annuo, a decorrere dal 16 settembre 2021. Gli interessi di rateazione eventualmente già versati, non più dovuti per effetto della proroga, possono essere scomputati dagli interessi dovuti sulle rate successive.

modalità:

Modello F24 con modalità telematiche, direttamente (utilizzando i servizi “F24 web” o “F24 online” dell’Agenzia delle Entrate, attraverso i canali telematici Fisconline o Entratel oppure ricorrendo, tranne nel caso di modello F24 a saldo zero, ai servizi di internet banking messi a disposizione da banche, Poste Italiane e Agenti della riscossione convenzionati con l’Agenzia delle Entrate) oppure tramite intermediario abilitato

codice tributo: 4001 – Irpef Saldo

Adeguamento alle risultanze degli studi di settore e/o agli “Indici Sintetici di Affidabilità fiscale” (ISA): : versamento 6a rata

chi: Soggetti che si adeguano alle risultanze degli Indici Sintetici di Affidabilità fiscale (ISA) nella dichiarazione dei redditi, nella dichiarazione Irap e nella dichiarazione IVA che hanno scelto il pagamento rateale ed hanno effettuato il primo versamento entro il 30 giugno 2021 e nonostante la proroga prevista dall’art. 9-ter, D.L. 25 maggio 2021, n. 73, hanno scelto di proseguire i versamenti secondo le scadenze del piano di rateazione originario.

cosa:

Versamento della 6a rata dell’Irpef relativa ai maggiori ricavi o compensi indicati nella dichiarazione dei redditi. Sulle rate aventi scadenza successiva al 15 settembre 2021 sono dovuti gli interessi al tasso del 4 per cento annuo, a decorrere dal 16 settembre 2021. Gli interessi di rateazione eventualmente già versati, non più dovuti per effetto della proroga, possono essere scomputati dagli interessi dovuti sulle rate successive.

modalità:

Modello F24 con modalità telematiche, direttamente (utilizzando i servizi “F24 web” o “F24 online” dell’Agenzia delle Entrate, attraverso i canali telematici Fisconline o Entratel oppure ricorrendo, tranne nel caso di modello F24 a saldo zero, ai servizi di internet banking messi a disposizione da banche, Poste Italiane e Agenti della riscossione convenzionati con l’Agenzia delle Entrate) oppure tramite intermediario abilitato

codice tributo: 4001 – Irpef Saldo

Adeguamento alle risultanze degli studi di settore e/o agli “Indici Sintetici di Affidabilità fiscale” (ISA): : versamento 6a rata

chi: Soggetti che si adeguano alle risultanze degli Indici Sintetici di Affidabilità fiscale (ISA) nella dichiarazione dei redditi, nella dichiarazione Irap e nella dichiarazione IVA che hanno scelto il pagamento rateale ed hanno effettuato il primo versamento entro il 30 giugno 2021 e nonostante la proroga prevista dall’art. 9-ter, D.L. 25 maggio 2021, n. 73, hanno scelto di proseguire i versamenti secondo le scadenze del piano di rateazione originario.

cosa:

Versamento della 6a rata dell’Irpef relativa ai maggiori ricavi o compensi indicati nella dichiarazione dei redditi. Sulle rate aventi scadenza successiva al 15 settembre 2021 sono dovuti gli interessi al tasso del 4 per cento annuo, a decorrere dal 16 settembre 2021. Gli interessi di rateazione eventualmente già versati, non più dovuti per effetto della proroga, possono essere scomputati dagli interessi dovuti sulle rate successive.

modalità:

Modello F24 con modalità telematiche, direttamente (utilizzando i servizi “F24 web” o “F24 online” dell’Agenzia delle Entrate, attraverso i canali telematici Fisconline o Entratel oppure ricorrendo, tranne nel caso di modello F24 a saldo zero, ai servizi di internet banking messi a disposizione da banche, Poste Italiane e Agenti della riscossione convenzionati con l’Agenzia delle Entrate) oppure tramite intermediario abilitato

codice tributo: 4001 – Irpef Saldo

Adeguamento alle risultanze degli studi di settore e/o agli “Indici Sintetici di Affidabilità fiscale” (ISA): : versamento 6a rata

chi: Soggetti che si adeguano alle risultanze degli Indici Sintetici di Affidabilità fiscale (ISA) nella dichiarazione dei redditi, nella dichiarazione Irap e nella dichiarazione IVA che hanno scelto il pagamento rateale ed hanno effettuato il primo versamento entro il 30 giugno 2021 e nonostante la proroga prevista dall’art. 9-ter, D.L. 25 maggio 2021, n. 73, hanno scelto di proseguire i versamenti secondo le scadenze del piano di rateazione originario.

cosa:

Versamento della 6a rata dell’Irpef relativa ai maggiori ricavi o compensi indicati nella dichiarazione dei redditi. Sulle rate aventi scadenza successiva al 15 settembre 2021 sono dovuti gli interessi al tasso del 4 per cento annuo, a decorrere dal 16 settembre 2021. Gli interessi di rateazione eventualmente già versati, non più dovuti per effetto della proroga, possono essere scomputati dagli interessi dovuti sulle rate successive.

modalità:

Modello F24 con modalità telematiche, direttamente (utilizzando i servizi “F24 web” o “F24 online” dell’Agenzia delle Entrate, attraverso i canali telematici Fisconline o Entratel oppure ricorrendo, tranne nel caso di modello F24 a saldo zero, ai servizi di internet banking messi a disposizione da banche, Poste Italiane e Agenti della riscossione convenzionati con l’Agenzia delle Entrate) oppure tramite intermediario abilitato

codice tributo: 4001 – Irpef Saldo

Adeguamento alle risultanze degli studi di settore e/o agli “Indici Sintetici di Affidabilità fiscale” (ISA): : versamento 6a rata

chi: Soggetti che si adeguano alle risultanze degli Indici Sintetici di Affidabilità fiscale (ISA) nella dichiarazione dei redditi, nella dichiarazione Irap e nella dichiarazione IVA che hanno scelto il pagamento rateale ed hanno effettuato il primo versamento entro il 30 giugno 2021 e nonostante la proroga prevista dall’art. 9-ter, D.L. 25 maggio 2021, n. 73, hanno scelto di proseguire i versamenti secondo le scadenze del piano di rateazione originario.

cosa:

Versamento della 6a rata dell’Irpef relativa ai maggiori ricavi o compensi indicati nella dichiarazione dei redditi. Sulle rate aventi scadenza successiva al 15 settembre 2021 sono dovuti gli interessi al tasso del 4 per cento annuo, a decorrere dal 16 settembre 2021. Gli interessi di rateazione eventualmente già versati, non più dovuti per effetto della proroga, possono essere scomputati dagli interessi dovuti sulle rate successive.

modalità:

Modello F24 con modalità telematiche, direttamente (utilizzando i servizi “F24 web” o “F24 online” dell’Agenzia delle Entrate, attraverso i canali telematici Fisconline o Entratel oppure ricorrendo, tranne nel caso di modello F24 a saldo zero, ai servizi di internet banking messi a disposizione da banche, Poste Italiane e Agenti della riscossione convenzionati con l’Agenzia delle Entrate) oppure tramite intermediario abilitato

codice tributo: 4001 – Irpef Saldo

Adeguamento alle risultanze degli studi di settore e/o agli “Indici Sintetici di Affidabilità fiscale” (ISA): : versamento 6a rata

chi: Soggetti che si adeguano alle risultanze degli Indici Sintetici di Affidabilità fiscale (ISA) nella dichiarazione dei redditi, nella dichiarazione Irap e nella dichiarazione IVA che hanno scelto il pagamento rateale ed hanno effettuato il primo versamento entro il 30 giugno 2021 e nonostante la proroga prevista dall’art. 9-ter, D.L. 25 maggio 2021, n. 73, hanno scelto di proseguire i versamenti secondo le scadenze del piano di rateazione originario.

cosa:

Versamento della 6a rata dell’Irpef relativa ai maggiori ricavi o compensi indicati nella dichiarazione dei redditi. Sulle rate aventi scadenza successiva al 15 settembre 2021 sono dovuti gli interessi al tasso del 4 per cento annuo, a decorrere dal 16 settembre 2021. Gli interessi di rateazione eventualmente già versati, non più dovuti per effetto della proroga, possono essere scomputati dagli interessi dovuti sulle rate successive.

modalità:

Modello F24 con modalità telematiche, direttamente (utilizzando i servizi “F24 web” o “F24 online” dell’Agenzia delle Entrate, attraverso i canali telematici Fisconline o Entratel oppure ricorrendo, tranne nel caso di modello F24 a saldo zero, ai servizi di internet banking messi a disposizione da banche, Poste Italiane e Agenti della riscossione convenzionati con l’Agenzia delle Entrate) oppure tramite intermediario abilitato

codice tributo: 4001 – Irpef Saldo

Adeguamento alle risultanze degli studi di settore e/o agli “Indici Sintetici di Affidabilità fiscale” (ISA): : versamento 6a rata

chi: Soggetti che si adeguano alle risultanze degli Indici Sintetici di Affidabilità fiscale (ISA) nella dichiarazione dei redditi, nella dichiarazione Irap e nella dichiarazione IVA che hanno scelto il pagamento rateale ed hanno effettuato il primo versamento entro il 30 giugno 2021 e nonostante la proroga prevista dall’art. 9-ter, D.L. 25 maggio 2021, n. 73, hanno scelto di proseguire i versamenti secondo le scadenze del piano di rateazione originario.

cosa:

Versamento della 6a rata dell’Irpef relativa ai maggiori ricavi o compensi indicati nella dichiarazione dei redditi. Sulle rate aventi scadenza successiva al 15 settembre 2021 sono dovuti gli interessi al tasso del 4 per cento annuo, a decorrere dal 16 settembre 2021. Gli interessi di rateazione eventualmente già versati, non più dovuti per effetto della proroga, possono essere scomputati dagli interessi dovuti sulle rate successive.

modalità:

Modello F24 con modalità telematiche, direttamente (utilizzando i servizi “F24 web” o “F24 online” dell’Agenzia delle Entrate, attraverso i canali telematici Fisconline o Entratel oppure ricorrendo, tranne nel caso di modello F24 a saldo zero, ai servizi di internet banking messi a disposizione da banche, Poste Italiane e Agenti della riscossione convenzionati con l’Agenzia delle Entrate) oppure tramite intermediario abilitato

codice tributo: 4001 – Irpef Saldo

Adeguamento alle risultanze degli studi di settore e/o agli “Indici Sintetici di Affidabilità fiscale” (ISA): : versamento 6a rata

chi: Soggetti che si adeguano alle risultanze degli Indici Sintetici di Affidabilità fiscale (ISA) nella dichiarazione dei redditi, nella dichiarazione Irap e nella dichiarazione IVA che hanno scelto il pagamento rateale ed hanno effettuato il primo versamento entro il 30 giugno 2021 e nonostante la proroga prevista dall’art. 9-ter, D.L. 25 maggio 2021, n. 73, hanno scelto di proseguire i versamenti secondo le scadenze del piano di rateazione originario.

cosa:

Versamento della 6a rata dell’Irpef relativa ai maggiori ricavi o compensi indicati nella dichiarazione dei redditi. Sulle rate aventi scadenza successiva al 15 settembre 2021 sono dovuti gli interessi al tasso del 4 per cento annuo, a decorrere dal 16 settembre 2021. Gli interessi di rateazione eventualmente già versati, non più dovuti per effetto della proroga, possono essere scomputati dagli interessi dovuti sulle rate successive.

modalità:

Modello F24 con modalità telematiche, direttamente (utilizzando i servizi “F24 web” o “F24 online” dell’Agenzia delle Entrate, attraverso i canali telematici Fisconline o Entratel oppure ricorrendo, tranne nel caso di modello F24 a saldo zero, ai servizi di internet banking messi a disposizione da banche, Poste Italiane e Agenti della riscossione convenzionati con l’Agenzia delle Entrate) oppure tramite intermediario abilitato

codice tributo: 4001 – Irpef Saldo

Adeguamento alle risultanze degli studi di settore e/o agli “Indici Sintetici di Affidabilità fiscale” (ISA): : versamento 6a rata

chi: Soggetti che si adeguano alle risultanze degli Indici Sintetici di Affidabilità fiscale (ISA) nella dichiarazione dei redditi, nella dichiarazione Irap e nella dichiarazione IVA che hanno scelto il pagamento rateale ed hanno effettuato il primo versamento entro il 30 giugno 2021 e nonostante la proroga prevista dall’art. 9-ter, D.L. 25 maggio 2021, n. 73, hanno scelto di proseguire i versamenti secondo le scadenze del piano di rateazione originario.

cosa:

Versamento della 6a rata dell’Irpef relativa ai maggiori ricavi o compensi indicati nella dichiarazione dei redditi. Sulle rate aventi scadenza successiva al 15 settembre 2021 sono dovuti gli interessi al tasso del 4 per cento annuo, a decorrere dal 16 settembre 2021. Gli interessi di rateazione eventualmente già versati, non più dovuti per effetto della proroga, possono essere scomputati dagli interessi dovuti sulle rate successive.

modalità:

Modello F24 con modalità telematiche, direttamente (utilizzando i servizi “F24 web” o “F24 online” dell’Agenzia delle Entrate, attraverso i canali telematici Fisconline o Entratel oppure ricorrendo, tranne nel caso di modello F24 a saldo zero, ai servizi di internet banking messi a disposizione da banche, Poste Italiane e Agenti della riscossione convenzionati con l’Agenzia delle Entrate) oppure tramite intermediario abilitato

codice tributo: 4001 – Irpef Saldo

Adeguamento alle risultanze degli studi di settore e/o agli “Indici Sintetici di Affidabilità fiscale” (ISA): : versamento 6a rata

chi: Soggetti che si adeguano alle risultanze degli Indici Sintetici di Affidabilità fiscale (ISA) nella dichiarazione dei redditi, nella dichiarazione Irap e nella dichiarazione IVA che hanno scelto il pagamento rateale ed hanno effettuato il primo versamento entro il 30 giugno 2021 e nonostante la proroga prevista dall’art. 9-ter, D.L. 25 maggio 2021, n. 73, hanno scelto di proseguire i versamenti secondo le scadenze del piano di rateazione originario.

cosa:

Versamento della 6a rata dell’Irpef relativa ai maggiori ricavi o compensi indicati nella dichiarazione dei redditi. Sulle rate aventi scadenza successiva al 15 settembre 2021 sono dovuti gli interessi al tasso del 4 per cento annuo, a decorrere dal 16 settembre 2021. Gli interessi di rateazione eventualmente già versati, non più dovuti per effetto della proroga, possono essere scomputati dagli interessi dovuti sulle rate successive.

modalità:

Modello F24 con modalità telematiche, direttamente (utilizzando i servizi “F24 web” o “F24 online” dell’Agenzia delle Entrate, attraverso i canali telematici Fisconline o Entratel oppure ricorrendo, tranne nel caso di modello F24 a saldo zero, ai servizi di internet banking messi a disposizione da banche, Poste Italiane e Agenti della riscossione convenzionati con l’Agenzia delle Entrate) oppure tramite intermediario abilitato

codice tributo: 4001 – Irpef Saldo

Adeguamento alle risultanze degli studi di settore e/o agli “Indici Sintetici di Affidabilità fiscale” (ISA): : versamento 6a rata

chi: Soggetti che si adeguano alle risultanze degli Indici Sintetici di Affidabilità fiscale (ISA) nella dichiarazione dei redditi, nella dichiarazione Irap e nella dichiarazione IVA che hanno scelto il pagamento rateale ed hanno effettuato il primo versamento entro il 30 giugno 2021 e nonostante la proroga prevista dall’art. 9-ter, D.L. 25 maggio 2021, n. 73, hanno scelto di proseguire i versamenti secondo le scadenze del piano di rateazione originario.

cosa:

Versamento della 6a rata dell’Irpef relativa ai maggiori ricavi o compensi indicati nella dichiarazione dei redditi. Sulle rate aventi scadenza successiva al 15 settembre 2021 sono dovuti gli interessi al tasso del 4 per cento annuo, a decorrere dal 16 settembre 2021. Gli interessi di rateazione eventualmente già versati, non più dovuti per effetto della proroga, possono essere scomputati dagli interessi dovuti sulle rate successive.

modalità:

Modello F24 con modalità telematiche, direttamente (utilizzando i servizi “F24 web” o “F24 online” dell’Agenzia delle Entrate, attraverso i canali telematici Fisconline o Entratel oppure ricorrendo, tranne nel caso di modello F24 a saldo zero, ai servizi di internet banking messi a disposizione da banche, Poste Italiane e Agenti della riscossione convenzionati con l’Agenzia delle Entrate) oppure tramite intermediario abilitato

codice tributo: 4001 – Irpef Saldo

Adeguamento alle risultanze degli studi di settore e/o agli “Indici Sintetici di Affidabilità fiscale” (ISA): : versamento 6a rata

chi: Soggetti che si adeguano alle risultanze degli Indici Sintetici di Affidabilità fiscale (ISA) nella dichiarazione dei redditi, nella dichiarazione Irap e nella dichiarazione IVA che hanno scelto il pagamento rateale ed hanno effettuato il primo versamento entro il 30 giugno 2021 e nonostante la proroga prevista dall’art. 9-ter, D.L. 25 maggio 2021, n. 73, hanno scelto di proseguire i versamenti secondo le scadenze del piano di rateazione originario.

cosa:

Versamento della 6a rata dell’Irpef relativa ai maggiori ricavi o compensi indicati nella dichiarazione dei redditi. Sulle rate aventi scadenza successiva al 15 settembre 2021 sono dovuti gli interessi al tasso del 4 per cento annuo, a decorrere dal 16 settembre 2021. Gli interessi di rateazione eventualmente già versati, non più dovuti per effetto della proroga, possono essere scomputati dagli interessi dovuti sulle rate successive.

modalità:

Modello F24 con modalità telematiche, direttamente (utilizzando i servizi “F24 web” o “F24 online” dell’Agenzia delle Entrate, attraverso i canali telematici Fisconline o Entratel oppure ricorrendo, tranne nel caso di modello F24 a saldo zero, ai servizi di internet banking messi a disposizione da banche, Poste Italiane e Agenti della riscossione convenzionati con l’Agenzia delle Entrate) oppure tramite intermediario abilitato

codice tributo: 4001 – Irpef Saldo

Adeguamento alle risultanze degli studi di settore e/o agli “Indici Sintetici di Affidabilità fiscale” (ISA): : versamento 6a rata

chi: Soggetti che si adeguano alle risultanze degli Indici Sintetici di Affidabilità fiscale (ISA) nella dichiarazione dei redditi, nella dichiarazione Irap e nella dichiarazione IVA che hanno scelto il pagamento rateale ed hanno effettuato il primo versamento entro il 30 giugno 2021 e nonostante la proroga prevista dall’art. 9-ter, D.L. 25 maggio 2021, n. 73, hanno scelto di proseguire i versamenti secondo le scadenze del piano di rateazione originario.

cosa:

Versamento della 6a rata dell’Irpef relativa ai maggiori ricavi o compensi indicati nella dichiarazione dei redditi. Sulle rate aventi scadenza successiva al 15 settembre 2021 sono dovuti gli interessi al tasso del 4 per cento annuo, a decorrere dal 16 settembre 2021. Gli interessi di rateazione eventualmente già versati, non più dovuti per effetto della proroga, possono essere scomputati dagli interessi dovuti sulle rate successive.

modalità:

Modello F24 con modalità telematiche, direttamente (utilizzando i servizi “F24 web” o “F24 online” dell’Agenzia delle Entrate, attraverso i canali telematici Fisconline o Entratel oppure ricorrendo, tranne nel caso di modello F24 a saldo zero, ai servizi di internet banking messi a disposizione da banche, Poste Italiane e Agenti della riscossione convenzionati con l’Agenzia delle Entrate) oppure tramite intermediario abilitato

codice tributo: 4001 – Irpef Saldo

Adeguamento alle risultanze degli studi di settore e/o agli “Indici Sintetici di Affidabilità fiscale” (ISA): : versamento 6a rata

chi: Soggetti che si adeguano alle risultanze degli Indici Sintetici di Affidabilità fiscale (ISA) nella dichiarazione dei redditi, nella dichiarazione Irap e nella dichiarazione IVA che hanno scelto il pagamento rateale ed hanno effettuato il primo versamento entro il 30 giugno 2021 e nonostante la proroga prevista dall’art. 9-ter, D.L. 25 maggio 2021, n. 73, hanno scelto di proseguire i versamenti secondo le scadenze del piano di rateazione originario.

cosa:

Versamento della 6a rata dell’Irpef relativa ai maggiori ricavi o compensi indicati nella dichiarazione dei redditi. Sulle rate aventi scadenza successiva al 15 settembre 2021 sono dovuti gli interessi al tasso del 4 per cento annuo, a decorrere dal 16 settembre 2021. Gli interessi di rateazione eventualmente già versati, non più dovuti per effetto della proroga, possono essere scomputati dagli interessi dovuti sulle rate successive.

modalità:

Modello F24 con modalità telematiche, direttamente (utilizzando i servizi “F24 web” o “F24 online” dell’Agenzia delle Entrate, attraverso i canali telematici Fisconline o Entratel oppure ricorrendo, tranne nel caso di modello F24 a saldo zero, ai servizi di internet banking messi a disposizione da banche, Poste Italiane e Agenti della riscossione convenzionati con l’Agenzia delle Entrate) oppure tramite intermediario abilitato

codice tributo: 4001 – Irpef Saldo

Adeguamento alle risultanze degli studi di settore e/o agli “Indici Sintetici di Affidabilità fiscale” (ISA): : versamento 6a rata

chi: Soggetti che si adeguano alle risultanze degli Indici Sintetici di Affidabilità fiscale (ISA) nella dichiarazione dei redditi, nella dichiarazione Irap e nella dichiarazione IVA che hanno scelto il pagamento rateale ed hanno effettuato il primo versamento entro il 30 giugno 2021 e nonostante la proroga prevista dall’art. 9-ter, D.L. 25 maggio 2021, n. 73, hanno scelto di proseguire i versamenti secondo le scadenze del piano di rateazione originario.

cosa:

Versamento della 6a rata dell’Irpef relativa ai maggiori ricavi o compensi indicati nella dichiarazione dei redditi. Sulle rate aventi scadenza successiva al 15 settembre 2021 sono dovuti gli interessi al tasso del 4 per cento annuo, a decorrere dal 16 settembre 2021. Gli interessi di rateazione eventualmente già versati, non più dovuti per effetto della proroga, possono essere scomputati dagli interessi dovuti sulle rate successive.

modalità:

Modello F24 con modalità telematiche, direttamente (utilizzando i servizi “F24 web” o “F24 online” dell’Agenzia delle Entrate, attraverso i canali telematici Fisconline o Entratel oppure ricorrendo, tranne nel caso di modello F24 a saldo zero, ai servizi di internet banking messi a disposizione da banche, Poste Italiane e Agenti della riscossione convenzionati con l’Agenzia delle Entrate) oppure tramite intermediario abilitato

codice tributo: 4001 – Irpef Saldo

Adeguamento alle risultanze degli studi di settore e/o agli “Indici Sintetici di Affidabilità fiscale” (ISA): : versamento 6a rata

chi: Soggetti che si adeguano alle risultanze degli Indici Sintetici di Affidabilità fiscale (ISA) nella dichiarazione dei redditi, nella dichiarazione Irap e nella dichiarazione IVA che hanno scelto il pagamento rateale ed hanno effettuato il primo versamento entro il 30 giugno 2021 e nonostante la proroga prevista dall’art. 9-ter, D.L. 25 maggio 2021, n. 73, hanno scelto di proseguire i versamenti secondo le scadenze del piano di rateazione originario.

cosa:

Versamento della 6a rata dell’Irpef relativa ai maggiori ricavi o compensi indicati nella dichiarazione dei redditi. Sulle rate aventi scadenza successiva al 15 settembre 2021 sono dovuti gli interessi al tasso del 4 per cento annuo, a decorrere dal 16 settembre 2021. Gli interessi di rateazione eventualmente già versati, non più dovuti per effetto della proroga, possono essere scomputati dagli interessi dovuti sulle rate successive.

modalità:

Modello F24 con modalità telematiche, direttamente (utilizzando i servizi “F24 web” o “F24 online” dell’Agenzia delle Entrate, attraverso i canali telematici Fisconline o Entratel oppure ricorrendo, tranne nel caso di modello F24 a saldo zero, ai servizi di internet banking messi a disposizione da banche, Poste Italiane e Agenti della riscossione convenzionati con l’Agenzia delle Entrate) oppure tramite intermediario abilitato

codice tributo: 4001 – Irpef Saldo

Adeguamento alle risultanze degli studi di settore e/o agli “Indici Sintetici di Affidabilità fiscale” (ISA): : versamento 6a rata

chi: Soggetti che si adeguano alle risultanze degli Indici Sintetici di Affidabilità fiscale (ISA) nella dichiarazione dei redditi, nella dichiarazione Irap e nella dichiarazione IVA che hanno scelto il pagamento rateale ed hanno effettuato il primo versamento entro il 30 giugno 2021 e nonostante la proroga prevista dall’art. 9-ter, D.L. 25 maggio 2021, n. 73, hanno scelto di proseguire i versamenti secondo le scadenze del piano di rateazione originario.

cosa:

Versamento della 6a rata dell’Irpef relativa ai maggiori ricavi o compensi indicati nella dichiarazione dei redditi. Sulle rate aventi scadenza successiva al 15 settembre 2021 sono dovuti gli interessi al tasso del 4 per cento annuo, a decorrere dal 16 settembre 2021. Gli interessi di rateazione eventualmente già versati, non più dovuti per effetto della proroga, possono essere scomputati dagli interessi dovuti sulle rate successive.

modalità:

Modello F24 con modalità telematiche, direttamente (utilizzando i servizi “F24 web” o “F24 online” dell’Agenzia delle Entrate, attraverso i canali telematici Fisconline o Entratel oppure ricorrendo, tranne nel caso di modello F24 a saldo zero, ai servizi di internet banking messi a disposizione da banche, Poste Italiane e Agenti della riscossione convenzionati con l’Agenzia delle Entrate) oppure tramite intermediario abilitato

codice tributo: 4001 – Irpef Saldo

Adeguamento alle risultanze degli studi di settore e/o agli “Indici Sintetici di Affidabilità fiscale” (ISA): : versamento 6a rata

chi: Soggetti che si adeguano alle risultanze degli Indici Sintetici di Affidabilità fiscale (ISA) nella dichiarazione dei redditi, nella dichiarazione Irap e nella dichiarazione IVA che hanno scelto il pagamento rateale ed hanno effettuato il primo versamento entro il 30 giugno 2021 e nonostante la proroga prevista dall’art. 9-ter, D.L. 25 maggio 2021, n. 73, hanno scelto di proseguire i versamenti secondo le scadenze del piano di rateazione originario.

cosa:

Versamento della 6a rata dell’Irpef relativa ai maggiori ricavi o compensi indicati nella dichiarazione dei redditi. Sulle rate aventi scadenza successiva al 15 settembre 2021 sono dovuti gli interessi al tasso del 4 per cento annuo, a decorrere dal 16 settembre 2021. Gli interessi di rateazione eventualmente già versati, non più dovuti per effetto della proroga, possono essere scomputati dagli interessi dovuti sulle rate successive.

modalità:

Modello F24 con modalità telematiche, direttamente (utilizzando i servizi “F24 web” o “F24 online” dell’Agenzia delle Entrate, attraverso i canali telematici Fisconline o Entratel oppure ricorrendo, tranne nel caso di modello F24 a saldo zero, ai servizi di internet banking messi a disposizione da banche, Poste Italiane e Agenti della riscossione convenzionati con l’Agenzia delle Entrate) oppure tramite intermediario abilitato

codice tributo: 4001 – Irpef Saldo

Adeguamento alle risultanze degli studi di settore e/o agli “Indici Sintetici di Affidabilità fiscale” (ISA): : versamento 6a rata

chi: Soggetti che si adeguano alle risultanze degli Indici Sintetici di Affidabilità fiscale (ISA) nella dichiarazione dei redditi, nella dichiarazione Irap e nella dichiarazione IVA che hanno scelto il pagamento rateale ed hanno effettuato il primo versamento entro il 30 giugno 2021 e nonostante la proroga prevista dall’art. 9-ter, D.L. 25 maggio 2021, n. 73, hanno scelto di proseguire i versamenti secondo le scadenze del piano di rateazione originario.

cosa:

Versamento della 6a rata dell’Irpef relativa ai maggiori ricavi o compensi indicati nella dichiarazione dei redditi. Sulle rate aventi scadenza successiva al 15 settembre 2021 sono dovuti gli interessi al tasso del 4 per cento annuo, a decorrere dal 16 settembre 2021. Gli interessi di rateazione eventualmente già versati, non più dovuti per effetto della proroga, possono essere scomputati dagli interessi dovuti sulle rate successive.

modalità:

Modello F24 con modalità telematiche, direttamente (utilizzando i servizi “F24 web” o “F24 online” dell’Agenzia delle Entrate, attraverso i canali telematici Fisconline o Entratel oppure ricorrendo, tranne nel caso di modello F24 a saldo zero, ai servizi di internet banking messi a disposizione da banche, Poste Italiane e Agenti della riscossione convenzionati con l’Agenzia delle Entrate) oppure tramite intermediario abilitato

codice tributo: 4001 – Irpef Saldo

Adeguamento alle risultanze degli studi di settore e/o agli “Indici Sintetici di Affidabilità fiscale” (ISA): : versamento 6a rata

chi: Soggetti che si adeguano alle risultanze degli Indici Sintetici di Affidabilità fiscale (ISA) nella dichiarazione dei redditi, nella dichiarazione Irap e nella dichiarazione IVA che hanno scelto il pagamento rateale ed hanno effettuato il primo versamento entro il 30 giugno 2021 e nonostante la proroga prevista dall’art. 9-ter, D.L. 25 maggio 2021, n. 73, hanno scelto di proseguire i versamenti secondo le scadenze del piano di rateazione originario.

cosa:

Versamento della 6a rata dell’Irpef relativa ai maggiori ricavi o compensi indicati nella dichiarazione dei redditi. Sulle rate aventi scadenza successiva al 15 settembre 2021 sono dovuti gli interessi al tasso del 4 per cento annuo, a decorrere dal 16 settembre 2021. Gli interessi di rateazione eventualmente già versati, non più dovuti per effetto della proroga, possono essere scomputati dagli interessi dovuti sulle rate successive.

modalità:

Modello F24 con modalità telematiche, direttamente (utilizzando i servizi “F24 web” o “F24 online” dell’Agenzia delle Entrate, attraverso i canali telematici Fisconline o Entratel oppure ricorrendo, tranne nel caso di modello F24 a saldo zero, ai servizi di internet banking messi a disposizione da banche, Poste Italiane e Agenti della riscossione convenzionati con l’Agenzia delle Entrate) oppure tramite intermediario abilitato

codice tributo: 4001 – Irpef Saldo

Adeguamento alle risultanze degli studi di settore e/o agli “Indici Sintetici di Affidabilità fiscale” (ISA): : versamento 6a rata

chi: Soggetti che si adeguano alle risultanze degli Indici Sintetici di Affidabilità fiscale (ISA) nella dichiarazione dei redditi, nella dichiarazione Irap e nella dichiarazione IVA che hanno scelto il pagamento rateale ed hanno effettuato il primo versamento entro il 30 giugno 2021 e nonostante la proroga prevista dall’art. 9-ter, D.L. 25 maggio 2021, n. 73, hanno scelto di proseguire i versamenti secondo le scadenze del piano di rateazione originario.

cosa:

Versamento della 6a rata dell’Irpef relativa ai maggiori ricavi o compensi indicati nella dichiarazione dei redditi. Sulle rate aventi scadenza successiva al 15 settembre 2021 sono dovuti gli interessi al tasso del 4 per cento annuo, a decorrere dal 16 settembre 2021. Gli interessi di rateazione eventualmente già versati, non più dovuti per effetto della proroga, possono essere scomputati dagli interessi dovuti sulle rate successive.

modalità:

Modello F24 con modalità telematiche, direttamente (utilizzando i servizi “F24 web” o “F24 online” dell’Agenzia delle Entrate, attraverso i canali telematici Fisconline o Entratel oppure ricorrendo, tranne nel caso di modello F24 a saldo zero, ai servizi di internet banking messi a disposizione da banche, Poste Italiane e Agenti della riscossione convenzionati con l’Agenzia delle Entrate) oppure tramite intermediario abilitato

codice tributo: 4001 – Irpef Saldo

Adeguamento alle risultanze degli studi di settore e/o agli “Indici Sintetici di Affidabilità fiscale” (ISA): : versamento 6a rata

chi: Soggetti che si adeguano alle risultanze degli Indici Sintetici di Affidabilità fiscale (ISA) nella dichiarazione dei redditi, nella dichiarazione Irap e nella dichiarazione IVA che hanno scelto il pagamento rateale ed hanno effettuato il primo versamento entro il 30 giugno 2021 e nonostante la proroga prevista dall’art. 9-ter, D.L. 25 maggio 2021, n. 73, hanno scelto di proseguire i versamenti secondo le scadenze del piano di rateazione originario.

cosa:

Versamento della 6a rata dell’Irpef relativa ai maggiori ricavi o compensi indicati nella dichiarazione dei redditi. Sulle rate aventi scadenza successiva al 15 settembre 2021 sono dovuti gli interessi al tasso del 4 per cento annuo, a decorrere dal 16 settembre 2021. Gli interessi di rateazione eventualmente già versati, non più dovuti per effetto della proroga, possono essere scomputati dagli interessi dovuti sulle rate successive.

modalità:

Modello F24 con modalità telematiche, direttamente (utilizzando i servizi “F24 web” o “F24 online” dell’Agenzia delle Entrate, attraverso i canali telematici Fisconline o Entratel oppure ricorrendo, tranne nel caso di modello F24 a saldo zero, ai servizi di internet banking messi a disposizione da banche, Poste Italiane e Agenti della riscossione convenzionati con l’Agenzia delle Entrate) oppure tramite intermediario abilitato

codice tributo: 4001 – Irpef Saldo

Adeguamento alle risultanze degli studi di settore e/o agli “Indici Sintetici di Affidabilità fiscale” (ISA): : versamento 6a rata

chi: Soggetti che si adeguano alle risultanze degli Indici Sintetici di Affidabilità fiscale (ISA) nella dichiarazione dei redditi, nella dichiarazione Irap e nella dichiarazione IVA che hanno scelto il pagamento rateale ed hanno effettuato il primo versamento entro il 30 giugno 2021 e nonostante la proroga prevista dall’art. 9-ter, D.L. 25 maggio 2021, n. 73, hanno scelto di proseguire i versamenti secondo le scadenze del piano di rateazione originario.

cosa:

Versamento della 6a rata dell’Irpef relativa ai maggiori ricavi o compensi indicati nella dichiarazione dei redditi. Sulle rate aventi scadenza successiva al 15 settembre 2021 sono dovuti gli interessi al tasso del 4 per cento annuo, a decorrere dal 16 settembre 2021. Gli interessi di rateazione eventualmente già versati, non più dovuti per effetto della proroga, possono essere scomputati dagli interessi dovuti sulle rate successive.

modalità:

Modello F24 con modalità telematiche, direttamente (utilizzando i servizi “F24 web” o “F24 online” dell’Agenzia delle Entrate, attraverso i canali telematici Fisconline o Entratel oppure ricorrendo, tranne nel caso di modello F24 a saldo zero, ai servizi di internet banking messi a disposizione da banche, Poste Italiane e Agenti della riscossione convenzionati con l’Agenzia delle Entrate) oppure tramite intermediario abilitato

codice tributo: 4001 – Irpef Saldo

Adeguamento alle risultanze degli studi di settore e/o agli “Indici Sintetici di Affidabilità fiscale” (ISA): : versamento 6a rata

chi: Soggetti che si adeguano alle risultanze degli Indici Sintetici di Affidabilità fiscale (ISA) nella dichiarazione dei redditi, nella dichiarazione Irap e nella dichiarazione IVA che hanno scelto il pagamento rateale ed hanno effettuato il primo versamento entro il 30 giugno 2021 e nonostante la proroga prevista dall’art. 9-ter, D.L. 25 maggio 2021, n. 73, hanno scelto di proseguire i versamenti secondo le scadenze del piano di rateazione originario.

cosa:

Versamento della 6a rata dell’Irpef relativa ai maggiori ricavi o compensi indicati nella dichiarazione dei redditi. Sulle rate aventi scadenza successiva al 15 settembre 2021 sono dovuti gli interessi al tasso del 4 per cento annuo, a decorrere dal 16 settembre 2021. Gli interessi di rateazione eventualmente già versati, non più dovuti per effetto della proroga, possono essere scomputati dagli interessi dovuti sulle rate successive.

modalità:

Modello F24 con modalità telematiche, direttamente (utilizzando i servizi “F24 web” o “F24 online” dell’Agenzia delle Entrate, attraverso i canali telematici Fisconline o Entratel oppure ricorrendo, tranne nel caso di modello F24 a saldo zero, ai servizi di internet banking messi a disposizione da banche, Poste Italiane e Agenti della riscossione convenzionati con l’Agenzia delle Entrate) oppure tramite intermediario abilitato

codice tributo: 4001 – Irpef Saldo

Adeguamento alle risultanze degli studi di settore e/o agli “Indici Sintetici di Affidabilità fiscale” (ISA): : versamento 6a rata

chi: Soggetti che si adeguano alle risultanze degli Indici Sintetici di Affidabilità fiscale (ISA) nella dichiarazione dei redditi, nella dichiarazione Irap e nella dichiarazione IVA che hanno scelto il pagamento rateale ed hanno effettuato il primo versamento entro il 30 giugno 2021 e nonostante la proroga prevista dall’art. 9-ter, D.L. 25 maggio 2021, n. 73, hanno scelto di proseguire i versamenti secondo le scadenze del piano di rateazione originario.

cosa:

Versamento della 6a rata dell’Irpef relativa ai maggiori ricavi o compensi indicati nella dichiarazione dei redditi. Sulle rate aventi scadenza successiva al 15 settembre 2021 sono dovuti gli interessi al tasso del 4 per cento annuo, a decorrere dal 16 settembre 2021. Gli interessi di rateazione eventualmente già versati, non più dovuti per effetto della proroga, possono essere scomputati dagli interessi dovuti sulle rate successive.

modalità:

Modello F24 con modalità telematiche, direttamente (utilizzando i servizi “F24 web” o “F24 online” dell’Agenzia delle Entrate, attraverso i canali telematici Fisconline o Entratel oppure ricorrendo, tranne nel caso di modello F24 a saldo zero, ai servizi di internet banking messi a disposizione da banche, Poste Italiane e Agenti della riscossione convenzionati con l’Agenzia delle Entrate) oppure tramite intermediario abilitato

codice tributo: 4001 – Irpef Saldo

Adeguamento alle risultanze degli studi di settore e/o agli “Indici Sintetici di Affidabilità fiscale” (ISA): : versamento 6a rata

chi: Soggetti che si adeguano alle risultanze degli Indici Sintetici di Affidabilità fiscale (ISA) nella dichiarazione dei redditi, nella dichiarazione Irap e nella dichiarazione IVA che hanno scelto il pagamento rateale ed hanno effettuato il primo versamento entro il 30 giugno 2021 e nonostante la proroga prevista dall’art. 9-ter, D.L. 25 maggio 2021, n. 73, hanno scelto di proseguire i versamenti secondo le scadenze del piano di rateazione originario.

cosa:

Versamento della 6a rata dell’Irpef relativa ai maggiori ricavi o compensi indicati nella dichiarazione dei redditi. Sulle rate aventi scadenza successiva al 15 settembre 2021 sono dovuti gli interessi al tasso del 4 per cento annuo, a decorrere dal 16 settembre 2021. Gli interessi di rateazione eventualmente già versati, non più dovuti per effetto della proroga, possono essere scomputati dagli interessi dovuti sulle rate successive.

modalità:

Modello F24 con modalità telematiche, direttamente (utilizzando i servizi “F24 web” o “F24 online” dell’Agenzia delle Entrate, attraverso i canali telematici Fisconline o Entratel oppure ricorrendo, tranne nel caso di modello F24 a saldo zero, ai servizi di internet banking messi a disposizione da banche, Poste Italiane e Agenti della riscossione convenzionati con l’Agenzia delle Entrate) oppure tramite intermediario abilitato

codice tributo: 4001 – Irpef Saldo

Adeguamento alle risultanze degli studi di settore e/o agli “Indici Sintetici di Affidabilità fiscale” (ISA): : versamento 6a rata

chi: Soggetti che si adeguano alle risultanze degli Indici Sintetici di Affidabilità fiscale (ISA) nella dichiarazione dei redditi, nella dichiarazione Irap e nella dichiarazione IVA che hanno scelto il pagamento rateale ed hanno effettuato il primo versamento entro il 30 giugno 2021 e nonostante la proroga prevista dall’art. 9-ter, D.L. 25 maggio 2021, n. 73, hanno scelto di proseguire i versamenti secondo le scadenze del piano di rateazione originario.

cosa:

Versamento della 6a rata dell’Irpef relativa ai maggiori ricavi o compensi indicati nella dichiarazione dei redditi. Sulle rate aventi scadenza successiva al 15 settembre 2021 sono dovuti gli interessi al tasso del 4 per cento annuo, a decorrere dal 16 settembre 2021. Gli interessi di rateazione eventualmente già versati, non più dovuti per effetto della proroga, possono essere scomputati dagli interessi dovuti sulle rate successive.

modalità:

Modello F24 con modalità telematiche, direttamente (utilizzando i servizi “F24 web” o “F24 online” dell’Agenzia delle Entrate, attraverso i canali telematici Fisconline o Entratel oppure ricorrendo, tranne nel caso di modello F24 a saldo zero, ai servizi di internet banking messi a disposizione da banche, Poste Italiane e Agenti della riscossione convenzionati con l’Agenzia delle Entrate) oppure tramite intermediario abilitato

codice tributo: 4001 – Irpef Saldo

Adeguamento alle risultanze degli studi di settore e/o agli “Indici Sintetici di Affidabilità fiscale” (ISA): : versamento 6a rata

chi: Soggetti che si adeguano alle risultanze degli Indici Sintetici di Affidabilità fiscale (ISA) nella dichiarazione dei redditi, nella dichiarazione Irap e nella dichiarazione IVA che hanno scelto il pagamento rateale ed hanno effettuato il primo versamento entro il 30 giugno 2021 e nonostante la proroga prevista dall’art. 9-ter, D.L. 25 maggio 2021, n. 73, hanno scelto di proseguire i versamenti secondo le scadenze del piano di rateazione originario.

cosa:

Versamento della 6a rata dell’Irpef relativa ai maggiori ricavi o compensi indicati nella dichiarazione dei redditi. Sulle rate aventi scadenza successiva al 15 settembre 2021 sono dovuti gli interessi al tasso del 4 per cento annuo, a decorrere dal 16 settembre 2021. Gli interessi di rateazione eventualmente già versati, non più dovuti per effetto della proroga, possono essere scomputati dagli interessi dovuti sulle rate successive.

modalità:

Modello F24 con modalità telematiche, direttamente (utilizzando i servizi “F24 web” o “F24 online” dell’Agenzia delle Entrate, attraverso i canali telematici Fisconline o Entratel oppure ricorrendo, tranne nel caso di modello F24 a saldo zero, ai servizi di internet banking messi a disposizione da banche, Poste Italiane e Agenti della riscossione convenzionati con l’Agenzia delle Entrate) oppure tramite intermediario abilitato

codice tributo: 4001 – Irpef Saldo

Adeguamento alle risultanze degli studi di settore e/o agli “Indici Sintetici di Affidabilità fiscale” (ISA): : versamento 6a rata

chi: Soggetti che si adeguano alle risultanze degli Indici Sintetici di Affidabilità fiscale (ISA) nella dichiarazione dei redditi, nella dichiarazione Irap e nella dichiarazione IVA che hanno scelto il pagamento rateale ed hanno effettuato il primo versamento entro il 30 giugno 2021 e nonostante la proroga prevista dall’art. 9-ter, D.L. 25 maggio 2021, n. 73, hanno scelto di proseguire i versamenti secondo le scadenze del piano di rateazione originario.

cosa:

Versamento della 6a rata dell’Irpef relativa ai maggiori ricavi o compensi indicati nella dichiarazione dei redditi. Sulle rate aventi scadenza successiva al 15 settembre 2021 sono dovuti gli interessi al tasso del 4 per cento annuo, a decorrere dal 16 settembre 2021. Gli interessi di rateazione eventualmente già versati, non più dovuti per effetto della proroga, possono essere scomputati dagli interessi dovuti sulle rate successive.

modalità:

Modello F24 con modalità telematiche, direttamente (utilizzando i servizi “F24 web” o “F24 online” dell’Agenzia delle Entrate, attraverso i canali telematici Fisconline o Entratel oppure ricorrendo, tranne nel caso di modello F24 a saldo zero, ai servizi di internet banking messi a disposizione da banche, Poste Italiane e Agenti della riscossione convenzionati con l’Agenzia delle Entrate) oppure tramite intermediario abilitato

codice tributo: 4001 – Irpef Saldo

Adeguamento alle risultanze degli studi di settore e/o agli “Indici Sintetici di Affidabilità fiscale” (ISA): : versamento 6a rata

chi: Soggetti che si adeguano alle risultanze degli Indici Sintetici di Affidabilità fiscale (ISA) nella dichiarazione dei redditi, nella dichiarazione Irap e nella dichiarazione IVA che hanno scelto il pagamento rateale ed hanno effettuato il primo versamento entro il 30 giugno 2021 e nonostante la proroga prevista dall’art. 9-ter, D.L. 25 maggio 2021, n. 73, hanno scelto di proseguire i versamenti secondo le scadenze del piano di rateazione originario.

cosa:

Versamento della 6a rata dell’Irpef relativa ai maggiori ricavi o compensi indicati nella dichiarazione dei redditi. Sulle rate aventi scadenza successiva al 15 settembre 2021 sono dovuti gli interessi al tasso del 4 per cento annuo, a decorrere dal 16 settembre 2021. Gli interessi di rateazione eventualmente già versati, non più dovuti per effetto della proroga, possono essere scomputati dagli interessi dovuti sulle rate successive.

modalità:

Modello F24 con modalità telematiche, direttamente (utilizzando i servizi “F24 web” o “F24 online” dell’Agenzia delle Entrate, attraverso i canali telematici Fisconline o Entratel oppure ricorrendo, tranne nel caso di modello F24 a saldo zero, ai servizi di internet banking messi a disposizione da banche, Poste Italiane e Agenti della riscossione convenzionati con l’Agenzia delle Entrate) oppure tramite intermediario abilitato

codice tributo: 4001 – Irpef Saldo

Adeguamento alle risultanze degli studi di settore e/o agli “Indici Sintetici di Affidabilità fiscale” (ISA): : versamento 6a rata

chi: Soggetti che si adeguano alle risultanze degli Indici Sintetici di Affidabilità fiscale (ISA) nella dichiarazione dei redditi, nella dichiarazione Irap e nella dichiarazione IVA che hanno scelto il pagamento rateale ed hanno effettuato il primo versamento entro il 30 giugno 2021 e nonostante la proroga prevista dall’art. 9-ter, D.L. 25 maggio 2021, n. 73, hanno scelto di proseguire i versamenti secondo le scadenze del piano di rateazione originario.

cosa:

Versamento della 6a rata dell’Irpef relativa ai maggiori ricavi o compensi indicati nella dichiarazione dei redditi. Sulle rate aventi scadenza successiva al 15 settembre 2021 sono dovuti gli interessi al tasso del 4 per cento annuo, a decorrere dal 16 settembre 2021. Gli interessi di rateazione eventualmente già versati, non più dovuti per effetto della proroga, possono essere scomputati dagli interessi dovuti sulle rate successive.

modalità:

Modello F24 con modalità telematiche, direttamente (utilizzando i servizi “F24 web” o “F24 online” dell’Agenzia delle Entrate, attraverso i canali telematici Fisconline o Entratel oppure ricorrendo, tranne nel caso di modello F24 a saldo zero, ai servizi di internet banking messi a disposizione da banche, Poste Italiane e Agenti della riscossione convenzionati con l’Agenzia delle Entrate) oppure tramite intermediario abilitato

codice tributo: 4001 – Irpef Saldo

Adeguamento alle risultanze degli studi di settore e/o agli “Indici Sintetici di Affidabilità fiscale” (ISA): : versamento 6a rata

chi: Soggetti che si adeguano alle risultanze degli Indici Sintetici di Affidabilità fiscale (ISA) nella dichiarazione dei redditi, nella dichiarazione Irap e nella dichiarazione IVA che hanno scelto il pagamento rateale ed hanno effettuato il primo versamento entro il 30 giugno 2021 e nonostante la proroga prevista dall’art. 9-ter, D.L. 25 maggio 2021, n. 73, hanno scelto di proseguire i versamenti secondo le scadenze del piano di rateazione originario.

cosa:

Versamento della 6a rata dell’Irpef relativa ai maggiori ricavi o compensi indicati nella dichiarazione dei redditi. Sulle rate aventi scadenza successiva al 15 settembre 2021 sono dovuti gli interessi al tasso del 4 per cento annuo, a decorrere dal 16 settembre 2021. Gli interessi di rateazione eventualmente già versati, non più dovuti per effetto della proroga, possono essere scomputati dagli interessi dovuti sulle rate successive.

modalità:

Modello F24 con modalità telematiche, direttamente (utilizzando i servizi “F24 web” o “F24 online” dell’Agenzia delle Entrate, attraverso i canali telematici Fisconline o Entratel oppure ricorrendo, tranne nel caso di modello F24 a saldo zero, ai servizi di internet banking messi a disposizione da banche, Poste Italiane e Agenti della riscossione convenzionati con l’Agenzia delle Entrate) oppure tramite intermediario abilitato

codice tributo: 4001 – Irpef Saldo

Adeguamento alle risultanze degli studi di settore e/o agli “Indici Sintetici di Affidabilità fiscale” (ISA): : versamento 6a rata

chi: Soggetti che si adeguano alle risultanze degli Indici Sintetici di Affidabilità fiscale (ISA) nella dichiarazione dei redditi, nella dichiarazione Irap e nella dichiarazione IVA che hanno scelto il pagamento rateale ed hanno effettuato il primo versamento entro il 30 giugno 2021 e nonostante la proroga prevista dall’art. 9-ter, D.L. 25 maggio 2021, n. 73, hanno scelto di proseguire i versamenti secondo le scadenze del piano di rateazione originario.

cosa:

Versamento della 6a rata dell’Irpef relativa ai maggiori ricavi o compensi indicati nella dichiarazione dei redditi. Sulle rate aventi scadenza successiva al 15 settembre 2021 sono dovuti gli interessi al tasso del 4 per cento annuo, a decorrere dal 16 settembre 2021. Gli interessi di rateazione eventualmente già versati, non più dovuti per effetto della proroga, possono essere scomputati dagli interessi dovuti sulle rate successive.

modalità:

Modello F24 con modalità telematiche, direttamente (utilizzando i servizi “F24 web” o “F24 online” dell’Agenzia delle Entrate, attraverso i canali telematici Fisconline o Entratel oppure ricorrendo, tranne nel caso di modello F24 a saldo zero, ai servizi di internet banking messi a disposizione da banche, Poste Italiane e Agenti della riscossione convenzionati con l’Agenzia delle Entrate) oppure tramite intermediario abilitato

codice tributo: 4001 – Irpef Saldo

Adeguamento alle risultanze degli studi di settore e/o agli “Indici Sintetici di Affidabilità fiscale” (ISA): : versamento 6a rata

chi: Soggetti che si adeguano alle risultanze degli Indici Sintetici di Affidabilità fiscale (ISA) nella dichiarazione dei redditi, nella dichiarazione Irap e nella dichiarazione IVA che hanno scelto il pagamento rateale ed hanno effettuato il primo versamento entro il 30 giugno 2021 e nonostante la proroga prevista dall’art. 9-ter, D.L. 25 maggio 2021, n. 73, hanno scelto di proseguire i versamenti secondo le scadenze del piano di rateazione originario.

cosa:

Versamento della 6a rata dell’Irpef relativa ai maggiori ricavi o compensi indicati nella dichiarazione dei redditi. Sulle rate aventi scadenza successiva al 15 settembre 2021 sono dovuti gli interessi al tasso del 4 per cento annuo, a decorrere dal 16 settembre 2021. Gli interessi di rateazione eventualmente già versati, non più dovuti per effetto della proroga, possono essere scomputati dagli interessi dovuti sulle rate successive.

modalità:

Modello F24 con modalità telematiche, direttamente (utilizzando i servizi “F24 web” o “F24 online” dell’Agenzia delle Entrate, attraverso i canali telematici Fisconline o Entratel oppure ricorrendo, tranne nel caso di modello F24 a saldo zero, ai servizi di internet banking messi a disposizione da banche, Poste Italiane e Agenti della riscossione convenzionati con l’Agenzia delle Entrate) oppure tramite intermediario abilitato

codice tributo: 4001 – Irpef Saldo

Adeguamento alle risultanze degli studi di settore e/o agli “Indici Sintetici di Affidabilità fiscale” (ISA): : versamento 6a rata

chi: Soggetti che si adeguano alle risultanze degli Indici Sintetici di Affidabilità fiscale (ISA) nella dichiarazione dei redditi, nella dichiarazione Irap e nella dichiarazione IVA che hanno scelto il pagamento rateale ed hanno effettuato il primo versamento entro il 30 giugno 2021 e nonostante la proroga prevista dall’art. 9-ter, D.L. 25 maggio 2021, n. 73, hanno scelto di proseguire i versamenti secondo le scadenze del piano di rateazione originario.

cosa:

Versamento della 6a rata dell’Irpef relativa ai maggiori ricavi o compensi indicati nella dichiarazione dei redditi. Sulle rate aventi scadenza successiva al 15 settembre 2021 sono dovuti gli interessi al tasso del 4 per cento annuo, a decorrere dal 16 settembre 2021. Gli interessi di rateazione eventualmente già versati, non più dovuti per effetto della proroga, possono essere scomputati dagli interessi dovuti sulle rate successive.

modalità:

Modello F24 con modalità telematiche, direttamente (utilizzando i servizi “F24 web” o “F24 online” dell’Agenzia delle Entrate, attraverso i canali telematici Fisconline o Entratel oppure ricorrendo, tranne nel caso di modello F24 a saldo zero, ai servizi di internet banking messi a disposizione da banche, Poste Italiane e Agenti della riscossione convenzionati con l’Agenzia delle Entrate) oppure tramite intermediario abilitato

codice tributo: 4001 – Irpef Saldo

Adeguamento alle risultanze degli studi di settore e/o agli “Indici Sintetici di Affidabilità fiscale” (ISA): : versamento 6a rata

chi: Soggetti che si adeguano alle risultanze degli Indici Sintetici di Affidabilità fiscale (ISA) nella dichiarazione dei redditi, nella dichiarazione Irap e nella dichiarazione IVA che hanno scelto il pagamento rateale ed hanno effettuato il primo versamento entro il 30 giugno 2021 e nonostante la proroga prevista dall’art. 9-ter, D.L. 25 maggio 2021, n. 73, hanno scelto di proseguire i versamenti secondo le scadenze del piano di rateazione originario.

cosa:

Versamento della 6a rata dell’Irpef relativa ai maggiori ricavi o compensi indicati nella dichiarazione dei redditi. Sulle rate aventi scadenza successiva al 15 settembre 2021 sono dovuti gli interessi al tasso del 4 per cento annuo, a decorrere dal 16 settembre 2021. Gli interessi di rateazione eventualmente già versati, non più dovuti per effetto della proroga, possono essere scomputati dagli interessi dovuti sulle rate successive.

modalità:

Modello F24 con modalità telematiche, direttamente (utilizzando i servizi “F24 web” o “F24 online” dell’Agenzia delle Entrate, attraverso i canali telematici Fisconline o Entratel oppure ricorrendo, tranne nel caso di modello F24 a saldo zero, ai servizi di internet banking messi a disposizione da banche, Poste Italiane e Agenti della riscossione convenzionati con l’Agenzia delle Entrate) oppure tramite intermediario abilitato

codice tributo: 4001 – Irpef Saldo

Adeguamento alle risultanze degli studi di settore e/o agli “Indici Sintetici di Affidabilità fiscale” (ISA): : versamento 6a rata

chi: Soggetti che si adeguano alle risultanze degli Indici Sintetici di Affidabilità fiscale (ISA) nella dichiarazione dei redditi, nella dichiarazione Irap e nella dichiarazione IVA che hanno scelto il pagamento rateale ed hanno effettuato il primo versamento entro il 30 giugno 2021 e nonostante la proroga prevista dall’art. 9-ter, D.L. 25 maggio 2021, n. 73, hanno scelto di proseguire i versamenti secondo le scadenze del piano di rateazione originario.

cosa:

Versamento della 6a rata dell’Irpef relativa ai maggiori ricavi o compensi indicati nella dichiarazione dei redditi. Sulle rate aventi scadenza successiva al 15 settembre 2021 sono dovuti gli interessi al tasso del 4 per cento annuo, a decorrere dal 16 settembre 2021. Gli interessi di rateazione eventualmente già versati, non più dovuti per effetto della proroga, possono essere scomputati dagli interessi dovuti sulle rate successive.

modalità:

Modello F24 con modalità telematiche, direttamente (utilizzando i servizi “F24 web” o “F24 online” dell’Agenzia delle Entrate, attraverso i canali telematici Fisconline o Entratel oppure ricorrendo, tranne nel caso di modello F24 a saldo zero, ai servizi di internet banking messi a disposizione da banche, Poste Italiane e Agenti della riscossione convenzionati con l’Agenzia delle Entrate) oppure tramite intermediario abilitato

codice tributo: 4001 – Irpef Saldo

Adeguamento alle risultanze degli studi di settore e/o agli “Indici Sintetici di Affidabilità fiscale” (ISA): : versamento 6a rata

chi: Soggetti che si adeguano alle risultanze degli Indici Sintetici di Affidabilità fiscale (ISA) nella dichiarazione dei redditi, nella dichiarazione Irap e nella dichiarazione IVA che hanno scelto il pagamento rateale ed hanno effettuato il primo versamento entro il 30 giugno 2021 e nonostante la proroga prevista dall’art. 9-ter, D.L. 25 maggio 2021, n. 73, hanno scelto di proseguire i versamenti secondo le scadenze del piano di rateazione originario.

cosa:

Versamento della 6a rata dell’Irpef relativa ai maggiori ricavi o compensi indicati nella dichiarazione dei redditi. Sulle rate aventi scadenza successiva al 15 settembre 2021 sono dovuti gli interessi al tasso del 4 per cento annuo, a decorrere dal 16 settembre 2021. Gli interessi di rateazione eventualmente già versati, non più dovuti per effetto della proroga, possono essere scomputati dagli interessi dovuti sulle rate successive.

modalità:

Modello F24 con modalità telematiche, direttamente (utilizzando i servizi “F24 web” o “F24 online” dell’Agenzia delle Entrate, attraverso i canali telematici Fisconline o Entratel oppure ricorrendo, tranne nel caso di modello F24 a saldo zero, ai servizi di internet banking messi a disposizione da banche, Poste Italiane e Agenti della riscossione convenzionati con l’Agenzia delle Entrate) oppure tramite intermediario abilitato

codice tributo: 4001 – Irpef Saldo

Adeguamento alle risultanze degli studi di settore e/o agli “Indici Sintetici di Affidabilità fiscale” (ISA): : versamento 6a rata

chi: Soggetti che si adeguano alle risultanze degli Indici Sintetici di Affidabilità fiscale (ISA) nella dichiarazione dei redditi, nella dichiarazione Irap e nella dichiarazione IVA che hanno scelto il pagamento rateale ed hanno effettuato il primo versamento entro il 30 giugno 2021 e nonostante la proroga prevista dall’art. 9-ter, D.L. 25 maggio 2021, n. 73, hanno scelto di proseguire i versamenti secondo le scadenze del piano di rateazione originario.

cosa:

Versamento della 6a rata dell’Irpef relativa ai maggiori ricavi o compensi indicati nella dichiarazione dei redditi. Sulle rate aventi scadenza successiva al 15 settembre 2021 sono dovuti gli interessi al tasso del 4 per cento annuo, a decorrere dal 16 settembre 2021. Gli interessi di rateazione eventualmente già versati, non più dovuti per effetto della proroga, possono essere scomputati dagli interessi dovuti sulle rate successive.

modalità:

Modello F24 con modalità telematiche, direttamente (utilizzando i servizi “F24 web” o “F24 online” dell’Agenzia delle Entrate, attraverso i canali telematici Fisconline o Entratel oppure ricorrendo, tranne nel caso di modello F24 a saldo zero, ai servizi di internet banking messi a disposizione da banche, Poste Italiane e Agenti della riscossione convenzionati con l’Agenzia delle Entrate) oppure tramite intermediario abilitato

codice tributo: 4001 – Irpef Saldo

Adeguamento alle risultanze degli studi di settore e/o agli “Indici Sintetici di Affidabilità fiscale” (ISA): : versamento 6a rata

chi: Soggetti che si adeguano alle risultanze degli Indici Sintetici di Affidabilità fiscale (ISA) nella dichiarazione dei redditi, nella dichiarazione Irap e nella dichiarazione IVA che hanno scelto il pagamento rateale ed hanno effettuato il primo versamento entro il 30 giugno 2021 e nonostante la proroga prevista dall’art. 9-ter, D.L. 25 maggio 2021, n. 73, hanno scelto di proseguire i versamenti secondo le scadenze del piano di rateazione originario.

cosa:

Versamento della 6a rata dell’Irpef relativa ai maggiori ricavi o compensi indicati nella dichiarazione dei redditi. Sulle rate aventi scadenza successiva al 15 settembre 2021 sono dovuti gli interessi al tasso del 4 per cento annuo, a decorrere dal 16 settembre 2021. Gli interessi di rateazione eventualmente già versati, non più dovuti per effetto della proroga, possono essere scomputati dagli interessi dovuti sulle rate successive.

modalità:

Modello F24 con modalità telematiche, direttamente (utilizzando i servizi “F24 web” o “F24 online” dell’Agenzia delle Entrate, attraverso i canali telematici Fisconline o Entratel oppure ricorrendo, tranne nel caso di modello F24 a saldo zero, ai servizi di internet banking messi a disposizione da banche, Poste Italiane e Agenti della riscossione convenzionati con l’Agenzia delle Entrate) oppure tramite intermediario abilitato

codice tributo: 4001 – Irpef Saldo

Adeguamento alle risultanze degli studi di settore e/o agli “Indici Sintetici di Affidabilità fiscale” (ISA): : versamento 6a rata

chi: Soggetti che si adeguano alle risultanze degli Indici Sintetici di Affidabilità fiscale (ISA) nella dichiarazione dei redditi, nella dichiarazione Irap e nella dichiarazione IVA che hanno scelto il pagamento rateale ed hanno effettuato il primo versamento entro il 30 giugno 2021 e nonostante la proroga prevista dall’art. 9-ter, D.L. 25 maggio 2021, n. 73, hanno scelto di proseguire i versamenti secondo le scadenze del piano di rateazione originario.

cosa:

Versamento della 6a rata dell’Irpef relativa ai maggiori ricavi o compensi indicati nella dichiarazione dei redditi. Sulle rate aventi scadenza successiva al 15 settembre 2021 sono dovuti gli interessi al tasso del 4 per cento annuo, a decorrere dal 16 settembre 2021. Gli interessi di rateazione eventualmente già versati, non più dovuti per effetto della proroga, possono essere scomputati dagli interessi dovuti sulle rate successive.

modalità:

Modello F24 con modalità telematiche, direttamente (utilizzando i servizi “F24 web” o “F24 online” dell’Agenzia delle Entrate, attraverso i canali telematici Fisconline o Entratel oppure ricorrendo, tranne nel caso di modello F24 a saldo zero, ai servizi di internet banking messi a disposizione da banche, Poste Italiane e Agenti della riscossione convenzionati con l’Agenzia delle Entrate) oppure tramite intermediario abilitato

codice tributo: 4001 – Irpef Saldo

Adeguamento alle risultanze degli studi di settore e/o agli “Indici Sintetici di Affidabilità fiscale” (ISA): : versamento 6a rata

chi: Soggetti che si adeguano alle risultanze degli Indici Sintetici di Affidabilità fiscale (ISA) nella dichiarazione dei redditi, nella dichiarazione Irap e nella dichiarazione IVA che hanno scelto il pagamento rateale ed hanno effettuato il primo versamento entro il 30 giugno 2021 e nonostante la proroga prevista dall’art. 9-ter, D.L. 25 maggio 2021, n. 73, hanno scelto di proseguire i versamenti secondo le scadenze del piano di rateazione originario.

cosa:

Versamento della 6a rata dell’Irpef relativa ai maggiori ricavi o compensi indicati nella dichiarazione dei redditi. Sulle rate aventi scadenza successiva al 15 settembre 2021 sono dovuti gli interessi al tasso del 4 per cento annuo, a decorrere dal 16 settembre 2021. Gli interessi di rateazione eventualmente già versati, non più dovuti per effetto della proroga, possono essere scomputati dagli interessi dovuti sulle rate successive.

modalità:

Modello F24 con modalità telematiche, direttamente (utilizzando i servizi “F24 web” o “F24 online” dell’Agenzia delle Entrate, attraverso i canali telematici Fisconline o Entratel oppure ricorrendo, tranne nel caso di modello F24 a saldo zero, ai servizi di internet banking messi a disposizione da banche, Poste Italiane e Agenti della riscossione convenzionati con l’Agenzia delle Entrate) oppure tramite intermediario abilitato

codice tributo: 4001 – Irpef Saldo

Adeguamento alle risultanze degli studi di settore e/o agli “Indici Sintetici di Affidabilità fiscale” (ISA): : versamento 6a rata

chi: Soggetti che si adeguano alle risultanze degli Indici Sintetici di Affidabilità fiscale (ISA) nella dichiarazione dei redditi, nella dichiarazione Irap e nella dichiarazione IVA che hanno scelto il pagamento rateale ed hanno effettuato il primo versamento entro il 30 giugno 2021 e nonostante la proroga prevista dall’art. 9-ter, D.L. 25 maggio 2021, n. 73, hanno scelto di proseguire i versamenti secondo le scadenze del piano di rateazione originario.

cosa:

Versamento della 6a rata dell’Irpef relativa ai maggiori ricavi o compensi indicati nella dichiarazione dei redditi. Sulle rate aventi scadenza successiva al 15 settembre 2021 sono dovuti gli interessi al tasso del 4 per cento annuo, a decorrere dal 16 settembre 2021. Gli interessi di rateazione eventualmente già versati, non più dovuti per effetto della proroga, possono essere scomputati dagli interessi dovuti sulle rate successive.

modalità:

Modello F24 con modalità telematiche, direttamente (utilizzando i servizi “F24 web” o “F24 online” dell’Agenzia delle Entrate, attraverso i canali telematici Fisconline o Entratel oppure ricorrendo, tranne nel caso di modello F24 a saldo zero, ai servizi di internet banking messi a disposizione da banche, Poste Italiane e Agenti della riscossione convenzionati con l’Agenzia delle Entrate) oppure tramite intermediario abilitato

codice tributo: 4001 – Irpef Saldo

Adeguamento alle risultanze degli studi di settore e/o agli “Indici Sintetici di Affidabilità fiscale” (ISA): : versamento 6a rata

chi: Soggetti che si adeguano alle risultanze degli Indici Sintetici di Affidabilità fiscale (ISA) nella dichiarazione dei redditi, nella dichiarazione Irap e nella dichiarazione IVA che hanno scelto il pagamento rateale ed hanno effettuato il primo versamento entro il 30 giugno 2021 e nonostante la proroga prevista dall’art. 9-ter, D.L. 25 maggio 2021, n. 73, hanno scelto di proseguire i versamenti secondo le scadenze del piano di rateazione originario.

cosa:

Versamento della 6a rata dell’Irpef relativa ai maggiori ricavi o compensi indicati nella dichiarazione dei redditi. Sulle rate aventi scadenza successiva al 15 settembre 2021 sono dovuti gli interessi al tasso del 4 per cento annuo, a decorrere dal 16 settembre 2021. Gli interessi di rateazione eventualmente già versati, non più dovuti per effetto della proroga, possono essere scomputati dagli interessi dovuti sulle rate successive.

modalità:

Modello F24 con modalità telematiche, direttamente (utilizzando i servizi “F24 web” o “F24 online” dell’Agenzia delle Entrate, attraverso i canali telematici Fisconline o Entratel oppure ricorrendo, tranne nel caso di modello F24 a saldo zero, ai servizi di internet banking messi a disposizione da banche, Poste Italiane e Agenti della riscossione convenzionati con l’Agenzia delle Entrate) oppure tramite intermediario abilitato

codice tributo: 4001 – Irpef Saldo

Adeguamento alle risultanze degli studi di settore e/o agli “Indici Sintetici di Affidabilità fiscale” (ISA): : versamento 6a rata

chi: Soggetti che si adeguano alle risultanze degli Indici Sintetici di Affidabilità fiscale (ISA) nella dichiarazione dei redditi, nella dichiarazione Irap e nella dichiarazione IVA che hanno scelto il pagamento rateale ed hanno effettuato il primo versamento entro il 30 giugno 2021 e nonostante la proroga prevista dall’art. 9-ter, D.L. 25 maggio 2021, n. 73, hanno scelto di proseguire i versamenti secondo le scadenze del piano di rateazione originario.

cosa:

Versamento della 6a rata dell’Irpef relativa ai maggiori ricavi o compensi indicati nella dichiarazione dei redditi. Sulle rate aventi scadenza successiva al 15 settembre 2021 sono dovuti gli interessi al tasso del 4 per cento annuo, a decorrere dal 16 settembre 2021. Gli interessi di rateazione eventualmente già versati, non più dovuti per effetto della proroga, possono essere scomputati dagli interessi dovuti sulle rate successive.

modalità:

Modello F24 con modalità telematiche, direttamente (utilizzando i servizi “F24 web” o “F24 online” dell’Agenzia delle Entrate, attraverso i canali telematici Fisconline o Entratel oppure ricorrendo, tranne nel caso di modello F24 a saldo zero, ai servizi di internet banking messi a disposizione da banche, Poste Italiane e Agenti della riscossione convenzionati con l’Agenzia delle Entrate) oppure tramite intermediario abilitato

codice tributo: 4001 – Irpef Saldo

Adeguamento alle risultanze degli studi di settore e/o agli “Indici Sintetici di Affidabilità fiscale” (ISA): : versamento 6a rata

chi: Soggetti che si adeguano alle risultanze degli Indici Sintetici di Affidabilità fiscale (ISA) nella dichiarazione dei redditi, nella dichiarazione Irap e nella dichiarazione IVA che hanno scelto il pagamento rateale ed hanno effettuato il primo versamento entro il 30 giugno 2021 e nonostante la proroga prevista dall’art. 9-ter, D.L. 25 maggio 2021, n. 73, hanno scelto di proseguire i versamenti secondo le scadenze del piano di rateazione originario.

cosa:

Versamento della 6a rata dell’Irpef relativa ai maggiori ricavi o compensi indicati nella dichiarazione dei redditi. Sulle rate aventi scadenza successiva al 15 settembre 2021 sono dovuti gli interessi al tasso del 4 per cento annuo, a decorrere dal 16 settembre 2021. Gli interessi di rateazione eventualmente già versati, non più dovuti per effetto della proroga, possono essere scomputati dagli interessi dovuti sulle rate successive.

modalità:

Modello F24 con modalità telematiche, direttamente (utilizzando i servizi “F24 web” o “F24 online” dell’Agenzia delle Entrate, attraverso i canali telematici Fisconline o Entratel oppure ricorrendo, tranne nel caso di modello F24 a saldo zero, ai servizi di internet banking messi a disposizione da banche, Poste Italiane e Agenti della riscossione convenzionati con l’Agenzia delle Entrate) oppure tramite intermediario abilitato

codice tributo: 4001 – Irpef Saldo

Adeguamento alle risultanze degli studi di settore e/o agli “Indici Sintetici di Affidabilità fiscale” (ISA): : versamento 6a rata

chi: Soggetti che si adeguano alle risultanze degli Indici Sintetici di Affidabilità fiscale (ISA) nella dichiarazione dei redditi, nella dichiarazione Irap e nella dichiarazione IVA che hanno scelto il pagamento rateale ed hanno effettuato il primo versamento entro il 30 giugno 2021 e nonostante la proroga prevista dall’art. 9-ter, D.L. 25 maggio 2021, n. 73, hanno scelto di proseguire i versamenti secondo le scadenze del piano di rateazione originario.

cosa:

Versamento della 6a rata dell’Irpef relativa ai maggiori ricavi o compensi indicati nella dichiarazione dei redditi. Sulle rate aventi scadenza successiva al 15 settembre 2021 sono dovuti gli interessi al tasso del 4 per cento annuo, a decorrere dal 16 settembre 2021. Gli interessi di rateazione eventualmente già versati, non più dovuti per effetto della proroga, possono essere scomputati dagli interessi dovuti sulle rate successive.

modalità:

Modello F24 con modalità telematiche, direttamente (utilizzando i servizi “F24 web” o “F24 online” dell’Agenzia delle Entrate, attraverso i canali telematici Fisconline o Entratel oppure ricorrendo, tranne nel caso di modello F24 a saldo zero, ai servizi di internet banking messi a disposizione da banche, Poste Italiane e Agenti della riscossione convenzionati con l’Agenzia delle Entrate) oppure tramite intermediario abilitato

codice tributo: 4001 – Irpef Saldo

Adeguamento alle risultanze degli studi di settore e/o agli “Indici Sintetici di Affidabilità fiscale” (ISA): : versamento 6a rata

chi: Soggetti che si adeguano alle risultanze degli Indici Sintetici di Affidabilità fiscale (ISA) nella dichiarazione dei redditi, nella dichiarazione Irap e nella dichiarazione IVA che hanno scelto il pagamento rateale ed hanno effettuato il primo versamento entro il 30 giugno 2021 e nonostante la proroga prevista dall’art. 9-ter, D.L. 25 maggio 2021, n. 73, hanno scelto di proseguire i versamenti secondo le scadenze del piano di rateazione originario.

cosa:

Versamento della 6a rata dell’Irpef relativa ai maggiori ricavi o compensi indicati nella dichiarazione dei redditi. Sulle rate aventi scadenza successiva al 15 settembre 2021 sono dovuti gli interessi al tasso del 4 per cento annuo, a decorrere dal 16 settembre 2021. Gli interessi di rateazione eventualmente già versati, non più dovuti per effetto della proroga, possono essere scomputati dagli interessi dovuti sulle rate successive.

modalità:

Modello F24 con modalità telematiche, direttamente (utilizzando i servizi “F24 web” o “F24 online” dell’Agenzia delle Entrate, attraverso i canali telematici Fisconline o Entratel oppure ricorrendo, tranne nel caso di modello F24 a saldo zero, ai servizi di internet banking messi a disposizione da banche, Poste Italiane e Agenti della riscossione convenzionati con l’Agenzia delle Entrate) oppure tramite intermediario abilitato

codice tributo: 4001 – Irpef Saldo

Adeguamento alle risultanze degli studi di settore e/o agli “Indici Sintetici di Affidabilità fiscale” (ISA): : versamento 6a rata

chi: Soggetti che si adeguano alle risultanze degli Indici Sintetici di Affidabilità fiscale (ISA) nella dichiarazione dei redditi, nella dichiarazione Irap e nella dichiarazione IVA che hanno scelto il pagamento rateale ed hanno effettuato il primo versamento entro il 30 giugno 2021 e nonostante la proroga prevista dall’art. 9-ter, D.L. 25 maggio 2021, n. 73, hanno scelto di proseguire i versamenti secondo le scadenze del piano di rateazione originario.

cosa:

Versamento della 6a rata dell’Irpef relativa ai maggiori ricavi o compensi indicati nella dichiarazione dei redditi. Sulle rate aventi scadenza successiva al 15 settembre 2021 sono dovuti gli interessi al tasso del 4 per cento annuo, a decorrere dal 16 settembre 2021. Gli interessi di rateazione eventualmente già versati, non più dovuti per effetto della proroga, possono essere scomputati dagli interessi dovuti sulle rate successive.

modalità:

Modello F24 con modalità telematiche, direttamente (utilizzando i servizi “F24 web” o “F24 online” dell’Agenzia delle Entrate, attraverso i canali telematici Fisconline o Entratel oppure ricorrendo, tranne nel caso di modello F24 a saldo zero, ai servizi di internet banking messi a disposizione da banche, Poste Italiane e Agenti della riscossione convenzionati con l’Agenzia delle Entrate) oppure tramite intermediario abilitato

codice tributo: 4001 – Irpef Saldo

Adeguamento alle risultanze degli studi di settore e/o agli “Indici Sintetici di Affidabilità fiscale” (ISA): : versamento 6a rata

chi: Soggetti che si adeguano alle risultanze degli Indici Sintetici di Affidabilità fiscale (ISA) nella dichiarazione dei redditi, nella dichiarazione Irap e nella dichiarazione IVA che hanno scelto il pagamento rateale ed hanno effettuato il primo versamento entro il 30 giugno 2021 e nonostante la proroga prevista dall’art. 9-ter, D.L. 25 maggio 2021, n. 73, hanno scelto di proseguire i versamenti secondo le scadenze del piano di rateazione originario.

cosa:

Versamento della 6a rata dell’Irpef relativa ai maggiori ricavi o compensi indicati nella dichiarazione dei redditi. Sulle rate aventi scadenza successiva al 15 settembre 2021 sono dovuti gli interessi al tasso del 4 per cento annuo, a decorrere dal 16 settembre 2021. Gli interessi di rateazione eventualmente già versati, non più dovuti per effetto della proroga, possono essere scomputati dagli interessi dovuti sulle rate successive.

modalità:

Modello F24 con modalità telematiche, direttamente (utilizzando i servizi “F24 web” o “F24 online” dell’Agenzia delle Entrate, attraverso i canali telematici Fisconline o Entratel oppure ricorrendo, tranne nel caso di modello F24 a saldo zero, ai servizi di internet banking messi a disposizione da banche, Poste Italiane e Agenti della riscossione convenzionati con l’Agenzia delle Entrate) oppure tramite intermediario abilitato

codice tributo: 4001 – Irpef Saldo

Adeguamento alle risultanze degli studi di settore e/o agli “Indici Sintetici di Affidabilità fiscale” (ISA): : versamento 6a rata

chi: Soggetti che si adeguano alle risultanze degli Indici Sintetici di Affidabilità fiscale (ISA) nella dichiarazione dei redditi, nella dichiarazione Irap e nella dichiarazione IVA che hanno scelto il pagamento rateale ed hanno effettuato il primo versamento entro il 30 giugno 2021 e nonostante la proroga prevista dall’art. 9-ter, D.L. 25 maggio 2021, n. 73, hanno scelto di proseguire i versamenti secondo le scadenze del piano di rateazione originario.

cosa:

Versamento della 6a rata dell’Irpef relativa ai maggiori ricavi o compensi indicati nella dichiarazione dei redditi. Sulle rate aventi scadenza successiva al 15 settembre 2021 sono dovuti gli interessi al tasso del 4 per cento annuo, a decorrere dal 16 settembre 2021. Gli interessi di rateazione eventualmente già versati, non più dovuti per effetto della proroga, possono essere scomputati dagli interessi dovuti sulle rate successive.

modalità:

Modello F24 con modalità telematiche, direttamente (utilizzando i servizi “F24 web” o “F24 online” dell’Agenzia delle Entrate, attraverso i canali telematici Fisconline o Entratel oppure ricorrendo, tranne nel caso di modello F24 a saldo zero, ai servizi di internet banking messi a disposizione da banche, Poste Italiane e Agenti della riscossione convenzionati con l’Agenzia delle Entrate) oppure tramite intermediario abilitato

codice tributo: 4001 – Irpef Saldo

Adeguamento alle risultanze degli studi di settore e/o agli “Indici Sintetici di Affidabilità fiscale” (ISA): : versamento 6a rata

chi: Soggetti che si adeguano alle risultanze degli Indici Sintetici di Affidabilità fiscale (ISA) nella dichiarazione dei redditi, nella dichiarazione Irap e nella dichiarazione IVA che hanno scelto il pagamento rateale ed hanno effettuato il primo versamento entro il 30 giugno 2021 e nonostante la proroga prevista dall’art. 9-ter, D.L. 25 maggio 2021, n. 73, hanno scelto di proseguire i versamenti secondo le scadenze del piano di rateazione originario.

cosa:

Versamento della 6a rata dell’Irpef relativa ai maggiori ricavi o compensi indicati nella dichiarazione dei redditi. Sulle rate aventi scadenza successiva al 15 settembre 2021 sono dovuti gli interessi al tasso del 4 per cento annuo, a decorrere dal 16 settembre 2021. Gli interessi di rateazione eventualmente già versati, non più dovuti per effetto della proroga, possono essere scomputati dagli interessi dovuti sulle rate successive.

modalità:

Modello F24 con modalità telematiche, direttamente (utilizzando i servizi “F24 web” o “F24 online” dell’Agenzia delle Entrate, attraverso i canali telematici Fisconline o Entratel oppure ricorrendo, tranne nel caso di modello F24 a saldo zero, ai servizi di internet banking messi a disposizione da banche, Poste Italiane e Agenti della riscossione convenzionati con l’Agenzia delle Entrate) oppure tramite intermediario abilitato

codice tributo: 4001 – Irpef Saldo

Adeguamento alle risultanze degli studi di settore e/o agli “Indici Sintetici di Affidabilità fiscale” (ISA): : versamento 6a rata

chi: Soggetti che si adeguano alle risultanze degli Indici Sintetici di Affidabilità fiscale (ISA) nella dichiarazione dei redditi, nella dichiarazione Irap e nella dichiarazione IVA che hanno scelto il pagamento rateale ed hanno effettuato il primo versamento entro il 30 giugno 2021 e nonostante la proroga prevista dall’art. 9-ter, D.L. 25 maggio 2021, n. 73, hanno scelto di proseguire i versamenti secondo le scadenze del piano di rateazione originario.

cosa:

Versamento della 6a rata dell’Irpef relativa ai maggiori ricavi o compensi indicati nella dichiarazione dei redditi. Sulle rate aventi scadenza successiva al 15 settembre 2021 sono dovuti gli interessi al tasso del 4 per cento annuo, a decorrere dal 16 settembre 2021. Gli interessi di rateazione eventualmente già versati, non più dovuti per effetto della proroga, possono essere scomputati dagli interessi dovuti sulle rate successive.

modalità:

Modello F24 con modalità telematiche, direttamente (utilizzando i servizi “F24 web” o “F24 online” dell’Agenzia delle Entrate, attraverso i canali telematici Fisconline o Entratel oppure ricorrendo, tranne nel caso di modello F24 a saldo zero, ai servizi di internet banking messi a disposizione da banche, Poste Italiane e Agenti della riscossione convenzionati con l’Agenzia delle Entrate) oppure tramite intermediario abilitato

codice tributo: 4001 – Irpef Saldo

Adeguamento alle risultanze degli studi di settore e/o agli “Indici Sintetici di Affidabilità fiscale” (ISA): : versamento 6a rata

chi: Soggetti che si adeguano alle risultanze degli Indici Sintetici di Affidabilità fiscale (ISA) nella dichiarazione dei redditi, nella dichiarazione Irap e nella dichiarazione IVA che hanno scelto il pagamento rateale ed hanno effettuato il primo versamento entro il 30 giugno 2021 e nonostante la proroga prevista dall’art. 9-ter, D.L. 25 maggio 2021, n. 73, hanno scelto di proseguire i versamenti secondo le scadenze del piano di rateazione originario.

cosa:

Versamento della 6a rata dell’Irpef relativa ai maggiori ricavi o compensi indicati nella dichiarazione dei redditi. Sulle rate aventi scadenza successiva al 15 settembre 2021 sono dovuti gli interessi al tasso del 4 per cento annuo, a decorrere dal 16 settembre 2021. Gli interessi di rateazione eventualmente già versati, non più dovuti per effetto della proroga, possono essere scomputati dagli interessi dovuti sulle rate successive.

modalità:

Modello F24 con modalità telematiche, direttamente (utilizzando i servizi “F24 web” o “F24 online” dell’Agenzia delle Entrate, attraverso i canali telematici Fisconline o Entratel oppure ricorrendo, tranne nel caso di modello F24 a saldo zero, ai servizi di internet banking messi a disposizione da banche, Poste Italiane e Agenti della riscossione convenzionati con l’Agenzia delle Entrate) oppure tramite intermediario abilitato

codice tributo: 4001 – Irpef Saldo

Adeguamento alle risultanze degli studi di settore e/o agli “Indici Sintetici di Affidabilità fiscale” (ISA): : versamento 6a rata

chi: Soggetti che si adeguano alle risultanze degli Indici Sintetici di Affidabilità fiscale (ISA) nella dichiarazione dei redditi, nella dichiarazione Irap e nella dichiarazione IVA che hanno scelto il pagamento rateale ed hanno effettuato il primo versamento entro il 30 giugno 2021 e nonostante la proroga prevista dall’art. 9-ter, D.L. 25 maggio 2021, n. 73, hanno scelto di proseguire i versamenti secondo le scadenze del piano di rateazione originario.

cosa:

Versamento della 6a rata dell’Irpef relativa ai maggiori ricavi o compensi indicati nella dichiarazione dei redditi. Sulle rate aventi scadenza successiva al 15 settembre 2021 sono dovuti gli interessi al tasso del 4 per cento annuo, a decorrere dal 16 settembre 2021. Gli interessi di rateazione eventualmente già versati, non più dovuti per effetto della proroga, possono essere scomputati dagli interessi dovuti sulle rate successive.

modalità:

Modello F24 con modalità telematiche, direttamente (utilizzando i servizi “F24 web” o “F24 online” dell’Agenzia delle Entrate, attraverso i canali telematici Fisconline o Entratel oppure ricorrendo, tranne nel caso di modello F24 a saldo zero, ai servizi di internet banking messi a disposizione da banche, Poste Italiane e Agenti della riscossione convenzionati con l’Agenzia delle Entrate) oppure tramite intermediario abilitato

codice tributo: 4001 – Irpef Saldo

Adeguamento alle risultanze degli studi di settore e/o agli “Indici Sintetici di Affidabilità fiscale” (ISA): : versamento 6a rata

chi: Soggetti che si adeguano alle risultanze degli Indici Sintetici di Affidabilità fiscale (ISA) nella dichiarazione dei redditi, nella dichiarazione Irap e nella dichiarazione IVA che hanno scelto il pagamento rateale ed hanno effettuato il primo versamento entro il 30 giugno 2021 e nonostante la proroga prevista dall’art. 9-ter, D.L. 25 maggio 2021, n. 73, hanno scelto di proseguire i versamenti secondo le scadenze del piano di rateazione originario.

cosa:

Versamento della 6a rata dell’Irpef relativa ai maggiori ricavi o compensi indicati nella dichiarazione dei redditi. Sulle rate aventi scadenza successiva al 15 settembre 2021 sono dovuti gli interessi al tasso del 4 per cento annuo, a decorrere dal 16 settembre 2021. Gli interessi di rateazione eventualmente già versati, non più dovuti per effetto della proroga, possono essere scomputati dagli interessi dovuti sulle rate successive.

modalità:

Modello F24 con modalità telematiche, direttamente (utilizzando i servizi “F24 web” o “F24 online” dell’Agenzia delle Entrate, attraverso i canali telematici Fisconline o Entratel oppure ricorrendo, tranne nel caso di modello F24 a saldo zero, ai servizi di internet banking messi a disposizione da banche, Poste Italiane e Agenti della riscossione convenzionati con l’Agenzia delle Entrate) oppure tramite intermediario abilitato

codice tributo: 4001 – Irpef Saldo

Adeguamento alle risultanze degli studi di settore e/o agli “Indici Sintetici di Affidabilità fiscale” (ISA): : versamento 6a rata

chi: Soggetti che si adeguano alle risultanze degli Indici Sintetici di Affidabilità fiscale (ISA) nella dichiarazione dei redditi, nella dichiarazione Irap e nella dichiarazione IVA che hanno scelto il pagamento rateale ed hanno effettuato il primo versamento entro il 30 giugno 2021 e nonostante la proroga prevista dall’art. 9-ter, D.L. 25 maggio 2021, n. 73, hanno scelto di proseguire i versamenti secondo le scadenze del piano di rateazione originario.

cosa:

Versamento della 6a rata dell’Irpef relativa ai maggiori ricavi o compensi indicati nella dichiarazione dei redditi. Sulle rate aventi scadenza successiva al 15 settembre 2021 sono dovuti gli interessi al tasso del 4 per cento annuo, a decorrere dal 16 settembre 2021. Gli interessi di rateazione eventualmente già versati, non più dovuti per effetto della proroga, possono essere scomputati dagli interessi dovuti sulle rate successive.

modalità:

Modello F24 con modalità telematiche, direttamente (utilizzando i servizi “F24 web” o “F24 online” dell’Agenzia delle Entrate, attraverso i canali telematici Fisconline o Entratel oppure ricorrendo, tranne nel caso di modello F24 a saldo zero, ai servizi di internet banking messi a disposizione da banche, Poste Italiane e Agenti della riscossione convenzionati con l’Agenzia delle Entrate) oppure tramite intermediario abilitato

codice tributo: 4001 – Irpef Saldo

Adeguamento alle risultanze degli studi di settore e/o agli “Indici Sintetici di Affidabilità fiscale” (ISA): : versamento 6a rata

chi: Soggetti che si adeguano alle risultanze degli Indici Sintetici di Affidabilità fiscale (ISA) nella dichiarazione dei redditi, nella dichiarazione Irap e nella dichiarazione IVA che hanno scelto il pagamento rateale ed hanno effettuato il primo versamento entro il 30 giugno 2021 e nonostante la proroga prevista dall’art. 9-ter, D.L. 25 maggio 2021, n. 73, hanno scelto di proseguire i versamenti secondo le scadenze del piano di rateazione originario.

cosa:

Versamento della 6a rata dell’Irpef relativa ai maggiori ricavi o compensi indicati nella dichiarazione dei redditi. Sulle rate aventi scadenza successiva al 15 settembre 2021 sono dovuti gli interessi al tasso del 4 per cento annuo, a decorrere dal 16 settembre 2021. Gli interessi di rateazione eventualmente già versati, non più dovuti per effetto della proroga, possono essere scomputati dagli interessi dovuti sulle rate successive.

modalità:

Modello F24 con modalità telematiche, direttamente (utilizzando i servizi “F24 web” o “F24 online” dell’Agenzia delle Entrate, attraverso i canali telematici Fisconline o Entratel oppure ricorrendo, tranne nel caso di modello F24 a saldo zero, ai servizi di internet banking messi a disposizione da banche, Poste Italiane e Agenti della riscossione convenzionati con l’Agenzia delle Entrate) oppure tramite intermediario abilitato

codice tributo: 4001 – Irpef Saldo

Adeguamento alle risultanze degli studi di settore e/o agli “Indici Sintetici di Affidabilità fiscale” (ISA): : versamento 6a rata

chi: Soggetti che si adeguano alle risultanze degli Indici Sintetici di Affidabilità fiscale (ISA) nella dichiarazione dei redditi, nella dichiarazione Irap e nella dichiarazione IVA che hanno scelto il pagamento rateale ed hanno effettuato il primo versamento entro il 30 giugno 2021 e nonostante la proroga prevista dall’art. 9-ter, D.L. 25 maggio 2021, n. 73, hanno scelto di proseguire i versamenti secondo le scadenze del piano di rateazione originario.

cosa:

Versamento della 6a rata dell’Irpef relativa ai maggiori ricavi o compensi indicati nella dichiarazione dei redditi. Sulle rate aventi scadenza successiva al 15 settembre 2021 sono dovuti gli interessi al tasso del 4 per cento annuo, a decorrere dal 16 settembre 2021. Gli interessi di rateazione eventualmente già versati, non più dovuti per effetto della proroga, possono essere scomputati dagli interessi dovuti sulle rate successive.

modalità:

Modello F24 con modalità telematiche, direttamente (utilizzando i servizi “F24 web” o “F24 online” dell’Agenzia delle Entrate, attraverso i canali telematici Fisconline o Entratel oppure ricorrendo, tranne nel caso di modello F24 a saldo zero, ai servizi di internet banking messi a disposizione da banche, Poste Italiane e Agenti della riscossione convenzionati con l’Agenzia delle Entrate) oppure tramite intermediario abilitato

codice tributo: 4001 – Irpef Saldo

Adeguamento alle risultanze degli studi di settore e/o agli “Indici Sintetici di Affidabilità fiscale” (ISA): : versamento 6a rata

chi: Soggetti che si adeguano alle risultanze degli Indici Sintetici di Affidabilità fiscale (ISA) nella dichiarazione dei redditi, nella dichiarazione Irap e nella dichiarazione IVA che hanno scelto il pagamento rateale ed hanno effettuato il primo versamento entro il 30 giugno 2021 e nonostante la proroga prevista dall’art. 9-ter, D.L. 25 maggio 2021, n. 73, hanno scelto di proseguire i versamenti secondo le scadenze del piano di rateazione originario.

cosa:

Versamento della 6a rata dell’Irpef relativa ai maggiori ricavi o compensi indicati nella dichiarazione dei redditi. Sulle rate aventi scadenza successiva al 15 settembre 2021 sono dovuti gli interessi al tasso del 4 per cento annuo, a decorrere dal 16 settembre 2021. Gli interessi di rateazione eventualmente già versati, non più dovuti per effetto della proroga, possono essere scomputati dagli interessi dovuti sulle rate successive.

modalità:

Modello F24 con modalità telematiche, direttamente (utilizzando i servizi “F24 web” o “F24 online” dell’Agenzia delle Entrate, attraverso i canali telematici Fisconline o Entratel oppure ricorrendo, tranne nel caso di modello F24 a saldo zero, ai servizi di internet banking messi a disposizione da banche, Poste Italiane e Agenti della riscossione convenzionati con l’Agenzia delle Entrate) oppure tramite intermediario abilitato

codice tributo: 4001 – Irpef Saldo

Adeguamento alle risultanze degli studi di settore e/o agli “Indici Sintetici di Affidabilità fiscale” (ISA): : versamento 6a rata

chi: Soggetti che si adeguano alle risultanze degli Indici Sintetici di Affidabilità fiscale (ISA) nella dichiarazione dei redditi, nella dichiarazione Irap e nella dichiarazione IVA che hanno scelto il pagamento rateale ed hanno effettuato il primo versamento entro il 30 giugno 2021 e nonostante la proroga prevista dall’art. 9-ter, D.L. 25 maggio 2021, n. 73, hanno scelto di proseguire i versamenti secondo le scadenze del piano di rateazione originario.

cosa:

Versamento della 6a rata dell’Irpef relativa ai maggiori ricavi o compensi indicati nella dichiarazione dei redditi. Sulle rate aventi scadenza successiva al 15 settembre 2021 sono dovuti gli interessi al tasso del 4 per cento annuo, a decorrere dal 16 settembre 2021. Gli interessi di rateazione eventualmente già versati, non più dovuti per effetto della proroga, possono essere scomputati dagli interessi dovuti sulle rate successive.

modalità:

Modello F24 con modalità telematiche, direttamente (utilizzando i servizi “F24 web” o “F24 online” dell’Agenzia delle Entrate, attraverso i canali telematici Fisconline o Entratel oppure ricorrendo, tranne nel caso di modello F24 a saldo zero, ai servizi di internet banking messi a disposizione da banche, Poste Italiane e Agenti della riscossione convenzionati con l’Agenzia delle Entrate) oppure tramite intermediario abilitato

codice tributo: 4001 – Irpef Saldo

Adeguamento alle risultanze degli studi di settore e/o agli “Indici Sintetici di Affidabilità fiscale” (ISA): : versamento 6a rata

chi: Soggetti che si adeguano alle risultanze degli Indici Sintetici di Affidabilità fiscale (ISA) nella dichiarazione dei redditi, nella dichiarazione Irap e nella dichiarazione IVA che hanno scelto il pagamento rateale ed hanno effettuato il primo versamento entro il 30 giugno 2021 e nonostante la proroga prevista dall’art. 9-ter, D.L. 25 maggio 2021, n. 73, hanno scelto di proseguire i versamenti secondo le scadenze del piano di rateazione originario.

cosa:

Versamento della 6a rata dell’Irpef relativa ai maggiori ricavi o compensi indicati nella dichiarazione dei redditi. Sulle rate aventi scadenza successiva al 15 settembre 2021 sono dovuti gli interessi al tasso del 4 per cento annuo, a decorrere dal 16 settembre 2021. Gli interessi di rateazione eventualmente già versati, non più dovuti per effetto della proroga, possono essere scomputati dagli interessi dovuti sulle rate successive.

modalità:

Modello F24 con modalità telematiche, direttamente (utilizzando i servizi “F24 web” o “F24 online” dell’Agenzia delle Entrate, attraverso i canali telematici Fisconline o Entratel oppure ricorrendo, tranne nel caso di modello F24 a saldo zero, ai servizi di internet banking messi a disposizione da banche, Poste Italiane e Agenti della riscossione convenzionati con l’Agenzia delle Entrate) oppure tramite intermediario abilitato

codice tributo: 4001 – Irpef Saldo

Adeguamento alle risultanze degli studi di settore e/o agli “Indici Sintetici di Affidabilità fiscale” (ISA): : versamento 6a rata

chi: Soggetti che si adeguano alle risultanze degli Indici Sintetici di Affidabilità fiscale (ISA) nella dichiarazione dei redditi, nella dichiarazione Irap e nella dichiarazione IVA che hanno scelto il pagamento rateale ed hanno effettuato il primo versamento entro il 30 giugno 2021 e nonostante la proroga prevista dall’art. 9-ter, D.L. 25 maggio 2021, n. 73, hanno scelto di proseguire i versamenti secondo le scadenze del piano di rateazione originario.

cosa:

Versamento della 6a rata dell’Irpef relativa ai maggiori ricavi o compensi indicati nella dichiarazione dei redditi. Sulle rate aventi scadenza successiva al 15 settembre 2021 sono dovuti gli interessi al tasso del 4 per cento annuo, a decorrere dal 16 settembre 2021. Gli interessi di rateazione eventualmente già versati, non più dovuti per effetto della proroga, possono essere scomputati dagli interessi dovuti sulle rate successive.

modalità:

Modello F24 con modalità telematiche, direttamente (utilizzando i servizi “F24 web” o “F24 online” dell’Agenzia delle Entrate, attraverso i canali telematici Fisconline o Entratel oppure ricorrendo, tranne nel caso di modello F24 a saldo zero, ai servizi di internet banking messi a disposizione da banche, Poste Italiane e Agenti della riscossione convenzionati con l’Agenzia delle Entrate) oppure tramite intermediario abilitato

codice tributo: 4001 – Irpef Saldo

Adeguamento alle risultanze degli studi di settore e/o agli “Indici Sintetici di Affidabilità fiscale” (ISA): : versamento 6a rata

chi: Soggetti che si adeguano alle risultanze degli Indici Sintetici di Affidabilità fiscale (ISA) nella dichiarazione dei redditi, nella dichiarazione Irap e nella dichiarazione IVA che hanno scelto il pagamento rateale ed hanno effettuato il primo versamento entro il 30 giugno 2021 e nonostante la proroga prevista dall’art. 9-ter, D.L. 25 maggio 2021, n. 73, hanno scelto di proseguire i versamenti secondo le scadenze del piano di rateazione originario.

cosa:

Versamento della 6a rata dell’Irpef relativa ai maggiori ricavi o compensi indicati nella dichiarazione dei redditi. Sulle rate aventi scadenza successiva al 15 settembre 2021 sono dovuti gli interessi al tasso del 4 per cento annuo, a decorrere dal 16 settembre 2021. Gli interessi di rateazione eventualmente già versati, non più dovuti per effetto della proroga, possono essere scomputati dagli interessi dovuti sulle rate successive.

modalità:

Modello F24 con modalità telematiche, direttamente (utilizzando i servizi “F24 web” o “F24 online” dell’Agenzia delle Entrate, attraverso i canali telematici Fisconline o Entratel oppure ricorrendo, tranne nel caso di modello F24 a saldo zero, ai servizi di internet banking messi a disposizione da banche, Poste Italiane e Agenti della riscossione convenzionati con l’Agenzia delle Entrate) oppure tramite intermediario abilitato

codice tributo: 4001 – Irpef Saldo

Adeguamento alle risultanze degli studi di settore e/o agli “Indici Sintetici di Affidabilità fiscale” (ISA): : versamento 6a rata

chi: Soggetti che si adeguano alle risultanze degli Indici Sintetici di Affidabilità fiscale (ISA) nella dichiarazione dei redditi, nella dichiarazione Irap e nella dichiarazione IVA che hanno scelto il pagamento rateale ed hanno effettuato il primo versamento entro il 30 giugno 2021 e nonostante la proroga prevista dall’art. 9-ter, D.L. 25 maggio 2021, n. 73, hanno scelto di proseguire i versamenti secondo le scadenze del piano di rateazione originario.

cosa:

Versamento della 6a rata dell’Irpef relativa ai maggiori ricavi o compensi indicati nella dichiarazione dei redditi. Sulle rate aventi scadenza successiva al 15 settembre 2021 sono dovuti gli interessi al tasso del 4 per cento annuo, a decorrere dal 16 settembre 2021. Gli interessi di rateazione eventualmente già versati, non più dovuti per effetto della proroga, possono essere scomputati dagli interessi dovuti sulle rate successive.

modalità:

Modello F24 con modalità telematiche, direttamente (utilizzando i servizi “F24 web” o “F24 online” dell’Agenzia delle Entrate, attraverso i canali telematici Fisconline o Entratel oppure ricorrendo, tranne nel caso di modello F24 a saldo zero, ai servizi di internet banking messi a disposizione da banche, Poste Italiane e Agenti della riscossione convenzionati con l’Agenzia delle Entrate) oppure tramite intermediario abilitato

codice tributo: 4001 – Irpef Saldo

Adeguamento alle risultanze degli studi di settore e/o agli “Indici Sintetici di Affidabilità fiscale” (ISA): : versamento 6a rata

chi: Soggetti che si adeguano alle risultanze degli Indici Sintetici di Affidabilità fiscale (ISA) nella dichiarazione dei redditi, nella dichiarazione Irap e nella dichiarazione IVA che hanno scelto il pagamento rateale ed hanno effettuato il primo versamento entro il 30 giugno 2021 e nonostante la proroga prevista dall’art. 9-ter, D.L. 25 maggio 2021, n. 73, hanno scelto di proseguire i versamenti secondo le scadenze del piano di rateazione originario.

cosa:

Versamento della 6a rata dell’Irpef relativa ai maggiori ricavi o compensi indicati nella dichiarazione dei redditi. Sulle rate aventi scadenza successiva al 15 settembre 2021 sono dovuti gli interessi al tasso del 4 per cento annuo, a decorrere dal 16 settembre 2021. Gli interessi di rateazione eventualmente già versati, non più dovuti per effetto della proroga, possono essere scomputati dagli interessi dovuti sulle rate successive.

modalità:

Modello F24 con modalità telematiche, direttamente (utilizzando i servizi “F24 web” o “F24 online” dell’Agenzia delle Entrate, attraverso i canali telematici Fisconline o Entratel oppure ricorrendo, tranne nel caso di modello F24 a saldo zero, ai servizi di internet banking messi a disposizione da banche, Poste Italiane e Agenti della riscossione convenzionati con l’Agenzia delle Entrate) oppure tramite intermediario abilitato

codice tributo: 4001 – Irpef Saldo

Adeguamento alle risultanze degli studi di settore e/o agli “Indici Sintetici di Affidabilità fiscale” (ISA): : versamento 6a rata

chi: Soggetti che si adeguano alle risultanze degli Indici Sintetici di Affidabilità fiscale (ISA) nella dichiarazione dei redditi, nella dichiarazione Irap e nella dichiarazione IVA che hanno scelto il pagamento rateale ed hanno effettuato il primo versamento entro il 30 giugno 2021 e nonostante la proroga prevista dall’art. 9-ter, D.L. 25 maggio 2021, n. 73, hanno scelto di proseguire i versamenti secondo le scadenze del piano di rateazione originario.

cosa:

Versamento della 6a rata dell’Irpef relativa ai maggiori ricavi o compensi indicati nella dichiarazione dei redditi. Sulle rate aventi scadenza successiva al 15 settembre 2021 sono dovuti gli interessi al tasso del 4 per cento annuo, a decorrere dal 16 settembre 2021. Gli interessi di rateazione eventualmente già versati, non più dovuti per effetto della proroga, possono essere scomputati dagli interessi dovuti sulle rate successive.

modalità:

Modello F24 con modalità telematiche, direttamente (utilizzando i servizi “F24 web” o “F24 online” dell’Agenzia delle Entrate, attraverso i canali telematici Fisconline o Entratel oppure ricorrendo, tranne nel caso di modello F24 a saldo zero, ai servizi di internet banking messi a disposizione da banche, Poste Italiane e Agenti della riscossione convenzionati con l’Agenzia delle Entrate) oppure tramite intermediario abilitato

codice tributo: 4001 – Irpef Saldo

Adeguamento alle risultanze degli studi di settore e/o agli “Indici Sintetici di Affidabilità fiscale” (ISA): : versamento 6a rata

chi: Soggetti che si adeguano alle risultanze degli Indici Sintetici di Affidabilità fiscale (ISA) nella dichiarazione dei redditi, nella dichiarazione Irap e nella dichiarazione IVA che hanno scelto il pagamento rateale ed hanno effettuato il primo versamento entro il 30 giugno 2021 e nonostante la proroga prevista dall’art. 9-ter, D.L. 25 maggio 2021, n. 73, hanno scelto di proseguire i versamenti secondo le scadenze del piano di rateazione originario.

cosa:

Versamento della 6a rata dell’Irpef relativa ai maggiori ricavi o compensi indicati nella dichiarazione dei redditi. Sulle rate aventi scadenza successiva al 15 settembre 2021 sono dovuti gli interessi al tasso del 4 per cento annuo, a decorrere dal 16 settembre 2021. Gli interessi di rateazione eventualmente già versati, non più dovuti per effetto della proroga, possono essere scomputati dagli interessi dovuti sulle rate successive.

modalità:

Modello F24 con modalità telematiche, direttamente (utilizzando i servizi “F24 web” o “F24 online” dell’Agenzia delle Entrate, attraverso i canali telematici Fisconline o Entratel oppure ricorrendo, tranne nel caso di modello F24 a saldo zero, ai servizi di internet banking messi a disposizione da banche, Poste Italiane e Agenti della riscossione convenzionati con l’Agenzia delle Entrate) oppure tramite intermediario abilitato

codice tributo: 4001 – Irpef Saldo

Adeguamento alle risultanze degli studi di settore e/o agli “Indici Sintetici di Affidabilità fiscale” (ISA): : versamento 6a rata

chi: Soggetti che si adeguano alle risultanze degli Indici Sintetici di Affidabilità fiscale (ISA) nella dichiarazione dei redditi, nella dichiarazione Irap e nella dichiarazione IVA che hanno scelto il pagamento rateale ed hanno effettuato il primo versamento entro il 30 giugno 2021 e nonostante la proroga prevista dall’art. 9-ter, D.L. 25 maggio 2021, n. 73, hanno scelto di proseguire i versamenti secondo le scadenze del piano di rateazione originario.

cosa:

Versamento della 6a rata dell’Irpef relativa ai maggiori ricavi o compensi indicati nella dichiarazione dei redditi. Sulle rate aventi scadenza successiva al 15 settembre 2021 sono dovuti gli interessi al tasso del 4 per cento annuo, a decorrere dal 16 settembre 2021. Gli interessi di rateazione eventualmente già versati, non più dovuti per effetto della proroga, possono essere scomputati dagli interessi dovuti sulle rate successive.

modalità:

Modello F24 con modalità telematiche, direttamente (utilizzando i servizi “F24 web” o “F24 online” dell’Agenzia delle Entrate, attraverso i canali telematici Fisconline o Entratel oppure ricorrendo, tranne nel caso di modello F24 a saldo zero, ai servizi di internet banking messi a disposizione da banche, Poste Italiane e Agenti della riscossione convenzionati con l’Agenzia delle Entrate) oppure tramite intermediario abilitato

codice tributo: 4001 – Irpef Saldo

Adeguamento alle risultanze degli studi di settore e/o agli “Indici Sintetici di Affidabilità fiscale” (ISA): : versamento 6a rata

chi: Soggetti che si adeguano alle risultanze degli Indici Sintetici di Affidabilità fiscale (ISA) nella dichiarazione dei redditi, nella dichiarazione Irap e nella dichiarazione IVA che hanno scelto il pagamento rateale ed hanno effettuato il primo versamento entro il 30 giugno 2021 e nonostante la proroga prevista dall’art. 9-ter, D.L. 25 maggio 2021, n. 73, hanno scelto di proseguire i versamenti secondo le scadenze del piano di rateazione originario.

cosa:

Versamento della 6a rata dell’Irpef relativa ai maggiori ricavi o compensi indicati nella dichiarazione dei redditi. Sulle rate aventi scadenza successiva al 15 settembre 2021 sono dovuti gli interessi al tasso del 4 per cento annuo, a decorrere dal 16 settembre 2021. Gli interessi di rateazione eventualmente già versati, non più dovuti per effetto della proroga, possono essere scomputati dagli interessi dovuti sulle rate successive.

modalità:

Modello F24 con modalità telematiche, direttamente (utilizzando i servizi “F24 web” o “F24 online” dell’Agenzia delle Entrate, attraverso i canali telematici Fisconline o Entratel oppure ricorrendo, tranne nel caso di modello F24 a saldo zero, ai servizi di internet banking messi a disposizione da banche, Poste Italiane e Agenti della riscossione convenzionati con l’Agenzia delle Entrate) oppure tramite intermediario abilitato

codice tributo: 4001 – Irpef Saldo

Adeguamento alle risultanze degli studi di settore e/o agli “Indici Sintetici di Affidabilità fiscale” (ISA): : versamento 6a rata

chi: Soggetti che si adeguano alle risultanze degli Indici Sintetici di Affidabilità fiscale (ISA) nella dichiarazione dei redditi, nella dichiarazione Irap e nella dichiarazione IVA che hanno scelto il pagamento rateale ed hanno effettuato il primo versamento entro il 30 giugno 2021 e nonostante la proroga prevista dall’art. 9-ter, D.L. 25 maggio 2021, n. 73, hanno scelto di proseguire i versamenti secondo le scadenze del piano di rateazione originario.

cosa:

Versamento della 6a rata dell’Irpef relativa ai maggiori ricavi o compensi indicati nella dichiarazione dei redditi. Sulle rate aventi scadenza successiva al 15 settembre 2021 sono dovuti gli interessi al tasso del 4 per cento annuo, a decorrere dal 16 settembre 2021. Gli interessi di rateazione eventualmente già versati, non più dovuti per effetto della proroga, possono essere scomputati dagli interessi dovuti sulle rate successive.

modalità:

Modello F24 con modalità telematiche, direttamente (utilizzando i servizi “F24 web” o “F24 online” dell’Agenzia delle Entrate, attraverso i canali telematici Fisconline o Entratel oppure ricorrendo, tranne nel caso di modello F24 a saldo zero, ai servizi di internet banking messi a disposizione da banche, Poste Italiane e Agenti della riscossione convenzionati con l’Agenzia delle Entrate) oppure tramite intermediario abilitato

codice tributo: 4001 – Irpef Saldo

Adeguamento alle risultanze degli studi di settore e/o agli “Indici Sintetici di Affidabilità fiscale” (ISA): : versamento 6a rata

chi: Soggetti che si adeguano alle risultanze degli Indici Sintetici di Affidabilità fiscale (ISA) nella dichiarazione dei redditi, nella dichiarazione Irap e nella dichiarazione IVA che hanno scelto il pagamento rateale ed hanno effettuato il primo versamento entro il 30 giugno 2021 e nonostante la proroga prevista dall’art. 9-ter, D.L. 25 maggio 2021, n. 73, hanno scelto di proseguire i versamenti secondo le scadenze del piano di rateazione originario.

cosa:

Versamento della 6a rata dell’Irpef relativa ai maggiori ricavi o compensi indicati nella dichiarazione dei redditi. Sulle rate aventi scadenza successiva al 15 settembre 2021 sono dovuti gli interessi al tasso del 4 per cento annuo, a decorrere dal 16 settembre 2021. Gli interessi di rateazione eventualmente già versati, non più dovuti per effetto della proroga, possono essere scomputati dagli interessi dovuti sulle rate successive.

modalità:

Modello F24 con modalità telematiche, direttamente (utilizzando i servizi “F24 web” o “F24 online” dell’Agenzia delle Entrate, attraverso i canali telematici Fisconline o Entratel oppure ricorrendo, tranne nel caso di modello F24 a saldo zero, ai servizi di internet banking messi a disposizione da banche, Poste Italiane e Agenti della riscossione convenzionati con l’Agenzia delle Entrate) oppure tramite intermediario abilitato

codice tributo: 4001 – Irpef Saldo

Adeguamento alle risultanze degli studi di settore e/o agli “Indici Sintetici di Affidabilità fiscale” (ISA): : versamento 6a rata

chi: Soggetti che si adeguano alle risultanze degli Indici Sintetici di Affidabilità fiscale (ISA) nella dichiarazione dei redditi, nella dichiarazione Irap e nella dichiarazione IVA che hanno scelto il pagamento rateale ed hanno effettuato il primo versamento entro il 30 giugno 2021 e nonostante la proroga prevista dall’art. 9-ter, D.L. 25 maggio 2021, n. 73, hanno scelto di proseguire i versamenti secondo le scadenze del piano di rateazione originario.

cosa:

Versamento della 6a rata dell’Irpef relativa ai maggiori ricavi o compensi indicati nella dichiarazione dei redditi. Sulle rate aventi scadenza successiva al 15 settembre 2021 sono dovuti gli interessi al tasso del 4 per cento annuo, a decorrere dal 16 settembre 2021. Gli interessi di rateazione eventualmente già versati, non più dovuti per effetto della proroga, possono essere scomputati dagli interessi dovuti sulle rate successive.

modalità:

Modello F24 con modalità telematiche, direttamente (utilizzando i servizi “F24 web” o “F24 online” dell’Agenzia delle Entrate, attraverso i canali telematici Fisconline o Entratel oppure ricorrendo, tranne nel caso di modello F24 a saldo zero, ai servizi di internet banking messi a disposizione da banche, Poste Italiane e Agenti della riscossione convenzionati con l’Agenzia delle Entrate) oppure tramite intermediario abilitato

codice tributo: 4001 – Irpef Saldo

Adeguamento alle risultanze degli studi di settore e/o agli “Indici Sintetici di Affidabilità fiscale” (ISA): : versamento 6a rata

chi: Soggetti che si adeguano alle risultanze degli Indici Sintetici di Affidabilità fiscale (ISA) nella dichiarazione dei redditi, nella dichiarazione Irap e nella dichiarazione IVA che hanno scelto il pagamento rateale ed hanno effettuato il primo versamento entro il 30 giugno 2021 e nonostante la proroga prevista dall’art. 9-ter, D.L. 25 maggio 2021, n. 73, hanno scelto di proseguire i versamenti secondo le scadenze del piano di rateazione originario.

cosa:

Versamento della 6a rata dell’Irpef relativa ai maggiori ricavi o compensi indicati nella dichiarazione dei redditi. Sulle rate aventi scadenza successiva al 15 settembre 2021 sono dovuti gli interessi al tasso del 4 per cento annuo, a decorrere dal 16 settembre 2021. Gli interessi di rateazione eventualmente già versati, non più dovuti per effetto della proroga, possono essere scomputati dagli interessi dovuti sulle rate successive.

modalità:

Modello F24 con modalità telematiche, direttamente (utilizzando i servizi “F24 web” o “F24 online” dell’Agenzia delle Entrate, attraverso i canali telematici Fisconline o Entratel oppure ricorrendo, tranne nel caso di modello F24 a saldo zero, ai servizi di internet banking messi a disposizione da banche, Poste Italiane e Agenti della riscossione convenzionati con l’Agenzia delle Entrate) oppure tramite intermediario abilitato

codice tributo: 4001 – Irpef Saldo

Adeguamento alle risultanze degli studi di settore e/o agli “Indici Sintetici di Affidabilità fiscale” (ISA): : versamento 6a rata

chi: Soggetti che si adeguano alle risultanze degli Indici Sintetici di Affidabilità fiscale (ISA) nella dichiarazione dei redditi, nella dichiarazione Irap e nella dichiarazione IVA che hanno scelto il pagamento rateale ed hanno effettuato il primo versamento entro il 30 giugno 2021 e nonostante la proroga prevista dall’art. 9-ter, D.L. 25 maggio 2021, n. 73, hanno scelto di proseguire i versamenti secondo le scadenze del piano di rateazione originario.

cosa:

Versamento della 6a rata dell’Irpef relativa ai maggiori ricavi o compensi indicati nella dichiarazione dei redditi. Sulle rate aventi scadenza successiva al 15 settembre 2021 sono dovuti gli interessi al tasso del 4 per cento annuo, a decorrere dal 16 settembre 2021. Gli interessi di rateazione eventualmente già versati, non più dovuti per effetto della proroga, possono essere scomputati dagli interessi dovuti sulle rate successive.

modalità:

Modello F24 con modalità telematiche, direttamente (utilizzando i servizi “F24 web” o “F24 online” dell’Agenzia delle Entrate, attraverso i canali telematici Fisconline o Entratel oppure ricorrendo, tranne nel caso di modello F24 a saldo zero, ai servizi di internet banking messi a disposizione da banche, Poste Italiane e Agenti della riscossione convenzionati con l’Agenzia delle Entrate) oppure tramite intermediario abilitato

codice tributo: 4001 – Irpef Saldo

Adeguamento alle risultanze degli studi di settore e/o agli “Indici Sintetici di Affidabilità fiscale” (ISA): : versamento 6a rata

chi: Soggetti che si adeguano alle risultanze degli Indici Sintetici di Affidabilità fiscale (ISA) nella dichiarazione dei redditi, nella dichiarazione Irap e nella dichiarazione IVA che hanno scelto il pagamento rateale ed hanno effettuato il primo versamento entro il 30 giugno 2021 e nonostante la proroga prevista dall’art. 9-ter, D.L. 25 maggio 2021, n. 73, hanno scelto di proseguire i versamenti secondo le scadenze del piano di rateazione originario.

cosa:

Versamento della 6a rata dell’Irpef relativa ai maggiori ricavi o compensi indicati nella dichiarazione dei redditi. Sulle rate aventi scadenza successiva al 15 settembre 2021 sono dovuti gli interessi al tasso del 4 per cento annuo, a decorrere dal 16 settembre 2021. Gli interessi di rateazione eventualmente già versati, non più dovuti per effetto della proroga, possono essere scomputati dagli interessi dovuti sulle rate successive.

modalità:

Modello F24 con modalità telematiche, direttamente (utilizzando i servizi “F24 web” o “F24 online” dell’Agenzia delle Entrate, attraverso i canali telematici Fisconline o Entratel oppure ricorrendo, tranne nel caso di modello F24 a saldo zero, ai servizi di internet banking messi a disposizione da banche, Poste Italiane e Agenti della riscossione convenzionati con l’Agenzia delle Entrate) oppure tramite intermediario abilitato

codice tributo: 4001 – Irpef Saldo

Adeguamento alle risultanze degli studi di settore e/o agli “Indici Sintetici di Affidabilità fiscale” (ISA): : versamento 6a rata

chi: Soggetti che si adeguano alle risultanze degli Indici Sintetici di Affidabilità fiscale (ISA) nella dichiarazione dei redditi, nella dichiarazione Irap e nella dichiarazione IVA che hanno scelto il pagamento rateale ed hanno effettuato il primo versamento entro il 30 giugno 2021 e nonostante la proroga prevista dall’art. 9-ter, D.L. 25 maggio 2021, n. 73, hanno scelto di proseguire i versamenti secondo le scadenze del piano di rateazione originario.

cosa:

Versamento della 6a rata dell’Irpef relativa ai maggiori ricavi o compensi indicati nella dichiarazione dei redditi. Sulle rate aventi scadenza successiva al 15 settembre 2021 sono dovuti gli interessi al tasso del 4 per cento annuo, a decorrere dal 16 settembre 2021. Gli interessi di rateazione eventualmente già versati, non più dovuti per effetto della proroga, possono essere scomputati dagli interessi dovuti sulle rate successive.

modalità:

Modello F24 con modalità telematiche, direttamente (utilizzando i servizi “F24 web” o “F24 online” dell’Agenzia delle Entrate, attraverso i canali telematici Fisconline o Entratel oppure ricorrendo, tranne nel caso di modello F24 a saldo zero, ai servizi di internet banking messi a disposizione da banche, Poste Italiane e Agenti della riscossione convenzionati con l’Agenzia delle Entrate) oppure tramite intermediario abilitato

codice tributo: 4001 – Irpef Saldo

Adeguamento alle risultanze degli studi di settore e/o agli “Indici Sintetici di Affidabilità fiscale” (ISA): : versamento 6a rata

chi: Soggetti che si adeguano alle risultanze degli Indici Sintetici di Affidabilità fiscale (ISA) nella dichiarazione dei redditi, nella dichiarazione Irap e nella dichiarazione IVA che hanno scelto il pagamento rateale ed hanno effettuato il primo versamento entro il 30 giugno 2021 e nonostante la proroga prevista dall’art. 9-ter, D.L. 25 maggio 2021, n. 73, hanno scelto di proseguire i versamenti secondo le scadenze del piano di rateazione originario.

cosa:

Versamento della 6a rata dell’Irpef relativa ai maggiori ricavi o compensi indicati nella dichiarazione dei redditi. Sulle rate aventi scadenza successiva al 15 settembre 2021 sono dovuti gli interessi al tasso del 4 per cento annuo, a decorrere dal 16 settembre 2021. Gli interessi di rateazione eventualmente già versati, non più dovuti per effetto della proroga, possono essere scomputati dagli interessi dovuti sulle rate successive.

modalità:

Modello F24 con modalità telematiche, direttamente (utilizzando i servizi “F24 web” o “F24 online” dell’Agenzia delle Entrate, attraverso i canali telematici Fisconline o Entratel oppure ricorrendo, tranne nel caso di modello F24 a saldo zero, ai servizi di internet banking messi a disposizione da banche, Poste Italiane e Agenti della riscossione convenzionati con l’Agenzia delle Entrate) oppure tramite intermediario abilitato

codice tributo: 4001 – Irpef Saldo

Adeguamento alle risultanze degli studi di settore e/o agli “Indici Sintetici di Affidabilità fiscale” (ISA): : versamento 6a rata

chi: Soggetti che si adeguano alle risultanze degli Indici Sintetici di Affidabilità fiscale (ISA) nella dichiarazione dei redditi, nella dichiarazione Irap e nella dichiarazione IVA che hanno scelto il pagamento rateale ed hanno effettuato il primo versamento entro il 30 giugno 2021 e nonostante la proroga prevista dall’art. 9-ter, D.L. 25 maggio 2021, n. 73, hanno scelto di proseguire i versamenti secondo le scadenze del piano di rateazione originario.

cosa:

Versamento della 6a rata dell’Irpef relativa ai maggiori ricavi o compensi indicati nella dichiarazione dei redditi. Sulle rate aventi scadenza successiva al 15 settembre 2021 sono dovuti gli interessi al tasso del 4 per cento annuo, a decorrere dal 16 settembre 2021. Gli interessi di rateazione eventualmente già versati, non più dovuti per effetto della proroga, possono essere scomputati dagli interessi dovuti sulle rate successive.

modalità:

Modello F24 con modalità telematiche, direttamente (utilizzando i servizi “F24 web” o “F24 online” dell’Agenzia delle Entrate, attraverso i canali telematici Fisconline o Entratel oppure ricorrendo, tranne nel caso di modello F24 a saldo zero, ai servizi di internet banking messi a disposizione da banche, Poste Italiane e Agenti della riscossione convenzionati con l’Agenzia delle Entrate) oppure tramite intermediario abilitato

codice tributo: 4001 – Irpef Saldo

Adeguamento alle risultanze degli studi di settore e/o agli “Indici Sintetici di Affidabilità fiscale” (ISA): : versamento 6a rata

chi: Soggetti che si adeguano alle risultanze degli Indici Sintetici di Affidabilità fiscale (ISA) nella dichiarazione dei redditi, nella dichiarazione Irap e nella dichiarazione IVA che hanno scelto il pagamento rateale ed hanno effettuato il primo versamento entro il 30 giugno 2021 e nonostante la proroga prevista dall’art. 9-ter, D.L. 25 maggio 2021, n. 73, hanno scelto di proseguire i versamenti secondo le scadenze del piano di rateazione originario.

cosa:

Versamento della 6a rata dell’Irpef relativa ai maggiori ricavi o compensi indicati nella dichiarazione dei redditi. Sulle rate aventi scadenza successiva al 15 settembre 2021 sono dovuti gli interessi al tasso del 4 per cento annuo, a decorrere dal 16 settembre 2021. Gli interessi di rateazione eventualmente già versati, non più dovuti per effetto della proroga, possono essere scomputati dagli interessi dovuti sulle rate successive.

modalità:

Modello F24 con modalità telematiche, direttamente (utilizzando i servizi “F24 web” o “F24 online” dell’Agenzia delle Entrate, attraverso i canali telematici Fisconline o Entratel oppure ricorrendo, tranne nel caso di modello F24 a saldo zero, ai servizi di internet banking messi a disposizione da banche, Poste Italiane e Agenti della riscossione convenzionati con l’Agenzia delle Entrate) oppure tramite intermediario abilitato

codice tributo: 4001 – Irpef Saldo

Adeguamento alle risultanze degli studi di settore e/o agli “Indici Sintetici di Affidabilità fiscale” (ISA): : versamento 6a rata

chi: Soggetti che si adeguano alle risultanze degli Indici Sintetici di Affidabilità fiscale (ISA) nella dichiarazione dei redditi, nella dichiarazione Irap e nella dichiarazione IVA che hanno scelto il pagamento rateale ed hanno effettuato il primo versamento entro il 30 giugno 2021 e nonostante la proroga prevista dall’art. 9-ter, D.L. 25 maggio 2021, n. 73, hanno scelto di proseguire i versamenti secondo le scadenze del piano di rateazione originario.

cosa:

Versamento della 6a rata dell’Irpef relativa ai maggiori ricavi o compensi indicati nella dichiarazione dei redditi. Sulle rate aventi scadenza successiva al 15 settembre 2021 sono dovuti gli interessi al tasso del 4 per cento annuo, a decorrere dal 16 settembre 2021. Gli interessi di rateazione eventualmente già versati, non più dovuti per effetto della proroga, possono essere scomputati dagli interessi dovuti sulle rate successive.

modalità:

Modello F24 con modalità telematiche, direttamente (utilizzando i servizi “F24 web” o “F24 online” dell’Agenzia delle Entrate, attraverso i canali telematici Fisconline o Entratel oppure ricorrendo, tranne nel caso di modello F24 a saldo zero, ai servizi di internet banking messi a disposizione da banche, Poste Italiane e Agenti della riscossione convenzionati con l’Agenzia delle Entrate) oppure tramite intermediario abilitato

codice tributo: 4001 – Irpef Saldo

Adeguamento alle risultanze degli studi di settore e/o agli “Indici Sintetici di Affidabilità fiscale” (ISA): : versamento 6a rata

chi: Soggetti che si adeguano alle risultanze degli Indici Sintetici di Affidabilità fiscale (ISA) nella dichiarazione dei redditi, nella dichiarazione Irap e nella dichiarazione IVA che hanno scelto il pagamento rateale ed hanno effettuato il primo versamento entro il 30 giugno 2021 e nonostante la proroga prevista dall’art. 9-ter, D.L. 25 maggio 2021, n. 73, hanno scelto di proseguire i versamenti secondo le scadenze del piano di rateazione originario.

cosa:

Versamento della 6a rata dell’Irpef relativa ai maggiori ricavi o compensi indicati nella dichiarazione dei redditi. Sulle rate aventi scadenza successiva al 15 settembre 2021 sono dovuti gli interessi al tasso del 4 per cento annuo, a decorrere dal 16 settembre 2021. Gli interessi di rateazione eventualmente già versati, non più dovuti per effetto della proroga, possono essere scomputati dagli interessi dovuti sulle rate successive.

modalità:

Modello F24 con modalità telematiche, direttamente (utilizzando i servizi “F24 web” o “F24 online” dell’Agenzia delle Entrate, attraverso i canali telematici Fisconline o Entratel oppure ricorrendo, tranne nel caso di modello F24 a saldo zero, ai servizi di internet banking messi a disposizione da banche, Poste Italiane e Agenti della riscossione convenzionati con l’Agenzia delle Entrate) oppure tramite intermediario abilitato

codice tributo: 4001 – Irpef Saldo

Adeguamento alle risultanze degli studi di settore e/o agli “Indici Sintetici di Affidabilità fiscale” (ISA): : versamento 6a rata

chi: Soggetti che si adeguano alle risultanze degli Indici Sintetici di Affidabilità fiscale (ISA) nella dichiarazione dei redditi, nella dichiarazione Irap e nella dichiarazione IVA che hanno scelto il pagamento rateale ed hanno effettuato il primo versamento entro il 30 giugno 2021 e nonostante la proroga prevista dall’art. 9-ter, D.L. 25 maggio 2021, n. 73, hanno scelto di proseguire i versamenti secondo le scadenze del piano di rateazione originario.

cosa:

Versamento della 6a rata dell’Irpef relativa ai maggiori ricavi o compensi indicati nella dichiarazione dei redditi. Sulle rate aventi scadenza successiva al 15 settembre 2021 sono dovuti gli interessi al tasso del 4 per cento annuo, a decorrere dal 16 settembre 2021. Gli interessi di rateazione eventualmente già versati, non più dovuti per effetto della proroga, possono essere scomputati dagli interessi dovuti sulle rate successive.

modalità:

Modello F24 con modalità telematiche, direttamente (utilizzando i servizi “F24 web” o “F24 online” dell’Agenzia delle Entrate, attraverso i canali telematici Fisconline o Entratel oppure ricorrendo, tranne nel caso di modello F24 a saldo zero, ai servizi di internet banking messi a disposizione da banche, Poste Italiane e Agenti della riscossione convenzionati con l’Agenzia delle Entrate) oppure tramite intermediario abilitato

codice tributo: 4001 – Irpef Saldo

Adeguamento alle risultanze degli studi di settore e/o agli “Indici Sintetici di Affidabilità fiscale” (ISA): : versamento 6a rata

chi: Soggetti che si adeguano alle risultanze degli Indici Sintetici di Affidabilità fiscale (ISA) nella dichiarazione dei redditi, nella dichiarazione Irap e nella dichiarazione IVA che hanno scelto il pagamento rateale ed hanno effettuato il primo versamento entro il 30 giugno 2021 e nonostante la proroga prevista dall’art. 9-ter, D.L. 25 maggio 2021, n. 73, hanno scelto di proseguire i versamenti secondo le scadenze del piano di rateazione originario.

cosa:

Versamento della 6a rata dell’Irpef relativa ai maggiori ricavi o compensi indicati nella dichiarazione dei redditi. Sulle rate aventi scadenza successiva al 15 settembre 2021 sono dovuti gli interessi al tasso del 4 per cento annuo, a decorrere dal 16 settembre 2021. Gli interessi di rateazione eventualmente già versati, non più dovuti per effetto della proroga, possono essere scomputati dagli interessi dovuti sulle rate successive.

modalità:

Modello F24 con modalità telematiche, direttamente (utilizzando i servizi “F24 web” o “F24 online” dell’Agenzia delle Entrate, attraverso i canali telematici Fisconline o Entratel oppure ricorrendo, tranne nel caso di modello F24 a saldo zero, ai servizi di internet banking messi a disposizione da banche, Poste Italiane e Agenti della riscossione convenzionati con l’Agenzia delle Entrate) oppure tramite intermediario abilitato

codice tributo: 4001 – Irpef Saldo

Adeguamento alle risultanze degli studi di settore e/o agli “Indici Sintetici di Affidabilità fiscale” (ISA): : versamento 6a rata

chi: Soggetti che si adeguano alle risultanze degli Indici Sintetici di Affidabilità fiscale (ISA) nella dichiarazione dei redditi, nella dichiarazione Irap e nella dichiarazione IVA che hanno scelto il pagamento rateale ed hanno effettuato il primo versamento entro il 30 giugno 2021 e nonostante la proroga prevista dall’art. 9-ter, D.L. 25 maggio 2021, n. 73, hanno scelto di proseguire i versamenti secondo le scadenze del piano di rateazione originario.

cosa:

Versamento della 6a rata dell’Irpef relativa ai maggiori ricavi o compensi indicati nella dichiarazione dei redditi. Sulle rate aventi scadenza successiva al 15 settembre 2021 sono dovuti gli interessi al tasso del 4 per cento annuo, a decorrere dal 16 settembre 2021. Gli interessi di rateazione eventualmente già versati, non più dovuti per effetto della proroga, possono essere scomputati dagli interessi dovuti sulle rate successive.

modalità:

Modello F24 con modalità telematiche, direttamente (utilizzando i servizi “F24 web” o “F24 online” dell’Agenzia delle Entrate, attraverso i canali telematici Fisconline o Entratel oppure ricorrendo, tranne nel caso di modello F24 a saldo zero, ai servizi di internet banking messi a disposizione da banche, Poste Italiane e Agenti della riscossione convenzionati con l’Agenzia delle Entrate) oppure tramite intermediario abilitato

codice tributo: 4001 – Irpef Saldo

Adeguamento alle risultanze degli studi di settore e/o agli “Indici Sintetici di Affidabilità fiscale” (ISA): : versamento 6a rata

chi: Soggetti che si adeguano alle risultanze degli Indici Sintetici di Affidabilità fiscale (ISA) nella dichiarazione dei redditi, nella dichiarazione Irap e nella dichiarazione IVA che hanno scelto il pagamento rateale ed hanno effettuato il primo versamento entro il 30 giugno 2021 e nonostante la proroga prevista dall’art. 9-ter, D.L. 25 maggio 2021, n. 73, hanno scelto di proseguire i versamenti secondo le scadenze del piano di rateazione originario.

cosa:

Versamento della 6a rata dell’Irpef relativa ai maggiori ricavi o compensi indicati nella dichiarazione dei redditi. Sulle rate aventi scadenza successiva al 15 settembre 2021 sono dovuti gli interessi al tasso del 4 per cento annuo, a decorrere dal 16 settembre 2021. Gli interessi di rateazione eventualmente già versati, non più dovuti per effetto della proroga, possono essere scomputati dagli interessi dovuti sulle rate successive.

modalità:

Modello F24 con modalità telematiche, direttamente (utilizzando i servizi “F24 web” o “F24 online” dell’Agenzia delle Entrate, attraverso i canali telematici Fisconline o Entratel oppure ricorrendo, tranne nel caso di modello F24 a saldo zero, ai servizi di internet banking messi a disposizione da banche, Poste Italiane e Agenti della riscossione convenzionati con l’Agenzia delle Entrate) oppure tramite intermediario abilitato

codice tributo: 4001 – Irpef Saldo

Adeguamento alle risultanze degli studi di settore e/o agli “Indici Sintetici di Affidabilità fiscale” (ISA): : versamento 6a rata

chi: Soggetti che si adeguano alle risultanze degli Indici Sintetici di Affidabilità fiscale (ISA) nella dichiarazione dei redditi, nella dichiarazione Irap e nella dichiarazione IVA che hanno scelto il pagamento rateale ed hanno effettuato il primo versamento entro il 30 giugno 2021 e nonostante la proroga prevista dall’art. 9-ter, D.L. 25 maggio 2021, n. 73, hanno scelto di proseguire i versamenti secondo le scadenze del piano di rateazione originario.

cosa:

Versamento della 6a rata dell’Irpef relativa ai maggiori ricavi o compensi indicati nella dichiarazione dei redditi. Sulle rate aventi scadenza successiva al 15 settembre 2021 sono dovuti gli interessi al tasso del 4 per cento annuo, a decorrere dal 16 settembre 2021. Gli interessi di rateazione eventualmente già versati, non più dovuti per effetto della proroga, possono essere scomputati dagli interessi dovuti sulle rate successive.

modalità:

Modello F24 con modalità telematiche, direttamente (utilizzando i servizi “F24 web” o “F24 online” dell’Agenzia delle Entrate, attraverso i canali telematici Fisconline o Entratel oppure ricorrendo, tranne nel caso di modello F24 a saldo zero, ai servizi di internet banking messi a disposizione da banche, Poste Italiane e Agenti della riscossione convenzionati con l’Agenzia delle Entrate) oppure tramite intermediario abilitato

codice tributo: 4001 – Irpef Saldo

Adeguamento alle risultanze degli studi di settore e/o agli “Indici Sintetici di Affidabilità fiscale” (ISA): : versamento 6a rata

chi: Soggetti che si adeguano alle risultanze degli Indici Sintetici di Affidabilità fiscale (ISA) nella dichiarazione dei redditi, nella dichiarazione Irap e nella dichiarazione IVA che hanno scelto il pagamento rateale ed hanno effettuato il primo versamento entro il 30 giugno 2021 e nonostante la proroga prevista dall’art. 9-ter, D.L. 25 maggio 2021, n. 73, hanno scelto di proseguire i versamenti secondo le scadenze del piano di rateazione originario.

cosa:

Versamento della 6a rata dell’Irpef relativa ai maggiori ricavi o compensi indicati nella dichiarazione dei redditi. Sulle rate aventi scadenza successiva al 15 settembre 2021 sono dovuti gli interessi al tasso del 4 per cento annuo, a decorrere dal 16 settembre 2021. Gli interessi di rateazione eventualmente già versati, non più dovuti per effetto della proroga, possono essere scomputati dagli interessi dovuti sulle rate successive.

modalità:

Modello F24 con modalità telematiche, direttamente (utilizzando i servizi “F24 web” o “F24 online” dell’Agenzia delle Entrate, attraverso i canali telematici Fisconline o Entratel oppure ricorrendo, tranne nel caso di modello F24 a saldo zero, ai servizi di internet banking messi a disposizione da banche, Poste Italiane e Agenti della riscossione convenzionati con l’Agenzia delle Entrate) oppure tramite intermediario abilitato

codice tributo: 4001 – Irpef Saldo

Adeguamento alle risultanze degli studi di settore e/o agli “Indici Sintetici di Affidabilità fiscale” (ISA): : versamento 6a rata

chi: Soggetti che si adeguano alle risultanze degli Indici Sintetici di Affidabilità fiscale (ISA) nella dichiarazione dei redditi, nella dichiarazione Irap e nella dichiarazione IVA che hanno scelto il pagamento rateale ed hanno effettuato il primo versamento entro il 30 giugno 2021 e nonostante la proroga prevista dall’art. 9-ter, D.L. 25 maggio 2021, n. 73, hanno scelto di proseguire i versamenti secondo le scadenze del piano di rateazione originario.

cosa:

Versamento della 6a rata dell’Irpef relativa ai maggiori ricavi o compensi indicati nella dichiarazione dei redditi. Sulle rate aventi scadenza successiva al 15 settembre 2021 sono dovuti gli interessi al tasso del 4 per cento annuo, a decorrere dal 16 settembre 2021. Gli interessi di rateazione eventualmente già versati, non più dovuti per effetto della proroga, possono essere scomputati dagli interessi dovuti sulle rate successive.

modalità:

Modello F24 con modalità telematiche, direttamente (utilizzando i servizi “F24 web” o “F24 online” dell’Agenzia delle Entrate, attraverso i canali telematici Fisconline o Entratel oppure ricorrendo, tranne nel caso di modello F24 a saldo zero, ai servizi di internet banking messi a disposizione da banche, Poste Italiane e Agenti della riscossione convenzionati con l’Agenzia delle Entrate) oppure tramite intermediario abilitato

codice tributo: 4001 – Irpef Saldo

Adeguamento alle risultanze degli studi di settore e/o agli “Indici Sintetici di Affidabilità fiscale” (ISA): : versamento 6a rata

chi: Soggetti che si adeguano alle risultanze degli Indici Sintetici di Affidabilità fiscale (ISA) nella dichiarazione dei redditi, nella dichiarazione Irap e nella dichiarazione IVA che hanno scelto il pagamento rateale ed hanno effettuato il primo versamento entro il 30 giugno 2021 e nonostante la proroga prevista dall’art. 9-ter, D.L. 25 maggio 2021, n. 73, hanno scelto di proseguire i versamenti secondo le scadenze del piano di rateazione originario.

cosa:

Versamento della 6a rata dell’Irpef relativa ai maggiori ricavi o compensi indicati nella dichiarazione dei redditi. Sulle rate aventi scadenza successiva al 15 settembre 2021 sono dovuti gli interessi al tasso del 4 per cento annuo, a decorrere dal 16 settembre 2021. Gli interessi di rateazione eventualmente già versati, non più dovuti per effetto della proroga, possono essere scomputati dagli interessi dovuti sulle rate successive.

modalità:

Modello F24 con modalità telematiche, direttamente (utilizzando i servizi “F24 web” o “F24 online” dell’Agenzia delle Entrate, attraverso i canali telematici Fisconline o Entratel oppure ricorrendo, tranne nel caso di modello F24 a saldo zero, ai servizi di internet banking messi a disposizione da banche, Poste Italiane e Agenti della riscossione convenzionati con l’Agenzia delle Entrate) oppure tramite intermediario abilitato

codice tributo: 4001 – Irpef Saldo

Adeguamento alle risultanze degli studi di settore e/o agli “Indici Sintetici di Affidabilità fiscale” (ISA): : versamento 6a rata

chi: Soggetti che si adeguano alle risultanze degli Indici Sintetici di Affidabilità fiscale (ISA) nella dichiarazione dei redditi, nella dichiarazione Irap e nella dichiarazione IVA che hanno scelto il pagamento rateale ed hanno effettuato il primo versamento entro il 30 giugno 2021 e nonostante la proroga prevista dall’art. 9-ter, D.L. 25 maggio 2021, n. 73, hanno scelto di proseguire i versamenti secondo le scadenze del piano di rateazione originario.

cosa:

Versamento della 6a rata dell’Irpef relativa ai maggiori ricavi o compensi indicati nella dichiarazione dei redditi. Sulle rate aventi scadenza successiva al 15 settembre 2021 sono dovuti gli interessi al tasso del 4 per cento annuo, a decorrere dal 16 settembre 2021. Gli interessi di rateazione eventualmente già versati, non più dovuti per effetto della proroga, possono essere scomputati dagli interessi dovuti sulle rate successive.

modalità:

Modello F24 con modalità telematiche, direttamente (utilizzando i servizi “F24 web” o “F24 online” dell’Agenzia delle Entrate, attraverso i canali telematici Fisconline o Entratel oppure ricorrendo, tranne nel caso di modello F24 a saldo zero, ai servizi di internet banking messi a disposizione da banche, Poste Italiane e Agenti della riscossione convenzionati con l’Agenzia delle Entrate) oppure tramite intermediario abilitato

codice tributo: 4001 – Irpef Saldo

Adeguamento alle risultanze degli studi di settore e/o agli “Indici Sintetici di Affidabilità fiscale” (ISA): : versamento 6a rata

chi: Soggetti che si adeguano alle risultanze degli Indici Sintetici di Affidabilità fiscale (ISA) nella dichiarazione dei redditi, nella dichiarazione Irap e nella dichiarazione IVA che hanno scelto il pagamento rateale ed hanno effettuato il primo versamento entro il 30 giugno 2021 e nonostante la proroga prevista dall’art. 9-ter, D.L. 25 maggio 2021, n. 73, hanno scelto di proseguire i versamenti secondo le scadenze del piano di rateazione originario.

cosa:

Versamento della 6a rata dell’Irpef relativa ai maggiori ricavi o compensi indicati nella dichiarazione dei redditi. Sulle rate aventi scadenza successiva al 15 settembre 2021 sono dovuti gli interessi al tasso del 4 per cento annuo, a decorrere dal 16 settembre 2021. Gli interessi di rateazione eventualmente già versati, non più dovuti per effetto della proroga, possono essere scomputati dagli interessi dovuti sulle rate successive.

modalità:

Modello F24 con modalità telematiche, direttamente (utilizzando i servizi “F24 web” o “F24 online” dell’Agenzia delle Entrate, attraverso i canali telematici Fisconline o Entratel oppure ricorrendo, tranne nel caso di modello F24 a saldo zero, ai servizi di internet banking messi a disposizione da banche, Poste Italiane e Agenti della riscossione convenzionati con l’Agenzia delle Entrate) oppure tramite intermediario abilitato

codice tributo: 4001 – Irpef Saldo

L’articolo 16 novembre 2021 proviene da Metaping.

CategoryScadenze fiscali